Il progetto del settore giovanile rossonero destinato a durare nel futuro

Il progetto del settore giovanile rossonero destinato a durare nel futuro

LUCCA – Costruire un settore giovanile in pochi giorni è stata un’impresa che la Lucchese è riuscita a superare a pieni voti. Dopo le vicissitudini estive nessuno avrebbe scommesso niente su questo progetto che invece sta crescendo giorno dopo giorno.

 

Non è stato facile – commenta il direttore generale Elena Bruno – anche perché siamo partiti molto in ritardo rispetto alle altre società. Il nostro è un progetto a lungo termine, con una programmazione seria per costruire finalmente un ottimo settore giovanile. Dall’inizio del 2019 la Libertas Femminile diventerà Libertas Academy e si occuperà di tutto il settore giovanile a partire dai bambini più piccoli nati nel 2013-2014. E’ importante per noi sottolineare anche il fatto che abbiamo già un bambino del 2011 che si allena con la formazione femminile. Per poter espandere il nostro progetto abbiamo già chiesto all’Amministrazione Comunale l’assegnazione di alcuni impianti sportivi per poter svolgere la nostra attività”.

 

La Libertas Femminile – prosegue Bruno – in base all’accordo stilato con la Lucchese, ha in gestione tutta l’attività del settore giovanile, compresi i pagamenti di tutti i tessarati, che ci teniamo a precisare sono già stati effettuati, per i mesi di settembre ed ottobre ad inizio novembre. Si occupa anche dell’organizzazione di tutte trasferte e rispetto agli anni passati i genitori non sono più costretti ad autotassarsi. Finalmente possiamo dire di essere anche noi una società professionistica sotto questo aspetto. Non ci piace ricevere critiche da persone non informate e le respingiamo al mittente. Chi ha parlato di settore giovanile disorganizzato non sa davvero di cosa si parla, perché la Lucchese e la Libertas Femminile per il nostro settore giovanile maschile e femminile stanno facendo un grosso investimento finanziario”.

 

Vogliamo – conclude il direttore generale rossonero – collaborare con tutte le realità calcistiche della nostra provincia perché la collaborazione è uno dei punti fondamentali del nostro progetto. Il nostro obbiettivo è quello di formare i nostri ragazzi e non ci interessano i risultati. Nella scorsa settimana abbiamo avuto dei giocatori che hanno fatto provini con Spal e Genoa e questo per noi è motivo di orgoglio. A breve avremmo anche altri ragazzi che andranno ad effettuare provini con Juventus ed Atalanta. Abbiamo messo insieme un’ottima rete di osservatori capeggiati da Alberto Casella che riescono a coprire tutte le zone della nostra regione a dimostrazione che il nostro è un progetto molto valido destinato a durare nel tempo”.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com