Il PD, Conte, Renzi e l’arte della meditazione (su Confucio)

-

Che cosa sta succedendo in casa PD?

La domanda viene naturale. Fino ad ora il PD è stato il partito di riferimento per la sinistra del paese. È un partito dotato di numerosa dirigenza di un certo spessore personale, di cultura di governo e di un vasto parco di amministratori sul territorio che possono garantire la necessaria formazione di classe dirigente. Eppure è in uno stato confusionale e di evidente difficoltà.

Questa difficoltà è ben superiore a quanto sarebbe ragionevole per effetto del pur deludente risultato elettorale. Alla fine il PD è comunque il secondo partito nazionale. Ha ottenuto molti più consensi dei 5 Stelle. Elettoralmente vale più del doppio del terzo polo e più di Forza Italia e Lega insieme. Ha perso, sì, rispetto alle amministrative, ma il risultato è analogo a quanto preso nel 2018. E questo non ha impedito allora di mantenere chiara la propria identità.

Allora in cosa consiste il problema di oggi?

Il vero problema è che la segreteria Letta ha svuotato di anima il PD. È stata ondivaga e senza un vero progetto per il paese e per il partito. Prima ha indicato la rotta in un rapporto tra diversi con il M5S in cui il PD era “la sinistra” e i 5 Stelle gli esponenti di un populismo senza radici che andava magari educato e coltivato per ricondurlo in seno della tradizione della sinistra. Con l’implicita missione di svuotarlo dall’interno. Poi, di fronte alla evidenza della impossibilità di coordinarsi con un partito senza storia e senza vera idealità, ha decretato una subitanea rottura a ridosso delle elezioni. Ma a questo punto, probabilmente per antipatie personali, non solo di Letta ma di tutta la classe dirigente del partito, non ha avuto la forza o la lucidità di ridefinire un progetto politico di stampo centrista e ha contestualmente ostracizzato il terzo polo. Ma nel frattempo Conte aveva stregato i vecchi dirigenti della Ditta che avevano visto in Letta il “re travicello” che desse loro il tempo di riorganizzarsi ma certo non un leader da seguire.

E così arriviamo ad un PD che non è più sinistra riconosciuta dagli ex PCI, che orami vede nei 5 Stelle la possibilità di insediarsi come “nuova” classe dirigente, ma non è credibile come centro, dove il terzo polo ha comunque messo radici.

Questo isolamento lo si vede bene in quanto sta accadendo a Roma e Milano. Il Pd sta replicando lo schema di inabilità a decidere che portò alla corsa in solitaria, ovviamente disastrosamente perdente, alle recenti politiche.

Quindi quello che sta avvenendo è un processo di scissione tra le componenti che, in tutti questi anni, non si sono mai amalgamate. Da una parte ci sono gli “Zingaretti boys” (anche se l’età media è assai oltre il “boy”): quelli che hanno guidato la segreteria del presidente della regione Lazio e che sono di estrazione PCI (di cui si sentono ancora orfani). Dall’altra ci sono i dirigenti ex Margherita: un arcipelago di leader mai davvero uniti e che singolarmente non hanno sufficiente potere (ma forse neppure visione e idee) per dare una direzione al partito e che preferiscono battaglie di retrovia che non li espongono mai troppo e gli consentono di conservare questo relativo potere a tempo indeterminato.

Che la sinistra ex PCI sia ormai convinta di abbracciare i 5 Stelle come nuova casa, lo dimostra la piazza San Giovanni di sabato scorso. Siamo onesti: è stato un mischione. C’erano l’associazionismo cattolico e laico, i sindacati, la politica (con una sola parte per tutte le componenti: la sinistra). C’è stata la contestazione della NATO (con non pochi cartelli in giro), la contestazione per Letta (che si è trovato isolato e quasi smarrito in una piazza ostile o indifferente al segretario del PD), l’acclamazione di Landini quale leader di una nuova sinistra (unico leader sindacale che ha parlato e bucato) e il ritorno del “punto di riferimento dei democratici”: Conte.

