Scuola: dallo stalking al femminicidio, video-docu studenti per la giornata violenza di genere

Scuola: dallo stalking al femminicidio, video-docu studenti per la giornata violenza di genere

PIETRASANTA – I giovani e la violenza di genere: cosa pensano? Quale è il loro punto di vista? Hanno mai dovuto affrontarla a scuola, in casa, tra gli amici? Quale percezione hanno? L’amministrazione comunale di Pietrasanta coinvolge gli studenti delle scuole medie e superiori invitandoli a produrre video e cortometraggi “fai da te”.

L’idea di una partecipazione attiva – e non solo passiva degli studenti – nasce dalla collaborazione tra l’assessorato alle pari opportunità e della pubblica istruzione in vista della Giornata Internazionale della Violenza di Genere in programma il prossimo venerdì 29 novembre nel Chiostro di S. Agostino.

 

“L’obiettivo è stimolare gli studenti e renderli parte attiva del processo di costruzione della giornata sulla violenza di genere. – spiega Elisa Bartoli, vice sindaco ed assessore al sociale – I temi sul tavolo sono di grande attualità e molto spesso coinvolgono proprio i giovani che sono i soggetti più indifesi ed impreparati. Penso allo stalking, alla cyberviolenza e all’utilizzo improprio dei social e del web: pericoli in agguato quotidianamente. Ai giovani abbiamo chiesto di raccontarci ed esprimere il loro punto di vista e di portare in dote esperienze e testimonianze. Un pericolo esiste se impari a conoscerlo. Dobbiamo insegnare ai ragazzi a non sottovalutarli mai. Ci piacerebbe – spiega ancora la Bartoli – che i nostri giovani studenti siano protagonisti di questa giornata. Non uditori passivi ma relatori attivi”. Le scuole hanno ricevuto nelle scorse settimane l’invito ufficiale. “Speriamo – conclude la Bartoli – in una bella partecipazione delle scuole e degli studenti. Il loro contributo è fondamentale per la costruzione di questa giornata”.

Sono tre gli eventi che caratterizzeranno la Giornata sulla Violenza di genere: la mostra fotografica dal titolo “Quelle come me urlano in silenzio” in collaborazione con “Torano Notte e Giorno” e frutto di un progetto di Emma Castè e della fotografa Giulia Guadagni, l’incontro a cui parteciperanno psicologi e legali. I due eventi si terranno nel Chiostro di S. Agostino e l’illuminazione del Municipio di rosso per sensibilizzare l’opinione pubblica.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com