“Sulla Mia Pelle”, successo al Circolo Arci Sant’Alessio per la proiezione del film su Stefano Cucchi

“Sulla Mia Pelle”, successo al Circolo Arci Sant’Alessio per la proiezione del film su Stefano Cucchi

LUCCA – Iniziativa interessante quella promossa dal Circolo Arci Sant’Alessio, in collaborazione con la Stefano Cucchi Onlus e Lucca Civica, che ieri sera, domenica 22 ottobre, ha proiettato il film super discusso “Sulla Mia Pelle” che racconta gli ultimi 7 giorni di vita di Stefano Cucchi, morto ormai 9 anni fa in seguito a un arresto per detenzione di sostanze stupefacenti. In carcere Stefano mai ci arrivò, furono 7 giorni di dolore e di confusione per il 31enne romano che la sera stessa dell’arresto venne picchiato da due poliziotti di cui mai fece il nome ma che lo portarono allo straziante decesso in un letto dell’ospedale Sandro Pertini di Roma per cause ancora non accertate.

 

Magistrale l’interpretazione del protagonista, Alessandro Borghi, che veste i panni di un Cucchi fragile e tormentato, confuso ma ingenuo. Una storia, quella raccontata dal regista Alessio Cremonini, che ha lasciato l’amaro in bocca a tutti e che ha messo al centro del dibattito le forze dell’ordine, l’abuso di potere e il sopruso nei confronti di un giovane lasciato abbandonato a se stesso, nella sofferenza di un letto di ospedale.

 

Molti i presenti alla serata al circolo per la proiezione del film a dimostrazione che l’argomento, nel mirino della stampa e dei media da ormai molti anni, non riguarda solo Stefano Cucchi ma si sposta ben oltre i confini della vicenda in sé abbracciando tutta quella solidarietà nei confronti di chi molte volte è rimasto in silenzio di fronte a ingiustizie ingiustificabili.

 

A seguito della programmazione è stato possibile, mediante il collegamento telefonico, ascoltare le parole di Irene Testa portavoce della Stefano Cucchi Onlus che ha ripercorso insieme ai presenti gli ultimi giorni di vita di Stefano Cucchi, la drammatica morte e lo straziante periodo che ha dovuto affrontare e che ancora sta affrontando la famiglia del giovane romano che mai più hanno potuto vedere in faccia dopo la sera dell’arresto ma che resta vivo nella mente grazie alla battaglia che sta affrontando di cui se ne fa paladina la sorella Ilaria Cucchi. Parole ricche di emozione che hanno lasciato tutti in un silenzio ricco di riflessione.

 

Quello di Stefano Cucchi, purtroppo o per fortuna, è ormai un caso mediatico portato avanti  da Ilaria Cucchi che da ormai 9 anni si batte per trovare la verità e smascherare chi si nasconde dietro un muro d’omertà. “Sulla Mia Pelle” racconta questo: il silenzio, l’indifferenza e l’odio ma il messaggio che arriva guardando il film, oltre a descrivere nei dettagli gli ultimi giorni di vita di Cucchi, è quello di spronare tutti a non scendere mai a compromessi, a non sottomettersi ai ricatti di chi apparentemente è più forte.
L’educazione, il buonsenso ma soprattutto il rispetto sono i valori su cui dovrebbe basarsi l’intera società ed è obbligo che siano rispettati, anche nei confronti di chi commette errori come Stefano Cucchi.

 

Stefano aveva forse sbagliato a gestire la sua vita, ma chi non lo fa? L’umanità è un’altra cosa.

 

Qui il trailer del film: https://www.youtube.com/watch?v=ep-O2Nl0P0s

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com