Fratelli d’Italia, Petrini: “l’amministrazione Menesini non risponde alle nostre domande”

Fratelli d’Italia, Petrini: “l’amministrazione Menesini non risponde alle nostre domande”

CAPANNORI – Non è bastato rivolgersi al prefetto per avere risposte dall’amministrazione Menesini. Dopo le prime e imbarazzanti risposte – come quella dell’assessore Del Carlo circa i lavori al Pala Piaggia – la giunta in carica è infatti tornata al solito atteggiamento, non rispettando i tempi previsti dal regolamento del consiglio comunale circa le interrogazioni. Ad affermarlo il consigliere comunale in quota FDI Matteo Petrini.

 

Il 30 ottobre scorso, infatti, abbiamo protocollato come Fratelli d’Italia un atto nel quale si chiedeva all’amministrazione di fare chiarezza circa lo stato e le condizioni statiche e di manutenzione degli edifici pubblici e scolastici di proprietà comunale. Abbiamo inoltre chiesto se fosse attivo un monitoraggio costante sullo stato di sicurezza di tali strutture e se queste fossero in possesso di una serie di certificazioni previste dall’art.18 comma 3 del Decreto legislativo 81/2008 (tra le quali, ad esempio, il certificato di agibilità, i pareri di conformità anti-incendio, la dichiarazione di conformità degli impianti elettrici e di riscaldamento, il rischio amianto etc.).

 

La risposta a tale interrogazione risulterebbe ancor più importante in seguito ai recenti lavori di somma urgenza che hanno interessato le scuole di Camigliano e Lammari, resosi necessari in seguito a importanti infiltrazioni d’acqua che, nel caso di Camigliano, hanno costretto il responsabile del plesso scolastico a chiudere tre aule. Per non parlare dell’ormai triste vicenda del Pala Piaggia, dove i lavori per porre rimedio alle infiltrazioni del tetto della palestra non sono mai iniziati. Anche per quanto riguarda le palestre – prosegue Petrini – sempre in data 30 Ottobre avevamo protocollato un’interrogazione con la quale chiedevamo lo stato di queste, in funzione delle caratteristiche degli spazi per l’educazione fisica e sportiva previste dal Decreto Ministeriale 18 dicembre 1975.

 

Nonostante queste criticità, quindi, l’amministrazione guidata dal Partito Democratico si guarda bene dal fornirci le risposte richieste e, a distanza di tre mesi, tutto tace a dispetto di quanto previsto da regolamento. Regolamento che, invece, viene seguito alla lettera quando si tratta di voler terminare forzatamente il consiglio a un orario stabilito, rischiando in questo modo di inficiare i lavori dell’assise. Per non parlare di quanto promesso – all’interno delle poche interrogazioni che hanno ricevuto risposta – e mai mantenuto.

 

Chiediamo al Sindaco Menesini e al Presidente del Consiglio se questa è la modalità con il quale intendono amministrare il comune – conclude Petrini – e rapportarsi con il consiglio comunale. Modalità PD, verrebbe da dire. Ma che noi rifiutiamo.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com