Lucca Biennale apre l’ex Cavallerizza al pubblico

-

Lucca Biennale-Cartasia apre l’ex-Cavallerizza al pubblico. Il grande edificio all’ombra delle mura urbane (tra porta S. Donato e piazzale Verdi), da laboratorio, dove hanno preso forma le statue monumentali ora esposte in centro storico, si trasforma in mostra permanente. Al suo interno sarà possibile ammirare varie opere, alcune anche monumentali, inserite nella sezione “eXtra” della Biennale. Tra queste, Clouds of Illusion dell’artista indiano Ankon Mitra e The Amazon del collettivo TOMA!, un team di architetti e designer che crea utilizzando tecniche e materiali innovativi. In mostra anche i due bellissimi aquiloni I semi dell’Alfabeto 2017 e 2018 di Anna Onesti (in stile tsugaru il primo e a losanga il secondo), due omaggi al Giappone, paese ospite di Cartasia 2021.  

Accanto a queste opere, anche gli Oggetti inquieti dell’artista lucchese Jonathan Bocca e l’abito da sposa interamente realizzato in carta indossato da Davide Francesca durante la performance tenutasi per le vie di Lucca nei giorni scorsi. All’interno dell’ex Cavallerizza sarà disponibile anche un’area riservata ai bambini, un kindergarten organizzato da Papperlappap, una delle tante nuove collaborazioni messe in campo da Lucca Biennale per queste decima edizione. L’ingresso all’ex Cavallerizza (dalle 10 alle 18) è gratuito. Le mostre rimarranno aperte al pubblico fino al 26 settembre. 

Come ogni settimana, Cartasia propone vari laboratori per i più piccoli, tutti alla Casermetta S. Paolino. Martedì 17 agosto dalle 17.30 alle 19, l’edu-lab dedicato all’opera Crossing Borders realizzato da Sebastian Blomqvist, dalla quale i piccoli artisti prenderanno ispirazione per le loro creazioni (per bambini dai 9 anni in poi). Giovedì 19 agosto, alle 16:45 e alle 18, “Stencil! Che opera d’arte”, realizzato in collaborazione con Lucca Info e Guide. Sabato 21 agosto, alle 17, l’iniziativa “Piccoli cerimonieri del tè”. Infine, domenica 22 agosto dalle 11 alle 12.30, l’edu-lab “Hybris” per bambini dai 6 agli 8. Partendo dall’opera Hybris realizzata da Matteo Raciti e Officina Chiodo Fisso (sospesa a Porta dei Borghi), i bimbi esploreranno diversi tipi di carta per trovare insieme i più adatti al volo. 

Per maggiori informazioni: www.luccabiennale.com

Share this article

Recent posts

Popular categories

Recent comments

MARTINO DI SIMO on Se Gabanelli non è sportiva
MARTINO DI SIMO on Bastardi senza gloria
paolo mariti on Bastardi senza gloria
massimo di grazia on Chi vuole la guerra?
Giovan Sergio Benedetti on Parte da oggi la nuova rubrica #StateSereni
massimo di grazia on 4 chiacchiere al telefono sul PD