Sindaco, Assessori e Consiglieri Comunali: quali sono davvero i compensi nel Comune di Lucca?

-

Nell’epoca del populismo più becero, uno degli argomenti più gettonati è quello relativo ai compensi dei politici. Dall’abuso del concetto di casta al Parlamento da aprire come una scatoletta di tonno (bei tempi, caro Movimento!), uno degli sport preferiti dagli italiani è quello di considerare i politici come il cancro del paese.

Il pensiero è sempre lo stesso: chi fa politica lavora male e guadagna troppo. Ma, al di là delle facili suggestioni, è davvero sempre così?

Pochi giorni fa abbiamo visto pubblicati sui giornali i complessivi redditi di Sindaco, Assessori e Consiglieri Comunali: col sangue agli occhi per i portafogli di Lemucchi e Petretti, tutti presi dall’ossessione di distinguere i ricchi dai poveri, ci si è però dimenticati di analizzare quali compensi derivino davvero dall’attività politica. Ci si è dimenticati, in pratica, di verificare quanto guadagna dalla sua attività amministrativa chi ricopre cariche pubbliche.

Non sono cifre da nababbo e forse, almeno con riferimento agli Enti Locali, è davvero giunto il momento di smentire dati alla mano il pregiudizio sui compensi faraonici dei politici.

La disciplina delle cosiddette “indennità di funzione” è prevista dal decreto del Ministero dell’Interno n. 119/2000 (poi recepito dal T.U.E.L.), che aggancia i compensi degli amministratori locali al numero degli abitanti nel territorio dell’Ente. Anche a seguito di varie pronunce della Corte dei Conti, dato che il Comune di Lucca rientra tra quelli di fascia 50.000/100.000 abitanti, oggi il Sindaco Alessandro Tambellini percepisce un compenso mensile di 4.734,10 € lordi, come da determina n. 961 del 15.06.2012 (la Giunta dell’epoca, peraltro, rinunciò anche ad alcune maggiorazioni consentite dal suddetto decreto ministeriale).

Il compenso del Vice-Sindaco e degli Assessori viene calcolato in percentuale rispetto a quello del Sindaco, in misura del 75% per il Vice-Sindaco e del 60% per gli Assessori. In pratica, Giovanni Lemucchi percepisce dal Comune di Lucca un’indennità mensile di 3.550,58 € lordi, mentre i singoli Assessori percepiscono un compenso mensile pari a 2.840,46 € lordi.

Al netto delle tasse da pagare non sono cifre da capogiro, tanto più se si pensa alle rilevanti responsabilità civili, penali e amministrative che gravano su amministratori locali che devono gestire una città di quasi 90.000 abitanti.

Misero, poi, è il trattamento economico dei Consiglieri Comunali.

La normativa di settore (D.M. n. 119/2000; T.U.E.L.; delibera comunale n. 110/2000; delibera Corte dei Conti n. 1/2012) prevede che il Consigliere Comunale abbia unicamente diritto al cosiddetto “gettone di presenza”. Gettone di presenza che, in una realtà come quella lucchese, ammonta ad appena 53,46 € lordi. Compensi davvero irrisori se si pensa che, oltre allo studio delle pratiche necessario all’attività consiliare, il Consigliere deve soprattutto essere un riferimento costante per i cittadini, un vero e proprio presidio politico sul territorio, con un notevole dispendio di tempo ed energie.

Alla luce di quanto abbiamo appena detto, sono inevitabili alcune scomode riflessioni.

Chi gestisce la cosa pubblica è spesso guardato come un ladro incapace e come un dissoluto sperperatore di denaro pubblico, ma come abbiamo visto la realtà è un po’ più complessa. Se vogliamo che nel nostro paese le città siano davvero ben amministrate, forse è necessario anche corrispondere un compenso equo a chi deve spendere il proprio tempo per farlo. Ovviamente – sia chiaro – tutto ciò deve essere fatto bene: competenza e capacità di amministrare devono considerarsi prioritarie, e sarebbe da folli negare il contrario, ma ogni gioco al ribasso rischia di far diventare la politica appannaggio solo di chi ha il tempo e le possibilità economiche per farla.

Giovanni Mastria
Giovanni Mastria
Nato a Lucca, classe 1991. Scrivo con passione di cultura, attualità, cronaca e sport e, nella vita di tutti i giorni, faccio l’Avvocato. Credo in un giornalismo di qualità e, soprattutto, nella sua fondamentale funzione sociale. Perché ho fiducia nel progetto "Oltre Lo Schermo"? Perché propone modelli e contenuti nuovi, giovani e non banali.

Share this article

Recent posts

Popular categories

Recent comments

Bruno on Cima Vallona
Mariacristina Pettorini Betti on IN RICORDO DI GIOIRGIO AMBROSOLI UN ITALIANO
Mariacristina Pettorini Betti on Una camicia di Ghisa