Migranti: tanto più se ne parla tanto meno si cerca una soluzione.

-

Come previsto, la speranza di una posizione dialogante sui migranti, nell’interesse del paese, non ha avuto neppure uno spiraglio.

Capolavoro di mistificazione è la posizione del segretario del PD che dice che il tema migranti si risolve con la redistribuzione obbligatoria.

Bel programma.

Primo, perché in nessun trattato è mai stato detto che qualche istituzione comunitaria possa legiferare in materia di confini, né tantomeno, obbligare uno stato ad accettare persone non cittadine di uno stato membro. L’Inghilterra è uscita dall’unione quasi prevalentemente perché non poteva impedire che i cittadini membri della UE superassero i suoi confini, figuriamoci se mai qualcuno ha pensato di estendere questi diritti a gente di fuori.

Secondo, lo Schlein pensiero è la riedizione rovesciata del NIMBY americano («Not In My BackYard» che significa: fatelo ma non nel mio giardino), che è la quint’essenza della demagogia: facciamo le cose che ci fanno sembrare belli ma lasciamo che altri paghino il conto. Solo che gli altri, generalmente, mettono un po’ i bastoni fra le ruote visto ché, fatto curioso, il nostro conto non vogliono pagarlo.

Terzo, anche se tale potere esistesse e nessuno si opponesse per distrazione o stupidità, la soluzione non potrebbe essere quella di porte aperte in modo illimitato e poi il problema lo dividiamo tra paesi con i migranti che sarebbero «sparati» come deportati in vari campi profughi in giro per l’Europa. Il rimedio sarebbe peggio del male.

L’unico dell’opposizione che ha capito il problema è Renzi che infatti ha cominciato a dire che la soluzione di Meloni (il piano Mattei per l’Africa) è l’unica cosa che ha senso fare nel lungo periodo. Le successive specifiche di una inconciliabilità con il centrodestra servono a sterilizzare l’accusa di intelligenza con il nemico ma hanno anche l’effetto di azzerare il dialogo e rendere solo formale la comunanza di vedute, valutando più conveniente il dividendo elettorale rispetto alla ricerca di soluzioni.

Il risultato è che l’opposizione scherza con il fuoco anche elettoralmente. Perché l’idea che possa esistere una soluzione che non preveda il controllo degli ingressi non verrà mai accettata dalla popolazione. E chi la sostiene, magari proponendo come alternativa il mandarli in altri stati europei, inevitabilmente si troverà spiazzato da un’opinione pubblica che sarà sempre più rigida sul tema mano a mano che i problemi di sicurezza aumenteranno.

Anche nel centrodestra la divisione comincia ad essere plateale. Ieri Salvini aveva come ospite Le Pen; il Presidente del Consiglio von der Leyen. Già questo è sufficiente a descrivere le distanze.

Ma come tutti si sono ormai resi conto, è cominciata la campagna elettorale per le europee. E i messaggi che vengono mandati sono quelli di propaganda, non di ricerca di soluzioni. E in questo clima sarà davvero difficile cercare di distinguere il lavoro serio dalla demagogia. Posto che a qualcuno interessi ancora fare questa distinzione.

Foto di Ahmed akacha

Andrea Bicocchi
Andrea Bicocchi
Imprenditore, editore de "Lo Schermo", volontario. Mi piace approfondire le cose e ho un'insana passione per tutto quello che è tecnologia e innovazione. Sono anche convinto che la comunità in cui viviamo abbia bisogno dell'impegno e del lavoro di tutti e di ciascuno. Il mio impegno nel lavoro, nel sociale e ne Lo Schermo, riflettono questa mia visione del mondo.

Share this article

Recent posts

Popular categories

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Recent comments

Daniele Celli on Campi Minati
Mariacristina Pettorini Betti on E se dai francesi imparassimo la coerenza?
Bruno on Cima Vallona
Mariacristina Pettorini Betti on IN RICORDO DI GIOIRGIO AMBROSOLI UN ITALIANO
Articolo precedente
Articolo successivo