La passione della Tosca pucciniana inaugura la Stagione Lirica del Teatro del Giglio

La passione della Tosca pucciniana inaugura la Stagione Lirica del Teatro del Giglio

LUCCA  – Con il ritorno del grande classico pucciniano, la Tosca, il Teatro del Giglio inaugura la Stagione Lirica 2019/20 insieme alla sesta edizione dei Lucca Puccini Days.

La Tosca, andata in scena per la prima volta a Roma al Teatro Costanzi nel 1900, è fra le opere liriche più rappresentate al mondo.

Il nuovo allestimento di Tosca è una coproduzione con gli storici partner del Giglio, il Verdi di Pisa, dove l’opera sarà rappresentata il 15 e 17 novembre 2019, e il Goldoni di Livorno, dove Tosca è attesa nel 2020, il 14 e 16 febbraio.

 

A presentare l’opera questa mattina nel ridotto del Giglio, che andrà in scena  questo venerdì 18 ottobre (ore 20.30, con replica domenica 20 ottobre ore 16), erano presenti Stefano Ragghianti (assessore alla cultura Comune di Lucca), Antonio Marino, Giovanni Del Carlo e Aldo Tarabella (rispettivamente direttore generale, amministratore unico e direttore artistico del Teatro del Giglio), insieme al cast tecnico e artistico.

 

Giovanni Del Carlo, amministratore unico del Teatro del Giglio, parla della grande novità di quest’anno, la locandina che è caratterizzata da una nuova grafica, manifesto di una rottura rispetto al passato, ma che non si stacca mai dalla grande tradizione.

 

 

 

Mi preme sottolineare – afferma Del Carlo –  l’importanza della partecipazione delle istituzioni cittadine alla realizzazione di questo spettacolo. In scena abbiamo infatti il Coro Voci Bianche della Cappella Santa Cecilia di Lucca nonché i musicisti del Boccherini“.

 

Il corredo musicale presente in scena è composto da l’Orchestra della Toscana, il Coro Ars Lyrica e il Coro di voci bianche Teatro del Giglio e Cappella Santa Cecilia che sono guidati in questa occasione dal Maestro Marco Guidarini, un nome fra i più noti come direttore d’orchestra della sua generazione.

Giudarini, Chevalier des Arts et des Lettres del Ministero della Cultura francese e Cavaliere dell’Ordine della Stella della Repubblica italiana, è stato nelle scelte carrieristiche profondamente influenzato dalla vicinanza di Claudio Abbado; dopo il debutto come direttore assistente di John Eliot Gardiner, ha intrapreso una carriera sul podio dei maggiori teatri del mondo.

 

Nella scorsa stagione del Teatro del Giglio è stato raffinatissimo interprete delle partiture di Suor Angelica e Gianni Schicchi. La sua lettura di Tosca porta in luce «la straordinaria cura posta dal Maestro nel dettato orchestrale, anche quando si dispiega nell’effetto descrittivo o cinematografico come nel Te Deum o nell’evocazione dell’alba romana, che hanno il valore di tela di fondo del tormento esistenziale della protagonista».

 

Maestro del coro è Marco Bargagna, Sara Matteucci maestro del coro di voci bianche. Gli strumenti in palcoscenico sono stati scelti tra gli allievi dell’ISSM «Luigi Boccherini» di Lucca.

 

Tosca è fra le figura più classiche del panorama pucciniano – afferma Stefano Ragghianti, assessore alla cultura del Comune di Lucca -, una figura che arriva forte nella nostra città. È importante sottolineare il ruolo culturale che svolge Lucca: la città è palcoscenico di una serie di eventi molto importanti, ma non solo ospita cultura, ma ne è produttrice grazie ad alcune istituzioni come il Teatro del Giglio”.

 

La locandina scelta – afferma Antonio Marino, direttore generale del Teatro del Giglio -per questo spettacolo sottolinea il tentativo di creare un filo di rottura in vista anche del nuovo anno e della stagione ventura che sarà molto particolare. La scelta di questo manifesto è caratterizzata da una grande apertura verso il nuovo passando ovviamente dalla tradizione”.

