Le Parole d’Oro: l’acqua di Lucca

-

Le Parole d’Oro, chi non è stato in quella piccola località a pochi chilometri dal centro storico di Lucca, immersa nella più verde natura. Un luogo ameno, rilassante, tranquillo e ideale per passare una giornata senza pensieri. Ma come mai a questo circoscritto angolo di mondo è stato dato un nome del genere? La leggenda vuole che, sia stato il contado a diffondere questo appellativo, perché scambiava le lettere in ottone – che adornano varie strutture dell’acquedotto – per il prezioso oro. Da allora, questa nomea si è diffusa ed è diventata identificativa di quel luogo.

Non sarà preziosa come l’oro, ma l’acqua è l’elemento che ha caratterizzato per quasi duecento anni questa zona. Le Parole d’Oro sono il teatro di una magnifica opera voluta dalla duchessa di Lucca, Maria Luisa Borbone, e realizzata dal regio architetto Lorenzo Nottolini negli anni fra il 1823 e il 1858, per portare l’acqua dalla campagna alle fontane del centro di Lucca. L’installazione fu grosso modo sviluppata in modo contestuale all’acquedotto che da Guamo arriva a San Concordio. Ancora oggi si possono vedere le strutture che servono per catturare quanta più acqua possibile e nel modo migliore. Ci sono, infatti, numerosi casottini di presa da cui le acque captate – tramite piccole fossette in pietra – vengono poi indirizzate ai due alvei principali, anch’essi regolarizzati e rivestiti in pietra. Questi presentano salti con piccole cascate, che hanno il compito di rallentare la corsa delle acque. I due canali più ampi convergono a monte di una cascata alta circa 10 metri. Infine, il flusso viene raccolto in una grossa cisterna, che è il punto di partenza vero e proprio dell’acquedotto.

Le Parole d’oro anche per questa particolare caratteristica mantengono un fascino prezioso e sono una delle mete preferite delle passeggiate dei lucchesi che amano incontrare la natura bella e rigogliosa, a pochi passi dalla città.

Tommaso Giacomelli
Tommaso Giacomelli
Giornalista e giurista, le passioni sono per me un vero motore per vivere la vita. Sono alla ricerca inesausta della verità, credo nel giornalismo libero e di qualità. Porterò il mio contributo a "Lo Schermo" perché si batte per essere una voce unica, indipendente e mai ordinaria.

Share this article

Recent posts

Popular categories

Recent comments

MARTINO DI SIMO on Se Gabanelli non è sportiva
MARTINO DI SIMO on Bastardi senza gloria
paolo mariti on Bastardi senza gloria
massimo di grazia on Chi vuole la guerra?
Giovan Sergio Benedetti on Parte da oggi la nuova rubrica #StateSereni
massimo di grazia on 4 chiacchiere al telefono sul PD