“Rigenerazioni”, il Festival di teatro piccolo ma grande

-

Festival Rigenerazioni

Anche tu senti l’esigenza di affilare la “lama” dell’espressività? Di realizzare, finalmente, quel qualcosa che non hai mai trovato modo di fare, di condividere con dei compagni di studio e di “viaggio”. Ecco, esiste anche un Festival per questo, e si chiama “Rigenerazioni”, quest’anno al suo numero zero.

L’Associazione 50&Più Lucca esprime grande soddisfazione per il successo di questo primo appuntamento della rassegna RigenerAzioni, il primo festival teatrale toscano che mette in evidenza percorsi di vita di persone che, raggiunta la maturità, si rigenerano producendo e portando in scena, come autori e attori, spettacoli teatrali frutto di tanto studio, sacrificio e un lungo lavoro di ricerca sostenuto da docenti professionisti.
«È stata una grande serata di prosa dove l’inventiva degli studenti è stata valorizzata nell’originalità nei testi proposti, ironia, ritmo, impegno dei testi ma anche leggerezza, per una grande festa della nostra associazione» commenta il Presidente dell’Associazione 50&Più Antonio Fanucchi. Il suggestivo spazio d’arte contemporanea GreenheArt di via di Picciorana, lussureggiante giardino e spazio performativo polifunzionale, si è riempito in tutto esaurito, tanto pubblico accolto in maniera impeccabile dalla padrona di casa Livia Bartoli per vedere gli studenti dei laboratori teatrali di 50&Più Lucca che si sono messi in gioco con un’originale proposta di un teatro di “atmosfere sospese nel tempo e nello spazio” nel quale si susseguono in scena le confessioni di uomini e donne che svelano i propri segreti e la propria intimità, raccontando le proprie tensioni, fragilità ma anche i propri slanci e le proprie passioni. La classe del laboratorio 50&Più del Polo di Capannori, coordinata dal suo insegnante Francesco Tomei, ha scritto e interpretato cosa oggi rimane nei nostri comportamenti e nella nostra indole degli archetipi della tradizione classica antica. Si sussegue per tutta la serata in scena un vivace carosello delle figure mitologiche o dei miti greci riattualizzate in maniera colta e ironica dagli studenti, specchio di una società multiforme di ieri ma anche di oggi dove c’è spazio per l’alto e il basso, il tragico e il comico.

Domani giovedì 16 giugno alle ore 21, continua la rassegna al GreenHeArt di Picciorana all’interno di Vivai Paola Favilla con la classe del laboratorio 50&Più del Polo di Lucca che porterà in scena un altro lavoro teatrale inedito, la commedia brillante “Destinazione Pianeta B-612. In viaggio con gli occhi del cuore” un viaggio metafisico e surreale con atmosfere da “teatro dell’assurdo” di sei donne diverse contemporanee Thelma e Louise, tutte accomunate nel sentirsi sole al mondo, con un unico oggetto con il quale dialogare -una pianta, un diario, un telefono cellulare- in un loro mondo che è un pianeta desolato e disabitato. Le nostre eroine si metteranno in viaggio, fra divertenti equivoci e un intreccio di piccoli colpi di scena, verso la scoperta -più che di una meta precisa- della gioia di condividere un percorso per scacciare la solitudine. Dice il drammaturgo e docente del laboratorio Francesco Tomei: «Questo spettacolo è un’avventura entusiasmante che nasce dalla decomposizione e ricomposizione in altre vesti di un caposaldo della letteratura del Novecento, Il Piccolo Principe di Antoine De Saint Exupéry.  Un testo molto importante non solo per i bambini ma anche per gli adulti, utile a compiere una riflessione profonda e rimettersi in gioco per continuare a orientarsi verso il benessere psico-fisico». Calcheranno le scene sei donne, le studenti Manuela Bonaldi, Cinzia Camporese, Antonella Guidotti, Laura Menesini, Francesca Panni e Giovanna Rosito. L’ingresso allo spettacolo è libero ma su prenotazione essendo i posti della sala limitati. Per prenotarsi è possibile mandare una mail a [email protected] o chiamare il numero 347.7727642

Debora Pioli
Debora Pioli
Pianista e italianista di formazione, con specializzazione in comunicazione politica, dell’arte e della differenza di genere. Librettista d’opera, autrice di prosa e poesia, lavoro come content strategist e personal writer. Madre di Viola e Leonardo. Mi piace stare “Oltre Lo Schermo.”

Share this article

Recent posts

Popular categories

Recent comments

MARTINO DI SIMO on Se Gabanelli non è sportiva
MARTINO DI SIMO on Bastardi senza gloria
paolo mariti on Bastardi senza gloria
massimo di grazia on Chi vuole la guerra?
Giovan Sergio Benedetti on Parte da oggi la nuova rubrica #StateSereni
massimo di grazia on 4 chiacchiere al telefono sul PD