La Piazza San Giovanni è stata il luogo dell’abbraccio (metaforico ma neanche tanto) tra quella dirigenza, che ha eletto Landini come nuovo uomo di punta, e Conte.

Le parole d’ordine? “sì” e “ma”: sì all’Ucraina ma No alla Nato, sì al sostegno al popolo invaso ma no all’invio delle armi.

Fin qui nulla di davvero nuovo: la sinistra ex PCI e il sindacato hanno una grande storia di prese di posizione, di piazze piene e frasi ad effetto senza che questo abbia mai impegnato veramente la politica (basta ricordare i bombardamenti della NATO in Cossovo durante il governo D’Alema nel ‘99). Quello che è nuovo è il silenzio, lo smarrimento del PD, nei giorni successivi. Giusto giusto qualche parolina, da parte dei maggiorenti del partito, di sostegno al segretario pubblicamente umiliato e contestato. Nessuna proposta, nessun distinguo, nessuna interpretazione del senso dell’impiego. Rimozione totale.

La scissione è nei fatti. Il congresso del rilancio è fissato tra ben sei mesi. Il vuoto nel mezzo è un buco nero che sembra assorbile tutto. Il rischio è quello di abbandonare la sinistra al populismo di Conte-Zingaretti-Landini. Una sinistra non più moderata su cui scommette il Terzo Polo con Renzi che medita su Confucio: “siediti lungo la riva del fiume e aspetta, prima o poi vedrai passare il cadavere del tuo nemico”.

Andrea Bicocchi @Andrea_Bicocchi

Foto di Armin Forster

Andrea Bicocchi
Andrea Bicocchi
Imprenditore, editore de "Lo Schermo", volontario. Mi piace approfondire le cose e ho un'insana passione per tutto quello che è tecnologia e innovazione. Sono anche convinto che la comunità in cui viviamo abbia bisogno dell'impegno e del lavoro di tutti e di ciascuno. Il mio impegno nel lavoro, nel sociale e ne Lo Schermo, riflettono questa mia visione del mondo.

Share this article

Recent posts

Popular categories

2 Commenti

  1. Continui a fare l’imprenditore e a coltivare le sue passioni, la politica è un’altra cosa. Il pd una volta era territorio dei lavoratori, era il partito che li difendeva, ora è invaso da persone che dei lavoratori, delle persone disagiate, non gli importa nulla, anzi deve essere così, altrimenti come si spiegherebbe che i lavoratori italiani sono sottopagati rispetto ad altre nazioni? Scrive di zingaretti quello che ha fatto acquistare le mascherine da un rivenditore di lampade e non si sa per il momento dove sono andati a finire i soldi? Ora la piccola massa di operai rimasta in Italia non vota più per il PD ha capito da chi è gestito.

  2. Il PD interprete delle aspirazioni “di sinistra”? Ahahah!
    Oggi “la sinistra” può essere rappresentata solo da chi si proponga come una forza di tendenza socialdemocratica sul modello scandinavo, che è quello che con tutta la prudenza possibile sta cercando di fare Conte.
    La risultanza del connubio fra ex-PC e “sinistra” DC, non ha portato a una forza politica progressista ispirata dai vari Berlinguer-Dossetti-Zaccagnini, ha portato a Renzi, Calenda e a Letta. E persino gli italiani (notoriamente tardi a capire) ormai se ne sono accorti.
    Quindi non c’è niente da fare, il PD inteso come “sinistra” sparirà quanfo finiranno (e manca poco) quegli italiani che continuano a votarlo per pura nostalgia, i cuocitori di piadine alle ex feste dell’Unità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Recent comments

MARTINO DI SIMO on Se Gabanelli non è sportiva
MARTINO DI SIMO on Bastardi senza gloria
paolo mariti on Bastardi senza gloria
massimo di grazia on Chi vuole la guerra?
Giovan Sergio Benedetti on Parte da oggi la nuova rubrica #StateSereni
massimo di grazia on 4 chiacchiere al telefono sul PD