“Vi auguro di fare una scelta con il cuore”, così il direttore di Federmeccanica Stefano Franchi sul palco del Giglio di Lucca per l’Orientagiovani 2019

“Vi auguro di fare una scelta con il cuore”, così il direttore di Federmeccanica Stefano Franchi  sul palco del Giglio di Lucca per l’Orientagiovani 2019

LUCCA – <. Così Stefano Franchi, DG Federmeccanica, sul palco del Giglio di Lucca per l’Orientagiovani 2019
Grandissimo successo, ancora una volta, per lo spettacolo originale “Ti aspetto fuori.. nel mondo” che ha valso a LU.ME. riconoscimenti nazionali.

E voi, per scegliere, usate più il cuore o la mente? Gigi, protagonista dello spettacolo che il progetto LU.ME. ha realizzato per Orientagiovani, andato in scena mercoledì 6 novembre 2019 per 1000 ragazze e ragazzi delle medie al teatro del Giglio di Lucca, ha fatto la sua scelta. E, voi, quale farete?

 

 

Tra le aspettative di famiglia e scuola da una parte e desideri, possibilità, sogni dall’altra, cosa sceglieranno le ragazze e i ragazzi che stanno decidendo il proprio futuro adesso? A fare loro un grande augurio per una buona scelta ed una buona vita ci sono stati, in apertura delle due repliche dello spettacolo ogni anno aggiornato per stare al passo con il linguaggio che cambia, il presidente del progetto LU.ME., Emilio Iavazzo, il sindaco di Lucca, Alessandro Tambellini, l’assesora alla formazione e alle politiche di genere, Ilaria Vietina, l’amministratore unico del Teatro del Giglio, Gianni Del Carlo, il direttore generale del teatro, Antonio Marino, e un ospite speciale: il direttore generale di Federmeccanica, Stefano Franchi. 

Se il sindaco ha sottolineato la grande opportunità per i nostri ragazzi, per il nostro territorio attraverso le nostre aziende, di trovare lavoro qui e far progredire tutta la nostra comunità, Vietina ha ribadito l’importanza di una scelta personale e rispondente ad aspirazioni e desideri, che però riguarda la comunità in cui viviamo. “Il punto più importante siete voi con la vostra presenza numerosa e il vostro entusiasmo”, ha detto Iavazzo rivolgendosi a un pubblico, oltre che numeroso, partecipe ed emozionato. 

 

 

<<Questo è un momento di scelta decisiva per il vostro futuro – ha detto Franchi parlando ai ragazzi -, e questo spettacolo può aiutarvi a fare la scelta magari non ‘più giusta’ ma di sicuro più sentita per il vostro cuore. Oggi rappresento qui tutte le aziende metalmeccaniche in Italia, con un milione di lavoratori e 17mila imprese. Ogni volta che visito una un’impresa metalmeccanica vedo cose bellissime: robot che sembrano danzare con persone che li manovrano con strumenti digitali, macchine di tutti i tipi che aiutano le persone. Avrei voluto io progettare quei bellissimi robot o le auto o le macchine che ogni giorno sono nella nostra vita. Se uscite e vi guardate intorno, trovate metalmeccanica ovunque. Mi piacerebbe però vedere più donne nelle fabbriche e negli istituti tecnici professionali. Ci sono ragazzi poco più grandi di voi che disegnano e progettano robot, in fabbrica si lavora insieme e ognuno può dare il suo contributo: c’è bisogno di tutti voi per fare cose buone, belle e utili per tutti. Buona vita!>>.

 

 

Il progetto “LU.ME. Metalmeccanica lucchese per il territorio” è un’esperienza unica nel suo genere a livello nazionale, in cui 10 aziende tra le più grandi del comparto metalmeccanico hanno deciso di sedere allo stesso tavolo per realizzare iniziative di crescita sociale in favore del territorio, con il supporto di Confindustria Toscana Nord. Queste sono: A.Celli Paper, A.Celli Nonwovens, Fabio Perini, Fapim, Fosber, Gambini, KME Italy, Rotork Fluid Systems, Sampi e Toscotec.

Lo spettacolo, originale, è stato appositamente scritto da Morena Rossi per Fascetti Associati e Cataldo Russo del Teatro del Giglio, è portato in scena dalla Compagnia Coquelicot; ha valso alle aziende del progetto l’inserimento nell’Albo nazionale di Confindustria dedicato alle imprese amiche della scuola e un attestato di best practice “Azienda Champion” dato a LU.ME. come una tra le prime 30 realtà virtuose a livello nazionale riconosciute da Federmeccanica nell’ambito della ricerca “Progetto relazioni interne”, che ha svolto a livello nazionale in partnership con Ernst & Young. 

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com