Sicurezza a Capannori, Bartolomei: “I cittadini non si sentono sicuri. Le nostre cinque azioni per riportare sicurezza sul territorio”

Sicurezza a Capannori, Bartolomei: “I cittadini non si sentono sicuri. Le nostre cinque azioni per riportare sicurezza sul territorio”

CAPANNORI – Misure efficaci per il controllo e la sicurezza del territorio sono al centro del programma del candidato sindaco del Centrodestra Salvadore Bartolomei. “A Capannori il problema della sicurezza è molto sentito, gli episodi di microcriminalità, atti vandalici, soprusi, furti e rapine sono stati troppi. Le persone che incontriamo ogni giorno ci dicono che non si sentono tranquille, che hanno paura e che vorrebbero sentirsi più protette. Noi non possiamo ignorare che esista un bisogno di sicurezza espresso dai Capannoresi e da anni lanciamo proposte rimaste lettera morta o bocciate dal Pd solo perché espresse da noi o per pregiudizio ideologico”.

 

E annuncia: “La vivibilità e la qualità della vita di un territorio si misurano anche dalla serenità dei suoi cittadini. Là dove esistono misure concrete di controllo e sorveglianza, chi ci vive si sente tranquillo e chi vuole delinquere va da un’altra parte. Una volta al governo di Capannori, renderemo concrete cinque azioni, la prima delle quali riguarda il potenziamento degli agenti della municipale per strade e quartieri. Aumenteremo quindi l’organico della Polizia Municipale e istituiremo la figura del vigile di quartiere che, assieme al sistema del Controllo di vicinato, rinsalderà il rapporto e il legame fra cittadini e forze dell’ordine; vogliamo poliziotti sul territorio tutte le notti, prevediamo quindi di estendere a tutto l’anno, senza soluzione di continuità, i turni notturni dei nostri vigili e di stipulare accordi con le ditte private che si occupano di sicurezza”.

 

E, sul fronte della videosorveglianza, Bartolomei ripropone misure che da anni vengono richieste e promosse dal Centrodestra e che ora, in molte città da esso governate, sono state tradotte in azioni concrete e danno gli sperati risultati: “Potenzieremo la videosorveglianza – e spiega -: riteniamo che l’installazione delle telecamere, se ben pianificata e programmata, possa essere un deterrente per furti, abbandono di rifiuti, commercio e sosta illegale, atti vandalici e contro il patrimonio e un ulteriore strumento di aiuto per le forze dell’ordine. Noi vogliamo che strade e abitazioni di Capannori siano presidiate da occhi elettronici che il Comune provvederà a installare e, là dove i privati cittadini vorranno installarne, saranno aiutati con sgravi fiscali. Tutto questo andrà di pari passo con la creazione di nuovo piano dell’illuminazione pubblica”.

 

E, infine, sul nuovo sistema di videosorveglianza entra nei dettagli: “Porteremo anche a Capannori il felice esempio di altri comuni governati dal Centrodestra. Anche il nostro territorio sarà dotato di un sistema di videosorveglianza che prevede l’installazione di telecamere in tutte le frazioni, che registrano gli eventi per sette giorni e che sono utilizzabili per controllare traffico, sicurezza ed effettuare indagini di polizia giudiziaria. Le immagini vengono trasmesse alla Centrale operativa attraverso il punto di osservazione in Comune. Gli operatori potranno controllare e visionare le telecamere in diretta o in registrazione e a ritroso di sette giorni”. “Si tratta di misure semplici, concrete, di buon senso e per la cui realizzazione serve solo la volontà di farlo. È chiaro – conclude Bartolomei – che finora questa volontà è mancata, come il senso dell’autocritica di chi ancora per poco amministra il nostro Comune”.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com