 

Dato positivo per l’amministrazione del Giglio, nonché per la città stessa, è l’esponenziale crescita della campagna di abbonamenti, ad oggi ne sono stati richiesti più di 1800, una crescita del 10% rispetto allo scorso anno.

È un risultato molto importante – afferma Aldo Tarabella, direttore artistico del Teatro del Giglio – per il ruolo che il nostro teatro ha rispetto alla città; al Teatro del Giglio viene riconosciuta l’etichetta di “casa teatrale di Puccini”.

 

Regia, scene e costumi di Tosca portano la firma di Ivan Stefanutti, artista poliedrico che, dopo una lunga collaborazione con Sylvano Bussotti, dall’inizio degli anni Novanta ha intrapreso un’intensa attività nell’opera lirica, dove spazia dal grande repertorio a titoli meno frequentati.

Per questo spettacolo – dichiara Stefanutti –  ho seguito i dettami dello spartito, in quanto già perfetto. Non ci sono spostamenti d’epoca, ma è evidente un gusto moderno”.

Sua l’applauditissima Fanciulla del West, progetto internazionale che inaugurò la stagione 2017-2018 del Teatro del Giglio. La Roma dipinta da Stefanutti per questo spettacolo è «lugubre e per niente pittoresca, fatta per accogliere una vicenda altrettanto nera, quasi gotica, fatta di desideri malsani e tragici epiloghi, dove l’amore è solo un episodio di passaggio». Lo affiancano, nel team creativo, il visual designer Ezio Antonelli e il light designer Marco Minghetti.

 

Io credo molto alle energie dei luoghi – afferma invece Marco Guidarini – è in questo posto è molto forte, non solo perché è la casa del grande Maestro Puccini, ma soprattutto per la squadra che lavora qui. Il cuore della vita di un teatro sono le persone che ci vivono, il Teatro del Giglio è proprio Il teatro di Lucca e questo lo distingue da tutti gli altri”.

 

Il cast di Tosca vede protagonista il soprano Daria Masiero nel ruolo del titolo: cugina dell’indimenticata Lauretta Masiero, è considerata una delle voci più importanti del panorama lirico internazionale, interprete applauditissima di ruoli pucciniani quali Cio-Cio-San (recentemente al Teatro Bellini di Catania) e Manon Lescaut (all’Art Center di Seoul); al Teatro del Giglio, è stata applauditissima interprete del Concerto di Capodanno 2018.

 

Tosca è il ruolo che ho sempre sognato di poter cantare – confessa la Masiero – sin da quando ero una bambina, è un sogno che si avvera. La mia speranza è quella di riuscire a trasmettere al pubblico la mia passione e  la stessa emozione con cui salgo sul palcoscenico”.

 

Mario Cavaradossi avrà la voce del tenore spagnolo Enrique Ferrer, già noto al pubblico lucchese per la sua intensa interpretazione di Dick Johnson nella produzione internazionale di Fanciulla del West di due anni fa, e di casa nei palcoscenici del mondo.

 

Mi piacerebbe sottolineare il grande rispetto – afferma Ferrer – che ho visto nella nascita di questo spettacolo, rispetto reciproco fra gli interpreti, rispetto con il maestro, ma soprattutto rispetto per il grande Puccini che ancora oggi riesce a farci riunire insieme. Una delle caratteristiche più belle di questo piccolo grande teatro che è il Giglio è che permette di evidenziare quei piccoli dettagli, uno sguardo, un silenzio, una pausa, che rendono speciale l’opera“.

