Salotto del Vino e del Verde, la vetrina delle eccellenze enogastronomiche lucchesi sold out anche nel 2021

-

Non ha certamente risentito dell’anno di stop a causa della pandemia, almeno in termini di qualità del servizio e presenze, il Salotto del Vino e del Verde di Montecarlo, evento collaterale della Festa del Vino che lo scorso 5 settembre ha mandato in archivio l’edizione 2021. Per sei sere un pubblico ristretto ha potuto assaggiare i piatti della tradizione lucchese, preparati dai migliori chef del territorio e serviti in abbinamento ai vini Montecarlo DOC e IGT prodotti dalle aziende vinicole attive nel comprensorio previsto dal disciplinare. Tutto eseguito magnificamente nella splendida cornice del giardino dell’Istituto Pellegrini-Carmignani, situato centro a Montecarlo (LU).

NUMERI – Le restrizioni non hanno spaventato gli amanti della buona tavola e a poche ore dall’apertura delle prenotazioni il Salotto aveva già esaurito i posti a disposizione. Gli oltre 400 commensali, distribuiti in sei serate, hanno gustato una cena composta da 5 portate e 4 vini prodotti delle aziende vinicole di Montecarlo, abbinati secondo le indicazioni dei sommelier AIS o FISAR in servizio. In totale sono stati 26 vini i diversi presentati e assaggiati durante l’evento. Un lavoro paragonabile a quello di un ristorante vero e proprio, reso possibile grazie all’impegno di tantissimi attori coinvolti: il Comune, la Proloco e il Centro Commerciale Naturale di Montecarlo, le aziende vinicole del Consorzio del Vino Montecarlo DOC, i ristoranti e i fornitori, ma anche la Fisar Montecarlo e l’AIS Lucca, senza dimenticare i ragazzi volontari che hanno prestato servizio come camerieri. “Non è stata la Festa del Vino che avremmo voluto organizzare, ma il Salotto si è confermato ancora una volta il fiore all’occhiello della manifestazione – afferma il Sindaco di Montecarlo, Federico Carrara – il tutto esaurito in ogni serata testimonia abbondantemente il successo di un format consolidato, che non si è arrugginito nonostante l’anno di stop. Ci tengo particolarmente a ringraziare tutta l’organizzazione, i produttori vinicoli, i ristoratori e i fornitori, per aver dato vita, anche quest’anno, ad un evento di promozione del territorio efficace e di qualità”. “Il bilancio dell’edizione 2021 non può che essere positivo – sottolinea il consigliere delegato alle Politiche Agricole e alla DOC, Fulvio Donatini – siamo ripartiti tra tante difficoltà e incertezza, ma solo poterci essere e rimettere in moto la macchina organizzativa è motivo di grande soddisfazione. Quest’anno a causa delle restrizioni abbiamo dovuto limitare le presenze, mantenendo però immutato il livello del servizio e dell’offerta enogastronomica. Spero vivamente che sia stato l’evento della ripartenza e posso promettere già da adesso che se tutto andrà come deve, incrociamo le dita, l’anno prossimo sarà un Salotto sensazionale”.

I PRODOTTI DI ECCELLENZA – Il Salotto del Vino e del Verde anche quest’anno si è confermato un’importante vetrina per eccellenze gastronomiche del territorio. Dalle patate fornite dall’azienda Terre di Garfagnana al Fagiolo di Sorana prodotto e tutelato dall’associazione “Il Ghiareto”, dalle carni prodotte dall’Azienda Agricola il Grillo, passando per le farine della Filiera Garfagnina, il farro IGP del consorzio e i migliori prodotti dell’appennino toscano come tartufo, polenta o tonno del Chianti. Materie prime esaltate in menù ad hoc proposti dai ristoranti che hanno partecipato all’iniziativa: Serendepico, Forassiepi, Trattoria DaVero, Osteria Martinelli, Locanda Lunardi’s, Olio su Tavola e lo Chef Franco Mazzei.

Share this article

Recent posts

Popular categories

Recent comments

MARTINO DI SIMO on Se Gabanelli non è sportiva
MARTINO DI SIMO on Bastardi senza gloria
paolo mariti on Bastardi senza gloria
massimo di grazia on Chi vuole la guerra?
Giovan Sergio Benedetti on Parte da oggi la nuova rubrica #StateSereni
massimo di grazia on 4 chiacchiere al telefono sul PD