Il salotto musicale di Guido Zaccagnini, appuntamento da non perdere a Virtuoso & Belcanto

Il salotto musicale di Guido Zaccagnini, appuntamento da non perdere a Virtuoso & Belcanto

LUCCA – Sarà a Lucca per parlare di Musica Guido Zaccagnini: della Musica composta e da comporre, della Musica da eseguire e, soprattutto, della Musica da ascoltare. Novità dell’edizione numero due di Virtuoso & Belcanto, il Salotto musicale curato e condotto da Guido Zaccagnini – in tutto, tre appuntamenti tra parole, ascolti, interviste e proiezioni – si propone di mettere a fuoco, con il contributo dei musicisti presenti a Lucca nelle vesti di docenti o di partecipanti a corsi e concorsi, o di semplici spettatori, problemi e temi riguardanti i modi di produzione e di fruizione della Musica.
Molti gli argomenti sui quali interrogarsi: l’importanza di luoghi, riti, mezzi e contesti per diffondere la Musica; la presenza di barriere tra generi musicali diversi; forza e utilità delle nuove tecnologie; il ruolo e l’evoluzione della didattica musicale; la scelta tra inserirsi nel solco della tradizione o avviare un processo di rottura con il passato.

 

Guido Zaccagnini è musicologo e storico autore e conduttore di programmi per RAI-Radio3, RAINews24 e RAI5; da più di trent’anni insegna Storia della Musica all’Università Roma Tre e al Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma. Fondatore e direttore dell’ensemble “Spettro Sonoro” (con cui, tra l’altro, ha eseguito e registrato l’opera omnia musicale di F. Nietzsche) e dell’orchestra da camera “Sinfonietta di Roma”, ha curato e tradotto per Adelphi “La generazione romantica” di Charles Rose; per Einaudi, ha tradotto “Su Beethoven” di Maynard Solomon; per Pendragon, ha scritto “Hector en Italie”, dedicato a Hector Berlioz; per la EDT, con Jacopo Pellegrini, ha curato “Vivere senza Paura – Scritti per Mario Bortolotto”.

 

Grazie al contributo di Zaccagnini, e alla presenza dei docenti dei corsi – tutti musicisti e insegnanti di fama internazionale, quali Yejin Gil, Wei-Yi Yang, Kyu-Young Kim e Luigi De Filippi (giovedì 27 luglio ore 18.30, Atelier Ricci), Jakub Fiebig, Alain Meunier, Bruno Giuranna e Jan Bjøranger (venerdì 28 luglio ore 18.30, spazio San Donnino), Riccardo Cecchetti, Christian Ihle Hadland e Lars Anders Tomter (martedì 1 agosto ore 18.30, Fondazione Ragghianti, Sala Luigi de Servi) -, cui si aggiungono Maria Chiara Martinelli (prof.ssa di metrica greca alla Scuola Normale Superiore di Pisa – giovedì 27 luglio) e Mimmo D’Alessandro (patron del Lucca Summer Festival – martedì 1 agosto), latori di esperienze professionali trasversali, sarà possibile cogliere nuove suggestioni sul mondo musicale passato e presente, e su prospettive e scenari che si aprono per il futuro.

 

La seconda edizione di Virtuoso & Belcanto, il festival di musica da camera ideato da Riccardo Cecchetti (direttore artistico) con la consulenza Jan Bjøranger, promosso e realizzato da Comune di Lucca, Associazione Voces Intimae e Teatro del Giglio, è reso possibile grazie al prezioso contributo di Fondazione Banca del Monte di Lucca, Tagetik, Guidi Car e Bechstein Pianoforti, e alla collaborazione di Fondazione Giacomo Puccini, Camera di Commercio, Opera delle Mura, Associazione Lucchesi nel Mondo, Liceo Musicale “A. Passaglia”, Fondazione Scuola di Musica di Fiesole, Scuola di Musica Sinfonia, Atelier Ricci, Animando, Cluster, Mmad, DìTv, Via Francigena entry point.

 

Gli appuntamenti con il Salotto musicale di Guido Zaccagnini sono a ingresso libero e gratuito, fino a esaurimento posti.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com