Gestione Rsa, Santini: “In commissione confermati i dubbi su possibili gravi inadempienze del Comune”

Gestione Rsa, Santini: “In commissione confermati i dubbi su possibili gravi inadempienze del Comune”
LUCCA – <<Sono emerse contraddizioni e non sono stati forniti, dal Comune, tutti i chiarimenti che mi aspettavo in merito ai rapporti tra l’amministrazione e la cooperativa che gestisce le case di riposo Pia Casa e Monte San Quirico>>. 
E’ l’opinione del presidente della commissione controllo e garanzia, Remo Santini, dopo la seduta in cui si è discusso dell’esposto presentato alla Corte dei Conti e all’Anac da parte di Fratelli d’Italia, secondo cui l’ente pubblico, nel caso specifico, non ha assolto come doveva al rispetto e al controllo degli obblighi contrattuali.
<<Effettivamente il dirigente Graziano Angeli non è riuscito, a mio parere, a giustificare quelle che sembrano probabili violazioni del dettato contrattuale legato ad un aspetto economico che avrebbe svantaggiato la parte pubblica – sostiene Santini -. Il Comune ad esempio ha ammesso di non aver fatto pagare penali alla cooperativa che gestisce le due case di riposo, nonostante il capitolato di appalto lo preveda nella circostanza, che si è puntualmente verificata, di ritardi nel pagamento del canone, ma non è stato rivelato il motivo. Vicenda dai contorni davvero non chiari, a cui si aggiungono spese per 46mila euro per manutenzione ordinaria e straordinaria che sarebbero spettate da contratto alla cooperativa, e che invece il Comune ha scomputato dall’affitto annuale, rinunciando di fatto a quei soldi. Per non parlare delle gravi lacune emerse nell’inventario delle attrezzature presenti nelle strutture e il non adeguamento del canone di affitto alla cooperativa visto l’incremento di 14 ospiti in piu’ rispetto al previsto, per un ammontare di 143mila euro di maggiori introiti. La cifra annuale richiesta a chi gestisce le Rsa, infatti, viene calcolata in base alle presenze nella struttura. Per questo valuterò, insieme ai gruppi consiliari di opposizione, se richiedere una commissione d’indagine che valuti approfondidamente la situazione dei rapporti tra l’amministrazione e la cooperativa che gestisce le case di riposo Pia Casa e Monte San Quirico>>.
Infine Santini parla dei lavori della commissione controllo e garanzia. <<C’è un tentativo di rallentarne l’attività e condizionarla – spiega -, perchè gli altri componenti pretenderebbero di decidere insieme quali argomenti vanno bene e quali no. Da tempo sollecito un contributo di idee da parte dei membri di maggioranza, mai arrivato in un anno e mezzo, ed è chiaro che sono io di volta in volta a proporre argomenti di discussione. Una riprova? La seduta che si è tenuta oggi, l’ho chiesta il 27 novembre scorso, e ci sono voluti venti giorni per farla svolgere. In particolare a sbloccare la situazione è stato il segretario generale del Comune, che in un parere ha riconosciuto la legittimità del mio ruolo nel proporre i temi, così come della proposta di invitare esterni, che poi puo’ essere autorizzata o meno dalla presidenza del consiglio comunale>>.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com