L’ultimo custode di un’arte: l’ombrellaio di Corte del Pesce

-

L’ombrellaio a molti suonerà come qualcosa di insolito, di sconosciuto, eppure fino a non molto tempo fa era un mestiere vero e proprio, nonché una delle tante facce dell’artigianato che si potevano incontrare lungo tutto lo Stivale italiano. Dunque un’arte antica e molto apprezzata, in un’epoca in cui si doveva fare i conti spietati con l’economia. Nel secondo dopoguerra, non si buttava via nulla e quello che si possedeva andava preservato e conservato. Solitamente le famiglie degli anni ’50 e ’60 avevano un unico ombrello che andava condiviso con tutti i componenti del nucleo, per questo motivo l’ombrellaio ricopriva un ruolo fondamentale, riparando con i suoi attrezzi tutti gli ombrelli che cedevano di fronte al vento o che si usuravano dopo aver affrontato numerose stagioni piovose. In mezzo a strade polverose, sotto nicchie per ripararsi dalla pioggia e dal freddo, l’ombrellaio munito di pinze, filo di ferro, stecche di ricambi, pezzi di stoffe, aghi, filo, spaghi di vario genere, si metteva all’opera per aiutare le famiglie ad aggiustare un oggetto quanto mai prezioso.

Durante il periodo autunnale, a Lucca non era difficile incontrare Aristarco, uomo forte e risoluto, conosciuto come l’ombrellaio locale. Un signore contraddistinto da un grande zelo e dal piglio operoso, che aveva scelto come sede della sua attività la Corte del Pesce, la corte più antica della storia di Lucca. Una zona del centro storico di grande fascino e tradizione, oggi messa un po’ in disparte, non valorizzata e sotto certi aspetti bistrattata, ma un tempo fulcro di tante attività. Una di queste era quella di Aristarco, che si adagiava sotto il ciborio del ‘500 e all’edicola in pietra, poi con grande diligenza e con una raffinata conoscenza della sua arte, si prendeva cura di tutti gli ombrelli che la gente gli portava con garbo. Ancora oggi, a distanza di molti anni e con uno scenario sociale, economico e con un contesto cittadino molto differente, chi ha avuto modo di conoscere il celebre ombrellaio, ne conserva un piacevole ricordo, a testimonianza di un’epoca così lontana ma al tempo stesso così vicina.

CREDITI FOTO: ARCHIVIO FOTO ALCIDE

Tommaso Giacomelli
Tommaso Giacomelli
Giornalista e giurista, le passioni sono per me un vero motore per vivere la vita. Sono alla ricerca inesausta della verità, credo nel giornalismo libero e di qualità. Porterò il mio contributo a "Lo Schermo" perché si batte per essere una voce unica, indipendente e mai ordinaria.

Share this article

Recent posts

Minaccia con polpetta perchè i cani abbaiano: “un gesto così vergognoso proviene da persone altrettanto vergognose”

“I cani sono i migliori amici dell’uomo” è vero ma spesso purtroppo sono oggetto di fatti davvero spiacevoli. È quello che è...

Mario Puppa, candidato del PD alla Regione: “La Toscana del futuro? Vicina alle imprese, ai Comuni, alle categorie e in ascolto costante dei cittadini!”

In vista delle prossime elezioni regionali, prosegue il nostro approfondimento dei programmi politici dei vari candidati. Quest'oggi abbiamo intervistato Mario Puppa -...

Il tram a Lucca: quando ci si muoveva su rotaia

Il tram a Lucca sembra un'eresia, eppure in tempi ormai lontani vi erano addirittura tre differenti linee che collegavano la città ad...

Adesso l’Italia deve capire come spendere le risorse che riceverà dall’Europa

Se un aspirante meccanico in Italia volesse aprire la propria officina avrebbe bisogno di ottantasei permessi. Se invece decidesse di puntare su...

Le maglie della Lucchese per ripercorrere la storia rossonera

Per chi è nato e cresciuto a Lucca, la Lucchese è la Lucchese. Più di una squadra, più di un club, più...

Popular categories

Recent comments