Il concerto di Animando diventerà un dvd distribuito in tutta Europa

Il concerto di Animando diventerà un dvd distribuito in tutta Europa

LUCCA – La stagione 2018 dei concerti di Animando per Il Settecento musicale a Lucca si è conclusa domenica 7 ottobre nella chiesa di Santa Maria dei Servi con la presenza di Achord Pictures. La casa editrice di Budapest, infatti, è voluta essere a Lucca per registrare in anteprima mondiale l’esecuzione di due brani di Alfredo D’Ambrosio, compositore napoletano contemporaneo di Giacomo Puccini. Un’interpretazione che diventerà un dvd distruibuito sul mercato europeo, affidata al virtuosismo dei giovanissimi violinisti solisti Laura Bortolotto e Christian Sebastianutto accompagnati dall’imponente orchestra Nuove Assonanze: oltre 50 musicisti professionisti, diretti dal maestro Alan Freiles, hanno restituito con energia un repertorio noto per lo più in ambiente francese, dopo D’Ambrosio si affermò.

 

La serata è stata introdotta dal professor Gianluca La Villa, mecenate e musicologo del Comitato per i grandi maestri di Ferrara, con il quale Animando ha intessuto una proficua collaborazione. L’apertura del concerto ha visto sulla scena un ensemble orchestrale di pochi elementi per l’esecuzione della purissima musica barocca di Francesco Barsanti, nato a Lucca nel 1690 e figlio, dimenticato, di quel Settecento che la rassegna lucchese intende riscoprire. <<Il Concerto grosso di Barsanti – ha commentato il presidente di Animando, Paolo Citti ha riscaldato l’animo dei presenti. Il suo linguaggio musicale ha dimostrato di saper resistere allo scorrere del tempo. Ogni anno, convintamente, proponiamo un’opera di questo autore tanto conosciuto in Gran Bretagna quanto poco noto nella sua città natale: l’apprezzamento del pubblico – ha concluso – è per noi, di volta in volta, motivo di grande soddisfazione>>. 

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter