L’enigma del Labirinto della Cattedrale di San Martino

-

Si tratta sicuramente di uno dei simboli più arcani ed enigmatici che si possano trovare in tutto il centro storico di Lucca. Ovviamente stiamo parlando del Labirinto che si trova inciso nella pietra della Cattedrale di San Martino. Se possiamo cercare di trovare un riferimento o una spiegazione a questo simbolo, il primo richiamo è quello al mito di Teseo e Arianna, che attinge dalla tradizione ellenica e all’epica. L’incisione latina che si trova al suo fianco e risalente al XII secolo, se tradotta in italiano afferma: “Questo è il labirinto costruito da Dedalo cretese dal quale nessuno che vi entrò poté uscire eccetto Teseo aiutato dal filo d’Arianna”. Un’allegoria che tuttavia non risolve completamente il mistero della sua collocazione proprio a San Martino.

Per chi lo volesse scorgere, il Labirinto è posto sotto all’arcata più piccola della facciata, è facilmente visibile e non può che attirare su di sé l’attenzione dei tanti visitatori e curiosi. L’esemplare che si trova nel Duomo di Lucca non è unico, infatti anche in altre parti d’Italia e d’Europa sono diffusi dei simboli similari, perché nel Medioevo era solita la pratica di incidere il labirinto cretese come messaggio rivolto alla cristianità. Il fedele, durante la vita doveva seguire una condotta rigorosa per ascendere al cielo e a Dio, esattamente come Teseo aveva seguito il filo di lana di Arianna per riuscire a riemergere dall’oscurità del labirinto. Il messaggio nascosto che si trova nella chiesa di San Martino è quello di seguire l’illuminazione, che permette all’uomo di prendere sempre la strada giusta di fronte alle avversità, una luce guida capace di sconfiggere le tenebre. Questo probabilmente è il significato più autentico che si può ricondurre alla curiosa incisione del Duomo di Lucca. Tuttavia, una macabra leggenda è stata tramandata fino ai giorni nostri, la quale racconta di come in tempi antichi, i condannati a morte venissero portati di fronte al labirinto di San Martino e, colui che avesse trovato soluzione del percorso al primo tentativo, avrebbe avuto salva la vita. Ad ogni modo, la vera fortuna è che questa opera, dopo quasi 800 anni è ancora in perfetto stato e apprezzabile in tutta la sua particolarità.

Tommaso Giacomelli
Tommaso Giacomelli
Giornalista e giurista, le passioni sono per me un vero motore per vivere la vita. Sono alla ricerca inesausta della verità, credo nel giornalismo libero e di qualità. Porterò il mio contributo a "Lo Schermo" perché si batte per essere una voce unica, indipendente e mai ordinaria.

Share this article

Recent posts

Beatrice Venezi, posata ma mai in posa: “Viviamo in una società in cui i clichè contano più della realtà”

E' bella, famosa e bionda. Ma, nonostante avrebbe tutte le carte in regola per incarnare il clichè dei clichè del "bionda e scema", con...

Attenzione alle truffe bancarie, la storia di una ragazza vittima di una hacker che le ha svuotato il conto

C’è chi approfitta della confusione dovuta all’emergenza Covid-19 per truffare le persone. Sono hacker intelligenti e molto preparati. Hackerano più che altro conti...

SìAmoLucca risponde a Lo Schermo: “Ora un tavolo di confronto fra partiti di centrodestra e liste civiche, ma con pari dignità di tutti”

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la risposta del Direttivo di SìAmoLucca all'editoriale sul futuro del centrodestra pubblicato il 26.10.2020 sul nostro Quotidiano.

LUCCA NON SI SPEGNE: ristoratori e cittadini nella protesta pacifica contro l’ultimo Dpcm

Il nuovo Dpcm, in vigore da ieri 26 ottobre 2020, che ha visto sacrificate tutte le realtà imprenditoriali, in particolar modo ristoratori,...

Centrodestra lucchese, chi sa parli!

Osservando la politica cittadina, da un po’ di tempo sorge spontanea una domanda: dov’è finito il centrodestra lucchese? Smarrito, perduto, disperatamente lacerato...

Popular categories

Recent comments