La Linea Gotica nella Valle del Serchio: una storia fatta di carne e sangue

-

La Linea Gotica è stata una linea difensiva lunga circa 320 km, che tra il 1944 e il 1945 fu appositamente predisposta dai tedeschi al fine di rallentare e ostacolare l’avanzata degli Alleati provenienti dal Sud Italia verso la Germania: un’opera che gli esperti di tattica militare hanno definito di tipo “temporaneo” e che – non a caso – fu istituita nel punto più stretto della Penisola italiana, attraversando anche parte del nostro territorio.

Una testimonianza storica e fotografica importante di tale apprestamento difensivo – e di tutto ciò che ha rappresentato per il nostro Paese e per le nostre comunità – è contenuta nel libro “La Linea Gotica nella Valle del Serchio”, a cura del fotografo Gabriele Caproni ed edito da Maria Pacini Fazzi Editore.

Un testo interessante in cui l’autore – con il contributo offerto dal colonnello Vittorio Lino Biondi e con la collaborazione di Liberation Route Italia – si è dedicato con passione, competenza tecnica e generosità a documentare le tracce della Linea Gotica ancora presenti sul nostro territorio, coniugando così il recupero della storia della seconda guerra mondiale con l’attenzione verso i resti di postazioni ed edifici presenti in Lucchesia.

Un libro apprezzabile non solo per la precisione e l’attenzione al dato storico, ma anche per la valorizzazione e per l’amore verso il paesaggio, con un’ottima capacità da parte dell’autore di coglierne ogni minimo aspetto. Lo scopo del documento – si legge nell’introduzione a firma di Ilaria Vietina – sarebbe proprio quello di “perseguire insieme la dimensione europea e quella locale, nella convinzione che le dinamiche che hanno interessato il nostro continente e hanno così profondamente inciso nelle vicende della nostra popolazione sono intrinsecamente connesse e si riflettono sul nostro presente”.

Il merito del libro è senz’altro quello di far percepire, attraverso le immagini dei resti della Linea Gotica contenute nel libro, la sofferenza e il dolore dei militari che l’hanno presidiata e delle popolazioni che hanno subito la guerra e la violenza, lo sradicamento imposto ai civili, lo smembramento delle famiglie e la morte che ha lasciato tracce di angoscia anche nelle nostre valli e sulle nostre montagne.

Giovanni Mastria
Giovanni Mastria
Nato a Lucca, classe 1991. Scrivo con passione di cultura, attualità, cronaca e sport e, nella vita di tutti i giorni, faccio l’Avvocato. Credo in un giornalismo di qualità e, soprattutto, nella sua fondamentale funzione sociale. Perché ho fiducia nel progetto "Oltre Lo Schermo"? Perché propone modelli e contenuti nuovi, giovani e non banali.

Share this article

Recent posts

Popular categories

Recent comments

Bruno on Cima Vallona
Mariacristina Pettorini Betti on IN RICORDO DI GIOIRGIO AMBROSOLI UN ITALIANO
Mariacristina Pettorini Betti on Una camicia di Ghisa