Lucca, Piazza XX Settembre: il centro cambia volto con il Palazzo INA

-

Sono gli anni ’30 del secolo scorso, Lucca possiede ancora il suo volto medievale in gran parte del suo centro storico. Di fronte a Piazza XX Settembre ci sono dei palazzi antichi con varie attività commerciali, come un albergo e un ristorante che prendono il nome dalla grande opera di Giacomo Puccini, “La Tosca”. Dagli alti piani governativi, siamo in pieno regime fascista, si pensa bene (o male) di abbattere i vecchi quartieri fatiscenti e riqualificare alcune zone degradate dei centri abitati, in nome della modernità e del razionalismo. L’obiettivo è quello di eliminare lo squallore, dando un nuovo volto alla città. Questo è il destino al quale sono andati incontro l’isolato di Piazza XX Settembre e Via Beccheria, le vecchie strutture vengono tirate giù, lasciando dietro di sé un grande vuoto. Era il 1938, l‘abbattimento del quartiere è un ferita che ancora oggi non si è rimarginata. Il compito di ergere nuovi e carismatici palazzi è affidato all’architetto Raffaello Brizzi, ma l’incombente ingresso dell’Italia nelle vicende belliche, stopperà la rivoluzione. Per anni rimane una grande voragine in Piazza XX Settembre, un cratere lunare, che i lucchesi adibiscono a teatrino dove mettere in scena spettacoli con marionette.

Dopo la bufera della guerra, la caduta del fascismo e l’instaurazione della Repubblica, si riprende in mano il progetto di epoca fascista e per colmare il vuoto lasciato, tocca all’architetto Emilio Brizzi – figlio di Raffaello – dar vita ai Palazzi INA e INAIL. Come stile architettonico viene ripreso quello razionalista di epoca fascista, anche se ormai siamo negli anni ’50 e alla guida del governo (non solo lucchese) troviamo lo scudo crociato della DC. Il risultato finale è qualcosa che lascia perplessi, una struttura alienante e totalmente fuori contesto rispetto allo scenario circostante, una cicatrice sfregiante direttamente nel cuore di Lucca. Il Palazzo INA, a distanza di più di settant’anni fa ancora discutere e resta uno degli scempi più grandi di un’epoca dominata dal cemento.

Tommaso Giacomelli
Tommaso Giacomelli
Giornalista e giurista, le passioni sono per me un vero motore per vivere la vita. Sono alla ricerca inesausta della verità, credo nel giornalismo libero e di qualità. Porterò il mio contributo a "Lo Schermo" perché si batte per essere una voce unica, indipendente e mai ordinaria.

Share this article

Recent posts

“Storie di Premier – Box to Box”, il libro che racconta il calcio inglese. Dalla Toscana al football d’oltremanica

Perché non parlare del calcio inglese e raccontare le sue affascinanti storie? È proprio così che nasce l'idea di lanciare “Storie di Premier” (www.storiedipremier.it),...

Lucca, la Garfagnana e l’emigrazione di fine ‘800 raccontati nel libro “Il profumo dell’Elicriso”

Il libro dello scrittore garfagnino Guglielmo Franchi - edito da Maria Pacini Fazzi Editore - offre uno spaccato interessante e veritiero del fenomeno di...

Ex Manifattura: quel “nuovo” progetto richiesto dall’Amministrazione a Coima

Abbiamo tirato un sospiro di sollievo quando, alla fine, l'amministrazione, il 16 novembre scorso, ha richiesto a Coima e Fondazione un nuovo progetto per...

“Il Mistero di Lucca”: quando Paperino e Zio Paperone si fermarono in città

Lucca è la città del fumetto, questo è risaputo a tutte le latitudini, merito di una tradizione che si porta avanti dal 1966, ovvero...

Ex Manifattura, la proposta di SìAmoLucca: un polo artistico-scolastico, il cinema, un parcheggio da 800 posti, uffici Tagetik e Agenzia delle Entrate

Un'ipotesi progettuale che prevede una sede unica per il Liceo Artistico "Passaglia" ora suddiviso su tre edifici (in modo da liberarli per consentire il...

Popular categories

Recent comments