Un Tau Calcio da vertice: ne parliamo con il direttore sportivo Maurizio Dal Porto

-

Il campionato di Eccellenza Toscana, girone A, ha un assoluto dominatore: il Tau Calcio Altopascio. Siamo arrivati al giro di boa della stagione, dopo 11 partite il Tau è primo con 27 punti ed è ancora imbattuto, oltre ad avere il terzo miglior attacco e la miglior difesa, con solamente 4 gol al passivo. Fino a qui il percorso è stato da incorniciare, ma non c’è da stupirsi più di tanto, perché negli ultimi tre anni ad Altopascio si lavora con serietà, attenzione e grande programmazione. La squadra allenata da mister Cristiani non è una rivelazione, ma è figlia di quanto di buono è stato realizzato da quando la prima squadra ha iniziato a misurarsi con il calcio dei grandi. Ne abbiamo parlato con il loro direttore sportivo, Maurizio Dal Porto.

Siete primi e imbattuti, vi aspettavate di essere così in alto a questo punto della stagione?

Onestamente lo speravamo, ma non era auspicabile che lo facessimo in questo modo. La società e la squadra sono riuscite a stupire, a fare qualcosa di davvero notevole. Abbiamo la consapevolezza che adesso viene il bello e dobbiamo continuare così.

Nonostante i successi, la squadra sembra avere ulteriori margini di miglioramento. È d’accordo?

Sicuramente abbiamo ancora dei margini di crescita, intanto abbiamo puntellato la rosa con un nuovo elemento (Jonathan Granito) che si è unito al gruppo. Siamo coscienti, inoltre, che abbiamo tantissimi ragazzi dalla grande qualità, di grande valore, alcuni di quali fino a qui hanno giocato poco e hanno avuto scarso minutaggio. Anche loro avranno la propria opportunità per mettersi in mostra e questo mi fa dire che abbiamo una rosa lunga e preziosa.

Cosa bisogna aspettarsi dalla prossima finestra di calciomercato?

Nel mercato di riparazione bisogna stare attenti a non rompere gli equilibri di squadra che siamo riusciti a costruire. Per cui vediamo se ci saranno delle occasioni da cogliere e delle operazioni da fare, compatibili con quanto detto. Potrebbe uscire qualcuno che ha giocato di meno, ma in ogni caso tutto sarà fatto in funzione del mantenimento dell’equilibrio fin qui ottenuto.

Il gruppo è quindi uno dei vostri elementi di forza?

Indubbiamente, perché abbiamo costruito una bella armonia che si è consolidata nel corso dell’ultimo anno. La prima stagione abbiamo chiuso al terzo posto, mentre lo scorso anno abbiamo puntato sull’inserimento di ragazzi di categoria inferiore con margini di crescita e su giovani di prospettiva. In questa annata abbiamo, invece, introdotto due elementi come Doveri e Borgia che hanno innalzato lo spessore della rosa e contribuito a cementificare la solidità del gruppo.

Quali sono le basi per scrivere un progetto ambizioso e di successo?

Senza dubbio la programmazione. Questo è il nostro terzo anno ed è figlio di basi che abbiamo costruito nel passato e delle quali oggi godiamo i frutti. Bisogna sempre lavorare così, con la programmazione che è fondamentale per ottenere risultati sempre migliori.

FOTO: Asd Tau Calcio Altopascio Prima Squadra

Tommaso Giacomelli
Tommaso Giacomelli
Giornalista e giurista, le passioni sono per me un vero motore per vivere la vita. Sono alla ricerca inesausta della verità, credo nel giornalismo libero e di qualità. Porterò il mio contributo a "Lo Schermo" perché si batte per essere una voce unica, indipendente e mai ordinaria.

Share this article

Recent posts

Popular categories

Recent comments

MARTINO DI SIMO on Se Gabanelli non è sportiva
MARTINO DI SIMO on Bastardi senza gloria
paolo mariti on Bastardi senza gloria
massimo di grazia on Chi vuole la guerra?
Giovan Sergio Benedetti on Parte da oggi la nuova rubrica #StateSereni
massimo di grazia on 4 chiacchiere al telefono sul PD