James Taylor e Bonnie Raitt sul palco del Lucca Summer Festival, ed è subito magia

James Taylor e Bonnie Raitt sul palco del Lucca Summer Festival, ed è subito magia

LUCCA – Capelli rossi, chitarra elettrica e sound inconfondibile: è Bonnie Raitt che ha acceso la serata di ieri, 20 Luglio 2018, dando vita a un concerto intimo e profondo a fianco di James Taylor sul palco del Lucca Summer Festival.

 

L’artista, con una carriera di almeno 50 anni e collaborazioni con le più grandi leggende del passato tra cui quella con John Lee Hooker che l’ha vista protagonista nel video di “In the mood”, ha aperto il concerto di James Taylor e conquistato immediatamente il pubblico con “adesso facciamo un po’di musica vera”. Messaggio importante, quello della grande artista, lanciato forse a tutte le nuove generazioni che troppo spesso crescono con musica priva di messaggi di valore.

 

Bonnie Raitt ha presentato sul palco del Lucca Summer Festival alcuni brani del suo disco “Nick of time” e accompagnato successivamente James Taylor in alcuni pezzi per ricordare grandi artisti del passato. Primo tra tutti il meraviglioso omaggio a Chuck Berry che li ha visti protagonisti in un’intensa interpretazione uno a fianco all’altro. L’artista non ci ha risparmiato di un po’di sana ironia con alcuni sketch che hanno visto coinvolto anche il pubblico. Da non dimenticare il profondo e importante messaggio di solidarietà che ha lanciato Bonnie Raitt dedicando una canzone a tutte le donne meno fortunate di lei, ricordando le vittime dell’Arabia Saudita e le madri messicane che in America vengono separate dai propri figli. Una sensibilità rara che fa di una grande artista anche una grande donna.

 

Dopo circa un’ora di spettacolo, sotto un cielo stellato e una luna che sembrava ci guardasse dall’alto, ha fatto il suo ingresso il cantautore per eccellenza: James Taylor. Con alle spalle 100 milioni di dischi venduti in tutto il mondo, una carriera da leggenda della musica leggera e celebrità assoluta degli anni ’70, ha varcato il palco del Lucca Summer Festival con tutta la sua eleganza e garbo, come qualcuno felice di entrare nella propria casa dopo una giornata passata fuori. E l’atmosfera era esattamente quella, intima e profonda, nonostante le migliaia di persone presenti al concerto. Insieme a lui la AllStar Band che lo accompagna in tutto il suo tour mondiale “Dig In Deep” della quale fanno parti i mostruosi musicisti Steve Gadd alla batteria, Luis Conte alle percussioni, Kevin Hays a piano e tastiere, Mike Landau alla chitarra elettrica, Walt Fowler a fiati e tastiere, Jimmy Johnson al basso, Lou Marini ai fiati e Arnold McCuller, Andrea Zonn e Kate Markowitz ai cori.

 

Protagonista dello spettacolo è stato il suo ultimo disco “Before this world” ma non sono mancati anche tutti quei brani cantati a memoria dai fans, tra cui “Mexico”, “Sunny Skies”, “Country road”, “Up on the roof” e molti altri.
Il vincitore di sei Grammy Award si è conquistato, con tutto il suo fascino e la sua sobrietà dimostrata anche dal look classico con completo nero e immancabile berretto, la nostra città per la quale ha speso molti apprezzamenti positivi.

 

Uno show intenso e commovente tanto che girandosi tra le persone si potevano vedere le molte lacrime negli occhi dei presenti. Complice anche una notte d’estate, scenario ideale per portare la mente al passato, per farsi travolgere dai ricordi sulle melodie di una star internazionale che da più di 30 anni commuove il mondo. Non sono certo mancate le richieste di bis, che l’artista ha gentilmente accordato e i momenti di interazione con il pubblico che hanno mostrato un James Taylor simpatico e divertente, alla mano e umano (cosa non così comune tra gli artisti del suo calibro).
Immancabile il forse più celebre pezzo dell’artista, scritto da Karol King, all’epoca compagna di Taylor, “You’ve got a friend” che ha chiuso il concerto in un’atmosfera magica e irripetibile.

 

Una poesia senza tempo e una vittoria per l’arte vedere due artisti come James Taylor e Bonnie Raitt ancora insieme, ancora sul palco, ancora pronti a comunicare qualcosa e a voler fare emozionare le persone. Dopo 50 anni, con un corpo diverso ma la stessa luce negli occhi, sono ancora qui a dare qualcosa di bello, forse un ricordo in più, per dimostrare che la musica vera non tramonta mai.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter