“Perché io, mamma, ho deciso di non vaccinare mio figlio contro il Covid”

-

La scorsa domenica, 23 gennaio 2022, presso l’hub di Campo di Marte si è tenuto l’open day per la vaccinazione di bambini da 5 a 11 anni. Risultato: 47 vaccinazioni in tutta la mattinata, un numero bassissimo. Ma quali sono i motivi per cui molti genitori non stanno vaccinando i propri figli: quarantene scolastiche, la preferenza di vaccinazioni ambulatoriali o paura? 

La situazione è complessa e variegata, le spiegazioni molteplici. Da un lato è vero che molti bambini in età scolastica sono costretti in quarantena preventiva, per la presenza di almeno 2 casi positivi in classe. Intere sezioni e quasi intere scuole su tutto il territorio lucchese, ad oggi, stanno ricorrendo alla didattica a distanza. 

Parallelamente molti genitori per la vaccinazione contro il Covid-19 hanno deciso di rivolgersi al proprio pediatra, una figura che il bambino già conosce e che sa il modo più giusto per approcciarsi a lui.

C’è però un nutrito gruppo di genitori che ad oggi ha scelto di non vaccinare i propri figli, per paura delle conseguenze ancora ignote del vaccino. 

MV, mamma di P, bambino di 7 anni che frequenta una delle scuole primarie dell’Istituto Comprensivo Lucca7, è una di loro: “Non siamo no-vax, mio marito ed io abbiamo la volontà di vaccinare nostro figlio. Il timore sono gli effetti a lungo termine, che potrebbero emergere da qui a 10 o 20 anni – ci ha raccontato – “Noi adulti della famiglia siamo tutti vaccinati con la terza dose: la preoccupazione c’è, ma lo abbiamo fatto per tutelare il bambino. Sentiamo un misto di paura e consapevolezza: su di lui abbiamo una responsabilità ancora più grande e preferiamo aspettare, prima di correre dei rischi”.

Foto creata da Pressfoto per Freepik

Aspettare cosa esattamente? “E’ di questi giorni la notizia che Pfizer sta lavorando a un nuovo vaccino specifico per i bambini – continua MV – “Tra qualche mese dovrebbe essere pronto. Alla fine, considerando i tempi di attesa e il richiamo, nostro figlio sarebbe coperto dal vaccino in primavera; a questo punto preferiamo aspettare e fare dei sacrifici adesso, per poi vaccinarlo con un prodotto più adatto a lui. Non siamo i soli a pensarla in questo modo, l’80% dei genitori dei compagni di classe di nostro figlio sta aspettando questo nuovo vaccino, così come la maggioranza dei nostri amici con bambini piccoli.

Nel frattempo, però, è dura la vita dei bambini non vaccinati. Secondo la normativa attuale, non possono utilizzare il pullman scolastico; inoltre la quarantena, in caso di contatto con un positivo, è di 10 giorni anziché 5. “Queste restrizioni” – dice MV – “così come quelle per gli adulti, vogliono costringere i genitori a vaccinare i propri figli. Il punto non è non vaccinarsi, bensì la mancanza di fiducia verso questo vaccino. Poi da genitore analizzi tutta la situazione e vedi che così facendo, non vaccinandolo, togli molte cose a tuo figlio… Il sistema ti obbliga e lo fai, ma prendi tempo in attesa che la scienza dia qualcosa di più sicuro. Se vedo che la vaccinazione è una tutela e non un rischio, la faccio. E’ per questo motivo che io, come molti altri genitori, non ho aderito all’open day a Campo di Marte, sebbene fossi a conoscenza dell’iniziativa”.

Le notizie riguardo ai casi di bambini positivi al Covid-19, poi, sostengono il ragionamento di questa parte di genitori. Fortunatamente i più piccoli vengono colpiti in modo più blando dal virus, con sintomi e manifestazioni simili a quelli di un’influenza stagionale. Alla fine, per genitori come MV, il rischio viene percepito in modo più basso per i figli, mentre sono le complicazioni burocratiche di tamponi, voucher, quarantena a incidere maggiormente sulla gestione familiare. La sfera lavorativa ed economica delle famiglie è davvero tragica, soprattutto per i liberi professionisti. La norma attuale prevede che se hai almeno 2 dosi di vaccino, puoi andare a lavoro anche se tuo figlio è positivo. Ottimo, ma chi guarda un bimbo di 6-7 anni malato o in DAD? Però poi pensi alle conseguenze che la comunità scientifica non può prevedere adesso, pensi al fatto che dopo un paio di giorni di febbre starà meglio e così, alla fine, prendi il rischio in attesa di un vaccino più sicuro”.

Chiara Bini
Chiara Bini
Classe 1988, Lucchese per nascita e per passione. Giornalista ed esperta di marketing e comunicazione, amo raccontare storie e giocare con le parole. Profondamente curiosa, sono sempre in cerca di nuove realtà, prospettive e punti di vista. A “Lo Schermo” per andare oltre la notizia e scoprire qualcosa di più.

Share this article

Recent posts

Popular categories

Recent comments

Bruno on Cima Vallona
Mariacristina Pettorini Betti on IN RICORDO DI GIOIRGIO AMBROSOLI UN ITALIANO
Mariacristina Pettorini Betti on Una camicia di Ghisa