Santi Guerrieri: “Perché il silenzio sull’ispezione alla Croce Rossa?”

Santi Guerrieri: “Perché il silenzio sull’ispezione alla Croce Rossa?”

LUCCA – Lo scorso 18 luglio ci sarebbe stata una ispezione al centro di accoglienza della Croce Rossa delle Tagliate, ma la notizia non è trapelata. Perché? Se lo chiede Marco Santi Guerrieri, segreteria Provinciale del Movimento Nazionele per la Sovranità di Lucca.

 

“Clamoroso afferma – un’ispezione ministeriale alla Croce Rossa di Lucca e nessuno ne parla. Nella logica delle ispezioni Ministeriali come annunciato dal Ministro Minniti anche a Lucca il 18 di luglio in una bella mattinata di sole il campanello della Croce Rossa alle Tagliate ha suonato e una ispettrice del Ministero degli Interni si è presentata assieme ad una mezza dozzina di colleghi per effettuare un ispezione. Non so quanta sia stata la sorpresa dei presenti al campo ma di fatto da voci di corridoio pare che l’ispezione abbia rilevato tutta una serie di problematiche e/o inadempienze. Da ulteriori indiscrezioni, ovviamente da verificare ma che si palesano da sole, pare che molti immigrati si siano lamentati con gli ispettori di tutta una serie di lacune fra le quali, sovraffollamento, mancanza dell’aria condizionata diurna, servizi igenici insufficienti, pulizia, nessun controllo notturno sulle presenze e tante altre relative a ciò che dovrebbe essere il rispetto alla virgola del capitolato d’appalto come richiesto dalla prefettura. Requisiti quali quelli urbanistici,sanitari non ultimi quelli della sicurezza dentro e fuori la tendopoli, indispensabili per svolgere le attività di accoglienza come richieste nel bando potrebbero essere state messe in discussione. Certo è che la situazione al campo resta grave e i primi segni di insofferenza da parte degli ospiti si e’ gia’ fatta notare con l’escalation di violenza di questo ultimo mese”.

 

Ma secondo Santi Guerrieri c’è di più. “Trascorsi quattro giorni – racconta – al cancello della tensostruttura della si presenta una giornalista di Rai3 con tanto di cameramen al seguito pronto ad immortalare le bellezze del luogo. La giornalista, che non aveva l’autorizzazione della Prefettura, non è stata fatta entrare, ma fatto singolare è che la donna continuava ad insistere che di li a poco sarebbe stata raggiunta dal Sindaco Tambellini. Dopo un paio di giorni, una volta messo a lucido il campo, lustrate le tende e lavato anche il pietrisco del piazzale, la giornalista si è nuovamente presentata ed ha potuto effettuare riprese ed interviste come in precedenza richiesto. Mentre circa la presenza del sindaco Tambellini il condizionale è d’obbligo”.

 

Secondo santi Guerrieri l’ispezione ministeriale potrebbe aver aperto una profonda ferita nel sistema di accoglienza.  Dopo la visita, verso i primi di agosto, la Prefetta Maria Laura Simonetti ha diffuso la notizia di tre/quattro mini hub in provincia.  “Piana di cui la Coperativa l’Odissea pare essere la favorita – afferma Santi Guerrieri -, Mediavalle e Versilia per la quale la Croce Rossa ha destato interesse, anche in previsone di alleggerire la popolazione interna al campo che a luglio 2017 oscillava fra le 260 e le 294 presenze. Non è certamente una coincidenza la mossa della prefetta – sostiene – ma è di quei giorni la voce del sindaco di Pescaglia Andrea Bonfanti, che per niente rassicurato dalle ispezioni della ASL alla stuttura che ospita otto migranti a Fabbriche di Piegaio, decide di scoperchiare la pentola ed anche il Sindaco di Borgo a Mozzano Patrizio Andreuccetti lamenta interferenze della Prefettura in quanto a Diecimo un privato cittadino, nonostante il parere contrario dell’amministrazione, ha messo a disposizione un edificio sfitto. Diciamocela come ci pare, ma la questione sta diventando devastante per la Provincia di Lucca vuoi per i nuovi ingenti arrivi, sia per la fretta di voler dimezzare gli ospiti della CRI che ricordo al 20 di agosto 2015 essere stati 112 e non 220 come in questa prima settimana di due anni dopo , pertanto appare evidente che la Prefettura abbia nuovamente deciso di forzare la mano ecludendo concertazioni con le amministrazioni locali”.

 

Santi Guerrieri torna a puntare il dito sulla Croce Rossa. “Il Comitato Provinciale di Lucca – afferma – è stato creato il 1 gennaio 2014 e in data 25 marzo 2015,  come si evince sul sito internet della Provincia di Lucca, viene iscritta al Registro Regionale dell’Associazionismo di Promozione Sociale articolazione provinciale di Lucca. Pertanto l’Associazione in oggetto è iscritta o quantomeno proposta al Registro Regionale dell’Associazionismo di Promozione Sociale articolazione provinciale di Lucca, nella Sezione B; e per il settore di attività prevalente (socio sanitario). Da quella data – continua Santi Guerrieri –  la Croce Rossa annuncia di sospendere i servizi a quattrocento famiglie bisognose cosa che ancora oggi avviene, per prendersi carico dell’assistenza, sostentamento ed alloggio delle orde di migranti che a Lucca copiosamente giungevano. Un bel salto di qualità pertanto quello avvenuto nel 2015 , che palesemente coincide da quel momento in poi con un costante aumento della popolazione ospitata all’interno della tendopoli”.

 

“A questo punto – conclude Santi Guerrieri – è ovvio che il bilancio 2016 è un documento fine a se stesso se non preceduto dai due precedenti degli anni 2014 e 2015 ai quali precedenti quest’ultimo è strettamente correlato. Pertanto non fosse altro per fare onore alla trasparenza tanto vantata dal presidente della CRi Lucchese Enzo Fasano sarebbe significativo mantenesse definitivamente fede agli impegni presi in Primavera a mezzo stampa e pubblicare le note di bilancio 2014 e 2015”.

3 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

3 Commenti

  • X Comandamenti
    10 agosto 2017, 16:22

    Presidente Illustrissimo Fasano pubblica le note di bilancio della CRI Spa… si si , e come chiedere che Sistema Ambiente ci dice quanto ha incassato negli anni 2013 14 15 e 16 con la vendita di Cartone Carta Vetro Plastica e Metalli…. si si Tambellini and Raspini gongolando pure loro zitti e mosca! Una triade di trasparenza e arroganza!

    RISPONDI
  • Gigino
    10 agosto 2017, 22:02

    Che schifo, questi fanno soldi con le nostre tasse e non pagano un fico secco, si arricchiscono alle spalle degli italiani! È ora di finirla!

    RISPONDI
  • Fasanopolipride
    10 agosto 2017, 23:03

    Vorrei sapere questa Fasanopoli quanto Ci Costa

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com