“Il calore di un abbraccio”, al via il progetto teatrale per le persone autistiche

“Il calore di un abbraccio”, al via il progetto teatrale per le persone autistiche

FORTE DEI MARMI – Prenderà il via da domani, presso la scuola Ugo Guidi, il progetto teatrale sperimentale “Il calore di un abbraccio” concepito appositamente per le persone con disturbo dello spettro autistico e promosso dalle Politiche Sociali dell’Amministrazione Comunale.
“Questa iniziativa è nata da una stretta collaborazione tra l’Associazione di teatro dialettale “Versiglia in bocca” e l’Associazione di volontariato Autismo Apuania Onlus le quali hanno ideato insieme un laboratorio teatrale aperto a giovani e adulti con autismo. – commenta Simona Seveso, presidente del Consiglio Comunale con delega alle Politiche Sociali – Ho molta fiducia in questo progetto e sono davvero soddisfatta del sostegno che l’Amministrazione ha rivolto a questa iniziativa dal grande valore sociale. Credo tantissimo nella professionalità delle due associazioni coinvolte e mi auguro che questa esperienza possa rappresentare in futuro uno dei punti di partenza e di riferimento per tutte quelle famiglie che da anni convivono con l’autismo.”

 

Come ricorda il dottor Roberto Marrai, presidente dell’Associazione Autismo Apuania Onlus, l’autismo è un disturbo del neuro sviluppo in forte crescita, le cui principali caratteristiche sono la difficoltà ad esprimersi, a stabilire relazioni sociali, le stereotipie comportamentali, la ristrettezza degli interessi e la tendenza all’isolamento. Il teatro, in questo caso, come forma di arte antica, si colloca esattamente all’opposto, stabilendo una relazione tra attore e pubblico e attivando la parte affettiva di chi partecipa. “Per questo motivo – spiegano Lora Santini e Antonio Meccheri, fondatori dell’Associazione di teatro dialettale “Versiglia in bocca” – il teatro può essere utilizzato per coinvolgere in modo ludico e creativo le persone con autismo. Il progetto è ambizioso e impegnativo, si parte in punta di piedi ma con grande coraggio e determinazione. Gli obiettivi non comprendono riabilitazione o teatro terapia ma piuttosto la sperimentazione dell’uso della drammatizzazione per migliorare la comunicazione e le capacità relazionali.”

 

Lora Santini e Antonio Meccheri hanno inoltre partecipato ad un incontro di formazione sull’autismo in modo da unire conoscenze specifiche sull’argomento alla loro esperienza. L’Associazione Autismo Apuania Onlus affiancherà e supporterà i teatranti coinvolgendo anche operatori che accompagneranno i partecipanti in questo nuovo percorso.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com