Open 2020: un anno di concerti, seminari ed eventi all’insegna della grande musica

Open 2020: un anno di concerti, seminari ed eventi all’insegna della grande musica

LUCCA – – Grandi interpreti internazionali, ospiti di rilievo e, come da tradizione, i concerti dell’Orchestra dell’istituto. Questo e molto altro è l’edizione 2020 di Open (Ospiti in concerto, Performance, Eventi, Note d’arte, cultura e ricerca), la stagione organizzata dall’Istituto superiore di studi musicali “L. Boccherini” con il contributo di Fondazione Cassa Risparmio di Lucca e Fondazione Banca del Monte di Lucca che da febbraio a dicembre offrirà momenti di musica, di approfondimento ed eventi.

 

Boccherini Open 2020 è stato presentato ieri mattina (giovedì 20 febbraio) all’ISSM “L. Boccherini” dalla presidente dell’Istituto, Maria Talarico e dal direttore Fabrizio Papi. Con loro l’assessore alla cultura del Comune di Lucca, Stefano Ragghianti.

 

«È una grande soddisfazione per me, che qui ho studiato e insegnato e torno quest’anno da Presidente dell’Istituto, inaugurare e assistere a una stagione così ricca sia nella quantità che nella qualità degli eventi in calendario – dichiara Talarico – Tengo a sottolineare che la ricca proposta che l’istituto mette in atto è importante non solo per formare i giovani all’interno della scuola, ma anche per il contributo che dà alla vita culturale di tutta la città».

 

«Il “Boccherini” è uno dei luoghi di promozione musicale e culturale in generale della città, senza dubbio uno dei più importanti – ha aggiunto Ragghianti – Oltre alla proposta in sé per sé, sottolineo con particolare soddisfazione la capacità dell’istituto di lavorare insieme ad altri soggetti e manifestazioni importanti, come Dance Meeting e Lucca Classica, con l’obiettivo di rafforzarsi reciprocamente e non disturbarsi». Il direttore Papi ha illustrato il programma della stagione: «Se parliamo di numeri, Open quest’anno vede in programma 37 concerti, 32 masterclass, 12 tra seminari, laboratori e conferenze e 11 performance. Grandi concerti, celebrazioni importanti, come per i 250 anni dalla nascita di Beethoven, e interpreti di rilievo, per un’offerta variegata che interessa un ampio pubblico».

 

Oltre 90 gli appuntamenti in programma, che includono concerti, masterclass, seminari, laboratori ed iniziative speciali. Senza dubbio, il filone principale della stagione Open è tracciato dai molti eventi dedicati a Ludwig van Beethoven nell’anno delle celebrazioni per i 250 anni dalla nascita del genio musicale tedesco. L’Orchestra del “Boccherini” gli dedicherà un progetto lungo un anno con l’esecuzione delle Sinfonie n. 1, op. 21 e n.7 op. 92, del Triplo concerto op. 56 e dell’Ouverture Egmont op. 84, mentre il Trio Maffei tornerà a esibirsi all’Auditorium di piazza del Suffragio con due concerti dal titolo “Beethoven: evoluzione stilistica e compositiva attraverso i trii per pianoforte, violino e violoncello” (27 marzo e 8 maggio). Un altro trio, che vedrà protagonista il celebre violoncellista Anatole Liebermann, già componente dello storico Trio Čajkovskij, insieme a Paolo Ardinghi e Sergio De Simone, renderà omaggio a Beethoven con un concerto in programma per l’8 aprile.

 

Nel programma di questo anno non mancherà un momento dedicato alla Cattedrale di S. Martino, con un concerto dell’Orchestra del “Boccherini” per i 950 anni dalla dedicazione (6 ottobre).

 

Come da tradizione, all’interno della stagione Open si terranno i festival dedicati alla chitarra, al pianoforte e al contrabbasso. Il Guitar Festival quest’anno porta il titolo “Corde che cantano, ovvero la vocalità nella musica strumentale dell’800” e si svolgerà dal 24 gennaio all’11 giugno, e vedrà arrivare a Lucca ospiti del calibro di Pavel Steidl e Gabriel Bianco e il ritorno di altri virtuosi della sei corde come Antigoni Goni, Adriano Del Sal e Petra Polackova. Il Festival si “intreccerà” in maggio con il Lucca Classica Music Festival per concerti che vedranno le prestigiose collaborazioni del Quartetto Guadagnini e Massimo Polidori.
Open Piano ospiterà Dina Yoffe, che terrà al “Boccherini” una masterclass e un concerto. Terrà una masterclass di diversi giorni anche Piotr Banasik.

 

Moltissimi i protagonisti del Bass Festival, divenuto un appuntamento fisso della stagione Open dopo il successo del Bass Europe, che nel 2018 vide arrivare centinaia di contrabbassisti in città. Nel 2020 il festival riporterà a Lucca interpreti del calibro di Thierry Barbé (primo contrabbasso dell’Opéra di Parigi), David Heyes e Dominic Dudley.

 

Non mancheranno importanti momenti di musica e approfondimento per altri strumenti: ci sarà, per esempio, il ritorno di Gábor Tarkövi, prima tromba dei Berliner Philharmoniker, e quello di Stefano Novelli, primo clarinetto dell’Orchestra di S. Cecilia.
Immancabili gli appuntamenti in collaborazione con il Dance Meeting, tra i quali un concerto in S. Francesco (26 marzo) che vedrà protagonisti, insieme ai ballerini dell’Associazione Europa Danza e alla musica di Gustav Mahler, l’Orchestra dell’istituto e i solisti Sandra Pastrana e Gian Luca Pasolini. L’evento è realizzato con la Fondazione Cassa di risparmio di Lucca. Sempre in occasione del Dance Meeting, saranno organizzate tre repliche di “La Scatola dei giocattoli” di Debussy (25 marzo), dedicate in particolar modo alle scuole primarie del territorio.

 

ISSM “Boccherini” in primo piano anche del concerto in programma il 7 marzo, organizzato da Animando – Centro di promozione musicale in collaborazione con il Centro Studi Boccherini e che vedrà protagonista l’orchestra del conservatorio, diretta dal M° GianPaolo Mazzoli.

 

Torna, inoltre, la collaborazione con il Centro Studi Boccherini, con due eventi in calendario il 28 maggio, anniversario della morte di Luigi Boccherini, che verrà celebrato con due brevi concerti, uno pomeridiano nella chiesa di S. Francesco e uno serale nell’Auditorium dell’istituto.

 

Nuova, invece, la collaborazione con la onlus “Alice Benvenuti”, grazie alla quale l’Orchestra del “Boccherini” terrà un concerto dedicato alle musiche da film nella chiesa San Francesco (20 giugno).

Infine, l’orchestra del conservatorio cittadino, in occasione di Lucca Classica Music Festival, sarà impegnata in una grande performance al Teatro del Giglio (3 maggio) con l’esecuzione della Prima e della Settima Sinfonia di Ludwig van Beethoven, sotto la direzione di Ezio Bosso.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com