Un “aiuto digitale” per le associazioni alle prese con la burocrazia

-

Il nostro territorio, da sempre ricco di esperienze di solidarietà e volontariato, vanta una presenza considerevole di enti di Terzo settore che svolgono la loro attività con passione e competenza in molti ambiti, sostenendo e tutelando i diritti dei cittadini, favorendo l’inclusione e promuovendo il benessere. Gli enti, in attuazione del principio di sussidiarietà, operano nel settore sociale e sanitario, ambientale e turistico, della protezione civile, del volontariato internazionale, dello sport, nel settore culturale e artistico, ecc..

Come disposto dal Codice del Terzo Settore (d. lgs. 117/2017), nell’autunno del 2021 è stato istituito il “RUNTS Registro Unico Nazionale del Terzo Settore”, un registro telematico presso Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che ha la finalità di assicurare la piena trasparenza degli enti del Terzo settore attraverso la pubblicità degli elementi informativi che vi sono iscritti. Parliamo di circa un migliaio di realtà presenti nella nostra provincia. Il Comune di Lucca, in qualità di comune capoluogo, è stato delegato dalla Regione Toscana alla gestione di specifici procedimenti inerenti la tenuta della sezione provinciale del RUNTs.
A tutti gli enti del Terzo settore, nelle varie loro tipologie, dalle organizzazioni di volontariato, alle associazioni di promozione sociale, società di mutuo soccorso, enti filantropici, ecc., viene chiesto quindi di relazionarsi con questo importante strumento, molti enti però hanno palesato difficoltà a dialogare con il RUNTs.

Il Comune di Lucca e il Centro Nazionale per il Volontariato hanno definito e siglato un protocollo d’intesa rivolto a fornire assistenza alle associazioni in ambito “Registro Unico Nazionale del Terzo settore” (RUNTs).

(Pier Giorgio Licheri, presidente del CNV, con il vicesindaco e assessore al sociale Giovanni Minniti e i volontari Rebecca Tozzetti e Stefano Sestani, responsabili dello sportello “aiuto digitale”)

Lo scopo è di favorire l’accesso ai servizi digitali per il Terzo settore offerti e gestiti dal Comune di Lucca, ferma restando l’esclusiva competenza di quest’ultimo. Compito del CNV sarà di intervenire per mitigare e, per quanto possibile, ridurre il cosiddetto digital gap, ovvero la carenza di competenze digitali necessarie per partecipare alla “Repubblica digitale”.

L’accordo è stato firmato in seguito alle numerose richieste di supporto del mondo dell’associazionismo, particolarmente da parte delle organizzazioni più piccole, che hanno trovato difficoltà nell’approcciarsi alla recente digitalizzazione dei servizi di accesso e rinnovo dell’iscrizione presso il registro degli enti di Terzo settore.

Proprio a causa delle numerose richieste, è stato deciso di affiancare all’ufficio comunale del Terzo Settore uno sportello presso il Centro Nazionale per il Volontariato col fine di ridurre le problematiche relative al portale: accesso con SPID o CIE, variazioni e modifiche dei dati, caricamenti di statuti, bilanci e altri allegati necessari, firma digitale. Lo sportello è gestito dai giovani volontari del Servizio Civile Digitale, dopo un’adeguata formazione sviluppata congiuntamente con gli Uffici comunali. Il progetto di Servizio Civile Digitale del CNV è previsto dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e fa parte dell’ampio programma sperimentale di azioni finalizzate all’alfabetizzazione e all’inclusione digitale dei cittadini.

Per completare il servizio, in aggiunta all’assistenza per il RUNTs, il Centro Nazionale per il Volontariato ha voluto mettere a disposizione delle piccole associazioni un accordo con professionisti del settore per la consulenza fiscale e per la redazione dei bilanci secondo il nuovo modello ministeriale, a costi convenzionati.

Il servizio, nel suo primo periodo di attivazione, sta ottenendo un importante apprezzamento. Sono infatti già numerosi gli enti che da tutta la provincia si sono rivolti agli esperti. Siamo certi che questa opportunità sia particolarmente utile soprattutto in questa fase nella quale gli enti iscritti si trovano, per la prima volta, a dover depositare i bilanci e provvedere all’integrazione dei dati e delle informazioni che riguardano il proprio ente.

Per informazioni e approfondimenti è possibile contattare il CNV ai seguenti recapiti:

[email protected]

351.352 4834

Foto di John Schnobrich su Unsplash

Share this article

Recent posts

Popular categories

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Recent comments

Bruno on Cima Vallona
Mariacristina Pettorini Betti on IN RICORDO DI GIOIRGIO AMBROSOLI UN ITALIANO
Mariacristina Pettorini Betti on Una camicia di Ghisa