Vede la polizia e si dà alla fuga: al termine di un inseguimento ad alta velocità, 26enne in manette

Vede la polizia e si dà alla fuga: al termine di un inseguimento ad alta velocità, 26enne in manette

VIAREGGIO – Resistenza, violenza aggravata e lesioni a pubblico ufficiale: sono questi i reati dei quali dovrà rispondere un giovane di 26 anni, di origine marocchina, arrestato ieri dalla polizia.

Gli agenti di servizio sulle Volanti, attorno alle 22 di ieri sera hanno notato il giovane che stava viaggiando a bordo della propria auto con un’altra persona a bordo: l’auto passava nei pressi dell’area industriale de Le Bocchette a Capezzano. Alla vista della volante, però, il giovane ha accelerato e ha cercato di far perdere le proprie tracce alla polizia, che, però, si è immediatamente messa all’inseguimento, tallonano l’auto dei due.

Un inseguimento ad alta velocità che si è protratto a lungo e che ha visto i due imboccare numerose vie cittadine, finché la volante non è riuscita ad affiancare i fuggitivi e gli agenti hanno più volte intimato l’alt al conducente.

 

Questo, però, ha continuato nella sua folle corsa e ha cercato più volte di speronare la volante, mentre il passeggero, dopo aver aperto lo sportello, è riuscito a rotolare a terra, dandosi alla fuga e facendo di fatto perdere le proprie tracce.

 

Ai colleghi di Viareggio si è affiancata una volante del Commissariato di Forte dei Marmi e, così, gli agenti sono riusciti a bloccare la pericolosa fuga del 26enne. Bloccato e ammanettato, nonostante continuasse a opporre resistenza e insultare gli agenti, il giovane è stato così arrestato.

Portato negli uffici del Commissariato, è stato sottoposto agli accertamenti di rito e sono così emersi a suo carico numerosi precedenti penali e di polizia. L’arrestato è stato processato stamani con rito direttissimo e gli è stata comminata la pena di obbligo di dimora nel comune di Pietrasanta per 18 mesi.

 

Sono adesso in corso ulteriori indagini, volte a individuare il complice, nonché eventuali traffici illeciti che hanno portato i due ad avere una reazione del genere di fronte a un interesse da parte di una pattuglia che effettuava un servizio di controllo.

 

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter