Elezioni: Raspini corre per sopperire all’immobilismo della ‘sua’ amministrazione

-

E’ in corso la campagna elettorale dell’unico (almeno per ora) candidato sindaco Francesco Raspini. E se ne promettono davvero delle belle. In vista delle Amministrative 2022 infatti, “la base è sempre la stessa – dice Raspini -, stare sul territorio accanto alle persone”. Il candidato del Pd sta infatti mostrando tutto il suo impegno per una serie di progetti di riqualificazione e strutturazione di alcune zone di periferia e non solo. Quello, si potrebbe dire, che la ‘sua’ amministrazione non è riuscita a fare.

Partiamo dall’inizio. Dopo le segnalazioni da parte di un cittadino del degrado in cui versava il lavatoio a Sant’Angelo è stato ripulito: “Detto fatto – scrive Raspini in un post -! Piccoli interventi quotidiani che nascono dal confronto con le persone. Per noi sarà così – aggiungeLa centralità delle periferie riparte dall’attenzione alle piccole cose”.

Sempre sulla piccola manutenzione, il candidato sindaco prosegue la sfida – come lui la definisce – di riportare il decoro nei quartieri del nostro territorio, come ad esempio il muretto incidentato di via Ponte Guasperini e il Monumento ai Caduti di Sesto Di Moriano. E ancora, il parco giochi di via Salicchi a San Marco sarà finalmente illuminato: “E’ un luogo identitario di San Marco, dove i genitori – afferma Raspini – e i bambini hanno voluto anche avviare una piantumazione di nuovi alberi”.

Sono inoltre stati approvati i progetti esecutivi del parco di Antraccoli, San Vito e Ponte a Moriano. A breve, a quanto si dice, inizieranno i lavori.

Proseguendo la corsa, si parla anche dell’illuminazione del pericolosissimo incrocio tra Statale 12 e la via Provinciale Morianese: Sarà finalmente illuminato – annuncia il candidato del Pd -. Il progetto definitivo avrà un costo di 80mila euro. Il cantiere entro il mese di aprile“.

Ma Raspini non si ferma ad alberi e parco-giochi e punta in alto e mira al progetto preliminare dalla Lucchese per il nuovo stadio a Porta Elisa. Dopo aver apportato alcune modifiche “ci sono gli elementi – sostiene Raspini – affinché l’amministrazione possa riconoscere il pubblico interesse della proposta per il nuovo Porta Elisa. Ora possiamo dire che ci siamo“.

Incredibilmente si torna a parlare anche del mercato del Carmine e sarebbero addirittura due le proposte dopo infiniti bandi andati deserti: un tempismo perfetto. “Abbiamo visto la soluzione – sostiene Raspini – costruendo un bando più appetibile, grazie anche al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca”. L’attesa ora è per capire chi sarà il futuro gestore del mercato con cui, come afferma: “l’Amministrazione comunale dovrà strutturare un progetto visionario, concreto e coraggioso di rilancio e rinascita”. Vi ricorda, forse, qualcosa?

Posto anche alla cultura, perché, insieme all’assessora Mannini, si discute del progetto di ristrutturazione del teatro di Ponte a Moriano.

Il tempo stringe in effetti, curioso come sia rimasto tutto fermo per dieci anni e adesso bastino pochi mesi per accorgersi delle necessità dei cittadini, no? Sarà la magia della campagna elettorale.

Share this article

Recent posts

La classe dirigente

41 Bis

100 giorni

Popular categories

Recent comments