A.S.D. Lucca Roller Club: il grido di appello di una realtà sportiva lucchese che non vuole chiudere

-

È ormai una realtà consolidata da moltissimi anni, la A.S.D. Lucca Roller Club – associazione di pattinaggio lucchese – sta vivendo un momento molto delicato, poiché l’amministrazione cittadina ha dichiarato inagibile la pista di pattinaggio dell’ex Ostello ubicata sulla via del Brennero, che da tempo è la casa di chi vive il pattinaggio a Lucca. La promessa dell’Amministrazione era quella di realizzare in tempi brevi una nuova struttura che rispettasse tutte le normative del caso, una promessa che al momento non è stata mantenuta e che di fatto ha tagliato le gambe a chi vuole dedicarsi al pattinaggio nella Piana. Negli anni la A.S.D. Lucca Roller Club ha raccolto grandi traguardi e successi e vorrebbe continuare a farlo, per questo ha realizzato una lettera di denuncia destinata a tutte le amministrazioni competenti, affinché le proprie ragioni vengano ascoltate e affinché il pattinaggio a Lucca possa continuare a vivere, senza venir cancellato con un semplice colpo di spugna.

La lettera a cuore aperto

“Siamo bambini e bambine, ragazzi e ragazze della A.S.D. Lucca Roller Club associazione sportiva di pattinaggio che dal 2001 manda avanti una attività che a Lucca ha avuto come fulcro l’unica struttura della Piana adibita a questa disciplina, la pista di pattinaggio dell’ex-Ostello, sulla via del Brennero. Con tenacia e convinzione negli anni l’Associazione è cresciuta, ha formato giovani tecnici e partendo dalla scuola di pattinaggio in linea, con pazienza ha diversificato l’attività creando per la nostra città una nuova opportunità, il pattinaggio Freestyle e reintrodotto la disciplina – da anni dimenticata – del pattinaggio artistico che sta avendo molto seguito, specialmente fra le bambine. Ma è con il Freestyle che abbiamo raggiunto i più alti traguardi, che hanno dato lustro ad atleti di livello nazionale e internazionale, in un settore in forte espansione che meriterebbe una maggiore attenzione e degli spazi adeguati. Purtroppo la struttura comunale non regge il passo con i tempi e la copertura vecchia ormai di 40 anni aveva bisogno di una ristrutturazione. La decisione dell’Amministrazione è stata di dichiarare la pista inagibile con la promessa di smantellare e ripristinare, in tempi brevi, una nuova copertura. Purtroppo i tempi della burocrazia stanno rischiando di spegnere tutti i nostri sogni e non esistono degli impianti alternativi.

Quindi, cosa facciamo del pattinaggio? Vi sembra giusto che una Associazione che ha tenuto in piedi per quasi 20 anni uno sport a detta di tanti “minore”, con scarsissima visibilità, facendolo crescere senza aiuti esterni, basandosi solo sulla propria energia e passione, meriti di finire i propri giorni per la mancanza di attenzione al problema? Noi non ci stiamo! Per questo facciamo appello alle Amministrazioni, Regione, Provincia, Comune di Lucca, Comune di Capannori, agli Enti Sportivi di promozione, al CONI, alla Federazione, alle Associazioni sportive e di volontariato, Industriali e Commercianti, a ogni singolo cittadino/a, e a tutto il mondo degli adulti che sono stati a loro volta bambini e che hanno amato infilare un paio di pattini e provato quel senso di libertà che solo otto rotelle ti possono dare. Noi chiediamo semplicemente AIUTO!
Le soluzioni? Per prima cosa vorremmo nuovamente la NOSTRA PISTA RINNOVATA il PRIMA POSSIBILE (perché una promessa è una promessa), tuttavia una soluzione provvisoria potrebbe essere un palazzetto, una palestra, un capannone con la giusta destinazione d’uso, così come una piazza pubblica coperta, una tensostruttura a noleggio o un impianto sportivo pubblico o privato, un oratorio parrocchiale, o tutto ciò che può essere fatto in tempi brevi! A chi ha il potere di farlo noi lo chiediamo a gran voce”.

Firmato: Alessia, Chiara, Alessandro, Sara, Sofia, Giulia, Flavio, Laura, Mirko, Emilia, Alice, Anna, Denise, Eleonora, Elia, Melissa, Sara, Ilaria, Serena, Noemi, Adele, Alice, Elena, Amalia, Tideg, Lavinia, Alessia, Sara, Sofia, Caterina, Chiara, Matilde, Chiara, Michela, Eleonora, Alessia, Michela, Maya, Teresa, Isabella, Margherita, Beatrice, Elettra, Selvaggia, Jenny, Elia, Margherita, Alice, Marta, Emma, Lorenzo, Eleonora, Maya, Alice, Edoardo, Mariasole, Emma, Margherita Araceli, Clarice, Elena, Matteo, Chiara, Linda, Diego, Lorenzo.

Share this article

Recent posts

Beatrice Venezi, posata ma mai in posa: “Viviamo in una società in cui i clichè contano più della realtà”

E' bella, famosa e bionda. Ma, nonostante avrebbe tutte le carte in regola per incarnare il clichè dei clichè del "bionda e scema", con...

Attenzione alle truffe bancarie, la storia di una ragazza vittima di una hacker che le ha svuotato il conto

C’è chi approfitta della confusione dovuta all’emergenza Covid-19 per truffare le persone. Sono hacker intelligenti e molto preparati. Hackerano più che altro conti...

SìAmoLucca risponde a Lo Schermo: “Ora un tavolo di confronto fra partiti di centrodestra e liste civiche, ma con pari dignità di tutti”

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la risposta del Direttivo di SìAmoLucca all'editoriale sul futuro del centrodestra pubblicato il 26.10.2020 sul nostro Quotidiano.

LUCCA NON SI SPEGNE: ristoratori e cittadini nella protesta pacifica contro l’ultimo Dpcm

Il nuovo Dpcm, in vigore da ieri 26 ottobre 2020, che ha visto sacrificate tutte le realtà imprenditoriali, in particolar modo ristoratori,...

Centrodestra lucchese, chi sa parli!

Osservando la politica cittadina, da un po’ di tempo sorge spontanea una domanda: dov’è finito il centrodestra lucchese? Smarrito, perduto, disperatamente lacerato...

Popular categories

Recent comments