Calcio, stop ai tornei provinciali. La rabbia di Fabrizio: “Il virus è ovunque e non fa differenze di livello”

-

Stop alle competizioni calcistiche provinciali. Secondo il nuovo Dpcm (18 ottobre) infatti, le stesse vengono sospese dalla Terza categoria ai Giovanissimi e alle attività di base (Esordienti, Pulcini, Primi Calci e Piccoli Amici). Salve invece le competizioni dilettantistiche regionali e nazionali. Vanno quindi avanti la Serie C, le categorie Eccellenza, Promozione, Prima e Seconda; gli Under 19, Under 17, Under 16, Under 15 e Under 14.  

Il governo aveva prima fermato lo sport a livello amatoriale e ora ha imposto un ulteriore stretta per tentare di frenare la crescita esponenziale dei contagi da Covid-19. Le nuove norme saranno in vigore fino al 13 novembre prossimo. 

La regola del ‘o tutti o nessuno’ non sembra dunque valere ai piani alti e la decisione ha lasciato un po’ di amaro in bocca a chi ancora una volta è costretto a fermarsi. Il disappunto si legge anche nelle parole di alcuni genitori che nel pomeriggio accompagnavano i loro figli agli allenamenti: “Perché devono rimetterci i nostri bambini? Il calcio è uno sport all’aperto e loro hanno bisogno del loro svago visti tutti i cambiamenti che hanno dovuto accettare negli ultimi mesi”. 

Ma la passione non è solo quella dei più piccoli, perché per qualcuno, anche da grande, urlare quel ‘goal!’ è fondamentale. 

E di passione parla Fabrizio Guarnera, che da qualche anno gioca negli Amatori Terza serie di un’Asd della piana e che, come i suoi compagni, non approva le ultime decisioni scritte nel Dpcm:Perché i tornei regionali si e quelli provinciali no? Stessi campi, stessi spogliatoi e stessa voglia di giocare. Eppure noi da oggi (20 ottobre) dobbiamo fermarci e pagare per tutti gli altri – dice -. Possiamo andare in palestra, sui pullman, fare cene da sei persone, però non possiamo praticare il nostro sport. Questa sarebbe una prima soluzione per evitare un lockdown e quindi un tracollo economico?”, si chiede. 

Il calcio – continua – è diverso per chi lo vive da dentro. Per noi è una forma di evasione, anche da tutto questo carico continuo di informazioni e di numeri. Non giochiamo per guadagnare. La salute viene prima di tutto, ma non è colpa nostra se la sanità pubblica non è stata tutelata negli anni. Forse è perché non portiamo soldi? O perché giochiamo per pura passione, quindi possiamo anche farne a meno? Abbiamo le stesse probabilità di contagiarci di quelli che giocano in tornei regionali o nazionali.

E sulle norme di sicurezza aggiunge: Sono sempre state rispettate. La nostra società aveva assunto un addetto alla sicurezza sanitaria per misurare la febbre ai giocatori e controllare che fosse mantenuta la distanza negli spogliatoi e c’era già un responsabile anche per gestire gli spettatori sulle tribune e le relative distanze sia all’entrata che all’uscita. Più di questo non è possibile. Aggiungo che siamo tutte persone responsabili, che non credono ai complotti e che per primi tutelano gli altri”.

Fabrizio evidenzia poi come il calcio non sia solo una partita ma anche un vero e proprio sistema economico: “Non perdiamo solo noi, perdono anche altre attività come i bar e i ristoranti. Prima di ogni partita ci ritroviamo a fare colazione ad esempio, è un circolo. Poi paghiamo il campo, le scarpette, le piccole trasferte. Sembra banale ma non lo è. Credo che con l’impegno di tutti e il rispetto delle regole sarebbe stato possibile andare avanti. Poi ci sono gli sponsor – continua -. Alcuni dei soldi ricevuti sono già stati investiti dalle società e adesso che le partite saranno annullate questo sarà un problema per chi ci sostiene”. 

“E’ stata una decisione inutile più che ingiusta – conclude -. Il virus è ovunque e non fa differenze di livello. Emotivamente gestire tutta la situazione non è per niente facile e quando c’è stato bisogno di fare sacrifici li abbiamo fatti però questa manovra non tutela nessuno perché le partite degli altri continueranno ad essere giocate e il contatto c’è anche lì. Siamo amareggiati da questa decisione perché non è equa ed è pure a discapito dei più piccoli che hanno bisogno del loro sport. Da parte nostra c’era stato il massimo impegno ma appunto non essendo un mestiere e non portando soldi siamo stati esclusi. Capisco il momento, ma non posso pensare che sia giusto, perché non lo è“.

Rebecca Del Carlo
Rebecca Del Carlohttps://pennasciutta.it
Classe 1996, Lucca. Liceo Classico e poi ho studiato Scienze della Comunicazione a Pisa. Scrivo da sempre. E’ il mio modo di esprimermi. Vorrei dare voce alle ingiustizie e dire la verità: credo che essere una giornalista sia anche questo. Lavoro anche come articolista, copywriter e SMM. “Lo Schermo” perché è giovane, dinamico e di qualità.

Share this article

Recent posts

“Storie di Premier – Box to Box”, il libro che racconta il calcio inglese. Dalla Toscana al football d’oltremanica

Perché non parlare del calcio inglese e raccontare le sue affascinanti storie? È proprio così che nasce l'idea di lanciare “Storie di Premier” (www.storiedipremier.it),...

Lucca, la Garfagnana e l’emigrazione di fine ‘800 raccontati nel libro “Il profumo dell’Elicriso”

Il libro dello scrittore garfagnino Guglielmo Franchi - edito da Maria Pacini Fazzi Editore - offre uno spaccato interessante e veritiero del fenomeno di...

Ex Manifattura: quel “nuovo” progetto richiesto dall’Amministrazione a Coima

Abbiamo tirato un sospiro di sollievo quando, alla fine, l'amministrazione, il 16 novembre scorso, ha richiesto a Coima e Fondazione un nuovo progetto per...

“Il Mistero di Lucca”: quando Paperino e Zio Paperone si fermarono in città

Lucca è la città del fumetto, questo è risaputo a tutte le latitudini, merito di una tradizione che si porta avanti dal 1966, ovvero...

Ex Manifattura, la proposta di SìAmoLucca: un polo artistico-scolastico, il cinema, un parcheggio da 800 posti, uffici Tagetik e Agenzia delle Entrate

Un'ipotesi progettuale che prevede una sede unica per il Liceo Artistico "Passaglia" ora suddiviso su tre edifici (in modo da liberarli per consentire il...

Popular categories

Recent comments