Il gelato tradizionale lucchese diventa eco-friendly: niente più plastica per “I Gelati di Piero”

-

In pieno centro, a due passi da Piazza San Michele, all’incrocio tra Via Roma e Via Fillungo c’è un piccolo e prezioso presidio del gusto, tappa fissa per cittadini e turisti in visita nella nostra bellissima città: stiamo parlando della gelateria “I Gelati di Piero”, attività storica della famiglia Pacini gestita oggi da Piero, figlio del fondatore originario.

Ai classici come limone, crema e cioccolato – lavorati con cura, attenzione e dedizione secondo una ricetta familiare tramandata da oltre 60 anni – Piero affianca gusti senza glutine e proposte speciali per i palati più curiosi, che seguono le fantasie del giorno in una vivace e continua sperimentazione. Tradizione e innovazione, quindi, in un mix vincente che l’anno scorso è valso a Piero Pacini il titolo di “Re del Gelato” dell’intera Lucchesia.

L’ultima ed importante novità, tuttavia, non riguarda coni e coppette ma è strettamente legata al tema dell’ambiente e al rispetto della natura. Pacini, infatti, ha in programma la totale eliminazione della plastica entro il prossimo anno: vaschette, palettine, coppette e scontrini della storica gelateria saranno presto costituiti da materiali interamente eco-friendly. Una scelta coraggiosa e virtuosa, dunque, che denota la capacità di coniugare l’attività di impresa con la sensibilità e l’attenzione ai temi ambientali.

Con piacere, abbiamo chiesto a Piero Pacini le ragioni di questa scelta.

«Questa è la direzione in cui si sta muovendo il mondo, ed è senza dubbio quella giusta: noi siamo felici di contribuire facendo la nostra parte. In realtà avevamo preso questa importante decisione già prima dell’emergenza Covid, che purtroppo ha rallentato il tutto. Il rispetto del territorio e della tradizione è sempre stata una delle nostre linee guida» – aggiunge il titolare della storica gelateria – «ed è per questo che da sempre utilizziamo solamente materie prime di provenienza locale oppure eccellenze italiane, come le nocciole IGP delle langhe piemontesi o la storica pinolata fatta con crema di pinoli. In continuità con la nostra linea imprenditoriale» – conclude Pacini – «l’utilizzo di vaschette, coppette e palettine biodegradabili ci è semplicemente sembrato il passo naturale successivo».

Presto, quindi, sarà possibile gustare il gelato tradizionale di Piero passeggiando per le strade di Lucca nel pieno rispetto dell’ambiente.

Giovanni Mastria
Giovanni Mastria
Nato a Lucca, classe 1991. Scrivo con passione di cultura, attualità, cronaca e sport e, nella vita di tutti i giorni, faccio l’avvocato. Credo in un giornalismo di qualità e, soprattutto, nella sua fondamentale funzione sociale. Perché ho fiducia nel progetto "Oltre Lo Schermo"? Perché propone modelli e contenuti nuovi, giovani e non banali.

Share this article

Recent posts

“Perché Lucca Crea non pensa ai commercianti locali?”, la lettera di Gina Truglio

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Gina Truglio, titolare della libreria Ubik, che invoca un maggior coinvolgimento dei commercianti lucchesi nell'ambito di...

Lucca e il record di velocità di Tazio Nuvolari

Gli anni '30 del secolo scorso sono stati scanditi da una perpetua caccia ai record, una voglia di primeggiare che coinvolgeva ogni...

Alla scoperta dei segreti del vino con la lezione di Samuele Del Carlo: l’evento di eChef al Pinturicchio

La piattaforma eChef, già nota a Lucca per l'organizzazione di esclusivi eventi legati al settore del food, che durante tutta l'estate si...

Diego Fusaro a Lucca: “Il problema non sono le tasse, ma il fatto che vanno sempre a colpire chi lavora!”

A margine di un evento privato a Lucca, abbiamo intervistato Diego Fusaro. L’ultimo dei filosofi - così come lo chiama qualcuno -...

“Donne, di diritto e di fatto”: l’appello al voto di Francesca Fazzi

"Salute, ambiente, lavoro e formazione, diritti. Nel suo primo discorso sullo stato dell’Unione Ursula Von Der Leyen ha rilanciato con determinazione temi...

Popular categories

Recent comments