Tiziano Bertoncini e le sue ‘Schegge di un passato’ protagonisti il 19 maggio a Chifenti

Tiziano Bertoncini e le sue ‘Schegge di un passato’ protagonisti il 19 maggio a Chifenti

BORGO A MOZZANO – Cosa avrà scritto di me? Di come e di quello che combinavo quando eravamo ragazzi, e poi dopo, nel cammino della vita? E’ questa la domanda che rimbalza con sempre maggiore frequenta tra la gente della Valle del Serchio che ha ed avuto rapporti con Tiziano Bertoncini, 58 anni, un personaggio conosciutissimo e amico di tutti. Proprio lui, operaio in cassa integrazione ormai vicinissimo alla pensione, sta per presentare il libro che con grande attenzione e scrupolo ha scritto ricordando tanti fatti, episodi, persone, avventure gioie e dolori di una vita in cui, prima dell’avvento di internet, dei telefonini e dei social, le persone si frequentavano, si conoscevano, si parlavano e stavano insieme, litigavano.

 

Sabato 19 maggio, alle 16 nella piazza del Ponte delle Catene a Chifenti, Bertonicini svelerà il frutto della sua memoria nel libero edito dalla Cinquemarzo, “Schegge di un passato”. Nel libro si racconta di fatto la storia del territorio dagli anni Sessanta a oggi, tenendo come come filo conduttore le vicende e le caratteristiche di numerosi personaggi, alcuni dei quali possono essere considerati davvero “da film”. Al punto che l’autore sta cercando contatti con Pieraccioni. Al centro del racconto le vicende di tre comunità, Chifenti, Fornoli e Ghivizzano, dove Bertoncini, personaggio dal multiforme ingegno, vive e lavora.

 

Tanti e gustosi gli aneddoti le curiosità, le notizie, gli episodi accaduti a personaggi del posto che rivivono nel libro. Molti sono ricordati con il soprannome, una caratteristica che si va perdendo, e che risulta nel testo un omaggio affettuoso a un tempo in cui i rapporti erano veri, le intese facevano con una stretta di mano e nessuno cercava di dare di sé un’immagine artefatta, come avviene spesso oggi con i social. A sostenere l’impegno di Bertoncini sono stati anche i familiari:

Oggi vive a la moglie Claudia Venturi, 56 anni, biologa, assistente tecnico all’Isi di Barga, e la figlia di 20 anni, Sara, che frequenta la facoltà di architettura a Firenze. Di Bertoncini tanti ricordano anche che dopo la nascita della figlia, realizzò a Ghivizzano “Saralandia” un parco con animali, la sua passione, e giochi per bambini, rimasto aperto per circa 10 anni. Personaggio istrionico e dotato grande sensibilità, Bertoncini è riuscito a vincere la grande timidezza che lo ha caratterizzato da bambino. Arricchiscono il libro tante fotografie che l’autore ha raccolto e conservato con cura.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com