 

Il perfido Barone Scarpia sarà interpretato dal baritono coreano Leo An: dopo gli studi nel suo paese natale si è perfezionato a Milano, e da allora ha intrapreso una brillante carriera che lo porta a esibirsi in teatri importanti prediligendo ruoli pucciniani e verdiani. Con loro, Matteo D’Apolito (Cesare Angelotti), Saverio Pugliese (spoletta), Donato Di Gioia (Sagrestano), Marco Innamorati (Sciarrone) e Lorenzo Nincheri (Carceriere). Giovanni Fontana e Gaia Niccolai, provenienti entrambi dalle fila del Coro delle Voci Bianche Teatro del Giglio e Cappella Santa Cecilia, interpreteranno il ruolo del Pastore.

 

 

Anche per la Stagione Lirica 2019-2020 si rinnova l’appuntamento con la presentazione delle opere a cura di critici musicali delle più importanti testate nazionali. Tosca sarà presentata venerdì 18 ottobre alle ore 18, nel ridotto del teatro, da Francesco Ermini Polacci, critico musicale titolare del «Corriere Fiorentino» (dorso toscano de «Il Corriere della Sera») e collaboratore di numerose riviste specializzate, fra le quali «Amadeus» e «Il Giornale della Musica». L’ingresso all’incontro è libero e gratuito, fino a esaurimento posti.

 

Maggiori informazioni su www.teatrodelgiglio.it.

 

Il cast artistico insieme al Coro Ars Lyrica e al Coro Voci Bianche della Cappella Santa Cecilia di Lucca e del Teatro del Giglio.

 

Lucca, Teatro del Giglio
venerdì 18 ottobre 2019 ore 20.30
domenica 20 ottobre 2019 ore 16

 

TOSCA di Giacomo Puccini
melodramma in tre atti su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica, dal dramma omonimo di Victorien Sardou

 

Floria Tosca | Daria Masiero
Mario Cavaradossi | Enrique Ferrer
Il Barone Scarpia | Leo An
Cesare Angelotti | Matteo D’Apolito
Spoletta | Saverio Pugliese
Il Sagrestano | Donato Di Gioia
Sciarrone | Marco Innamorati
Un carceriere | Lorenzo Nincheri
Un pastore | Giovanni Fontana, Gaia Niccolai

 

Marco Guidarini | direttore d’orchestra
Ivan Stefanutti | regia, scene, costumi
Ezio Antonelli | visual designer
Marco Minghetti | light designer

 

Orchestra della Toscana

Coro Ars Lyrica diretto da Marco Bargagna
Coro Voci Bianche Teatro del Giglio e Cappella Santa Cecilia diretto da Sara Matteucci

 

 

assistente alla direzione musicale Andrea Chinaglia
assistente alla regia e alle scenografie Filippo Tadolini
assistente ai costumi Atelier Nicolao, Venezia di Stefano Nicolao
assistente al maestro coro voci bianche Lorenzo Corsaro
realizzazione dipinto I atto Gino Bruni
video grafica Matteo Semprini
figuranti Gianluigi Enrico Bianchi, Mattia Ciampi, Stefano Francasi, Daniele Guidi, Alessandro Mallegni, Emilio Micheletti, Leonardo Paoli, Davide Sicari, Valerio Tuci
maestri collaboratori di palco e al piano Silvia Gasperini, Arianna Tarantino
maestro alle luci Matteo Ballini
maestro ai sopratitoli Simone Tomei
direttore di palcoscenico Guido Pellegrini
capo-macchinisti Luca Barsanti, Andrea Natalini
macchinisti Andrea Macis, Andrea Vignali
datore luci Tiziano Panichelli
elettricisti Raffaele Brandani, Giuseppe Lena
capo attrezzista Daniela Giurlani
attrezzista Samantha Cesaretti
capo sarta Anna Mugnai
sarta Evelina Dario
prestazioni sartoriali Sartoria Eleganza, Pisa
responsabile trucco e parrucche Patrizia Bonicoli
trucco e parrucche Ilenia Cavallini, Mirella Di Siro, Annamaria Romanini
tirocinante Università Ca’ Foscari di Venezia Camilla Fidenti

 

nuovo allestimento Teatro del Giglio di Lucca
coproduzione Teatro del Giglio di Lucca, Teatro Verdi di Pisa, Teatro Goldoni di Livorno

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com