Michele Sarti Magi sulla “movida” lucchese: come Amsterdam o Pompei?

Michele Sarti Magi sulla “movida” lucchese: come Amsterdam o Pompei?

LUCCA – “Il Comitato Vivere il Centro Storico, oltre a parlare di Romani, Pompei e roba varia, si ostina a voler creare quel muro che divide la città in due: Lucca morta o Lucca viva? Quella che loro chiamano una “sterile ed inutile polemica” è l’opinione di quelli che non la pensano come loro. Pertanto mi sembra abbastanza dittatoriale considerare pubblicamente inutile l’idea di qualcun altro. Ma, senza cadere in questi particolari, vorrei ricordare al comitato Vivere il Centro Storico, che NESSUNO ha mai parlato di trasformare la città in una giungla dove ognuno fa quello che vuole. Il Comitato, inoltre continua imperterrito a proporre quella pazza norma che vieta le bevute, anche di acqua, fuori dai locali dopo le 21.00.
E anche se in altre città lo fanno, non mi interessa nulla, come per me e per altri, rimane una regola veramente esagerata. Purtroppo per il Comitato Vcs, ciò che dico non lo penso solo io.
Mi è sembrato che in questi giorni, Confcommercio, i locali, le gelaterie, le pizzerie, i giovani, le band musicali ecc, abbiano espresso la loro idea, che condividibile o no, rimane contraria alla vostra.
Ora, precisando che il comune non è vero che focalizza l’attenzione esclusivamente sul commercio, poiché quando faceste l’esposto in piazza XX settembre, il giorno dopo i provvedimenti erano subito avviati, vorrei ricordare al Comitato Vcs che, appunto in centro storico, non esistono solamente le persone che, giustamente, vogliono riposare, ma esistono anche coloro che desiderano Lucca Viva, nel rispetto degli altri.
Ricordando anche che la mia richiesta personale è di rivedere l’ordinanza sia con i pro che con i contro, pongo un quesito al Comitato Vcs: Siete sicuri del nome che avete scelto? E chi rappresentate? Il centro storico o il centro storico VOSTRO? Quindi la nostra prima proposta è quella di organizzare un incontro tra tutte le parti. Poi oggi vogliamo proporre un’altra cosa:
Ad Amsterdam, il sindaco, ha rovesciato il tavolo e dopo una serie di riunioni con i gestori dei locali e le associazioni dei residenti ha tirato fuori la sua soluzione. L’orario di apertura dei locali, specie nei quartieri più periferici, è stato liberalizzato: dunque niente divieti. In compenso, sono entrate in azione delle «ronde» di assistenti, pagati dai gestori e controllati da rappresentanti del comune, che fuori dai locali spiegano come comportarsi per non disturbare gli abitanti della zona.
Con questo accordo tra l’altro, i giovani restano nei locali e non si riversano tutti contemporaneamente nelle strade alimentando il caos. Finora l’esperimento ha funzionato: i gestori hanno visto aumentare gli incassi, mentre sono diminuite le proteste dei cittadini contro la movida. E il format di Amsterdam è diventato un riferimento per altri sindaci europei.
Ecco, questa è la nostra seconda proposta. Un modo per trovare un punto d’incontro con i comitati della città silenziosa.
Comunque noi, come una grande fetta della città, vogliamo una revisione dell’ordinanza e minori limiti soprattutto durante il fine settimana. Per la sicurezza aumento dei vigili e se non ci sono i soldi, i soldi si trovano. Come dico sempre io, i soldi ci sono ma vengono sprecati. Per concludere, ho tre richieste: un appuntamento con il Sindaco, la legge regionale che obbliga quest’ordinanza e un confronto pubblico con il comitato Vivere il Centro Storico”.

Michele Sarti Magi

2 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

2 Commenti

  • Q.D.P.
    24 giugno 2016, 10:36

    Complimenti per il nodo alla cravatta,
    io lo facevo un po’ più corto, che arrivasse più o meno ai capezzoli.

    RISPONDI
  • gigino
    24 giugno 2016, 14:51

    o re magio torna a scuola…e tagliti i capelli, un ti si pole vedè!

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com