Piazza al Serchio: in piazza Bechelli diventa un racconto e approda in libreria

Piazza al Serchio: in piazza Bechelli diventa un racconto e approda in libreria

PIAZZA AL SERCHIO – Open your eyes, l’opera murale permanente installata alcuni mesi fa a Piazza al Serchio e realizzata dall’artista e tatuatore pietrasantese Federico Benedetti, arriva in libreria. Dopo aver realizzato i dipinti che si possono ammirare da settembre scorso in Piazza Bechelli, Benedetti ha infatti scritto un racconto sul ricordo dell’installazione dell’opera e con questo ha partecipato ad un concorso letterario nazionale. Il risultato che ne è venuto fuori è che Piazza al Serchio ed il suo territorio, teatro della vicenda narrata, sbarcano in questi giorni in libreria. Il racconto è stato infatti selezionato come uno dei vincitori ed è quindi stato pubblicato in un volume edito da Historica Edizioni, casa editrice indipendente cesenate nata nel 2008.

 

 

Il libro, curato dal giornalista Stefano Andrini, si intitola ‘Racconti a tavola’ ed è stato presentato in anteprima lo scorso 7 dicembre in occasione della fiera del libro di Roma. Il volume verrà inoltre presentato prossimamente in una libreria di Roma e in una di Bologna, occasioni durante le quali gli autori dei racconti selezionati verranno presentati e premiati. 

 

 

<<Benedetti – afferma il vicesindaco di Piazza al Serchio e presidente della locale ProLoco, Luca Cardosiè un grande tatuatore ma anche un artista eclettico. Dopo aver donato alla nostra comunità il suo lavoro pittorico ha deciso di fare di quell’esperienza un racconto, ambientato proprio nel nostro comune. Siamo contenti che il nostro territorio possa essere di ispirazione per esperienza artistiche e letterarie e pensiamo che questo libro sia un’occasione importante per promuovere sempre di più Piazza al Serchio e le sue bellezze>>.

 

 

<<Il racconto – spiega Benedetti – si svolge in un ristorante nel territorio di Piazza al Serchio ed è ispirato al giorno dell’inaugurazione dell’opera murale realizzata per Piazza Bechelli. La storia si svolge durante un pranzo tra amici con quest’ultimo che diventa metafora della vita ma anche e soprattutto un’occasione per ridere, riflettere, e fermarsi a pensare alle cose semplicidell’esistenza>>.

 

 

Nato a Pietrasanta nel 1972, Federico Benedetti è uno dei tatuatori italiani più importanti come dimostrano gli oltre quaranta premi vinti personalmente nelle tattoo conventions nazionali ed internazionali. I suoi lavori sono stati pubblicati su riviste specializzate di tutto il mondo. Ma Benedetti è un artista poliedrico. E così, parallelamente alla carriera da tatuatore, scrive libri e dipinge. Prima di questo racconto aveva pubblicato due romanzi: ‘Niente è mai come sembra‘ e ‘Lo sguardo nel vuoto’.

 

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com