Il re Vittorio Emanuele inaugura il Monumento ai Caduti a Lucca (1930) – Foto e Video

-

Il 4 novembre del 1918 entra in vigore l’armistizio di Villa Giusti, firmato nella tenuta del conte Vettor Giusti del Giardino, a Padova, l’atto con cui l’Impero Austro-Ungarico riconosceva la sconfitta nel primo conflitto mondiale e concedeva all’Italia i territori di Trento e Trieste

L’armistizio sancì definitivamente la fine della prima guerra mondiale per il nostro Paese e portò a compimento il processo di unificazione nazionale iniziato in epoca risorgimentale. 

Da quel giorno in Italia, nella giornata del 4 novembre, si festeggia il Giorno dell’Unità Nazionale e la Giornata delle Forze Armate. Con la ricorrenza si celebra anche il sacrificio di tanti italiani chiamati alle armi, le cui vite sono state spezzate dalla guerra. 

IL 4 novembre 1921, nel Sacello dell’Altare della Patria a Roma, si è tenuta la prima cerimonia di tumulazione del Milite Ignoto, cerimonia che si celebra ogni anno. 

9 novembre 1930, il re Vittorio Emanuele III partecipa alla cerimonia di scoprimento del Monumento ai caduti

Il re Vittorio Emanuele III entra a Lucca domenica 9 novembre 1930 per la cerimonia di scoprimento e inaugurazione del Monumento ai Caduti. Era la terza volta che il Sovrano, dopo le visite del 1924 e del 1926, veniva accolto con entusiasmo dalla popolazione lucchese.

Nelle foto dell’Archivio Fotografico Lucchese ‘Arnaldo Fazzi’ del Comune di Lucca sono conservati gli scatti del re Vittorio Emanuele III prima nel Cortile degli Svizzeri, poi quando passa in rassegna il 22° Reggimento della Fanteria e si affaccia al balcone del Palazzo del Governo, quando si trasferisce in auto. L’archivio documento anche l’arrivo nel piazzale Umberto I, quando prende posto sulla tribuna per assistere al rito di benedizione presieduto dall’arcivescovo Antonio Torrini.

Il monumento porta la firma degli scultori Angeloni Alfredo e Baccelli Giuseppe. La parte superiore bronzea, che raffigura il cavaliere sul suo destriero, è un’opera dell’artista lucchese Alfredo Angeloni. La parte inferiore, un basamento in pietra arenaria locale, è decorata da altorilievi che raffigurano ad est i Caduti per la Patria e ad ovest un gladiatore che si difende, realizzata dall’artista Giuseppe Baccelli.

Oggi (4 novembre) si è tenuta la cerimonia – organizzata congiuntamente dalla Prefettura di Lucca, dalla Provincia, dal Comune di Lucca e dalle Associazioni combattentistiche patriottiche e d’arma – nel Cortile degli Svizzeri di Palazzo Ducale.

Dopo lo schieramento del Reparto di Formazione, l’ingresso dei gonfaloni dei Comuni e dei làbari delle Associazioni, gli Onori, l’Alzabandiera, c’è stata la deposizione di una corona al Monumento ai Caduti nello stesso Cortile degli Svizzeri.

foto dal sito ‘Archivi in Toscana’ e dell’Archivio Fotografico Lucchese ‘Arnaldo Fazzi’

Share this article

Recent posts

Popular categories

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Recent comments

MARTINO DI SIMO on Se Gabanelli non è sportiva
MARTINO DI SIMO on Bastardi senza gloria
paolo mariti on Bastardi senza gloria
massimo di grazia on Chi vuole la guerra?
Giovan Sergio Benedetti on Parte da oggi la nuova rubrica #StateSereni
massimo di grazia on 4 chiacchiere al telefono sul PD