“Fermata d’autobus”: al via il progetto per sviluppare il senso civico dei giovani

“Fermata d’autobus”: al via il progetto per sviluppare il senso civico dei giovani

LUCCA – Fermata d’autobus, è un progetto didattico rivolto alle scuole superiori delle aree di Pisa, Livorno, Lucca e Massa Carrara prevede la realizzazione di interventi di aula e percorsi sul territorio coordinate dalla presenza di operatori didattici esperti con l’obiettivo di fornire gli strumenti di base ai ragazzi per muoversi in autonomia e con consapevolezza con i mezzi pubblici nella loro città, sviluppare il senso civico dei giovani, stabilire una sorta di decalogo per usufruire dei mezzi pubblici nel pieno rispetto dell’altro, favorire a creare l’immagine del bus, non solo come mezzo di trasporto alternativo per rendere la qualità della vita nelle nostre città più sostenibile, ma anche come mezzo di incontro e socializzazione.

 

L’Educazione alla legalità rappresenta, in una società sempre più complessa e contraddittoria, uno degli aspetti fondamentali della formazione integrale della persona. Ha per oggetto la natura e la funzione delle regole nella vita sociale, i valori della democrazia, l’esercizio dei diritti di cittadinanza e significa elaborare e diffondere tra gli studenti la cultura dei valori civili per educare ad una nozione profonda dei diritti e dei doveri. Per le scuole non si tratta soltanto di realizzare o aderire ad un progetto, ma di costruire un percorso educativo che investa tutta l’Istituzione scolastica e in particolare i docenti di tutte le aree disciplinari, che devono a questo scopo ricercare e valorizzare i contenuti, le metodologie e le forme di relazione e valutazione degli apprendimenti. La legalità è riconoscibile quando si traduce in conoscenze sui principi che regolano la convivenza tra gruppi umani sempre più vasti, complessi e globalizzati e significa anche capire che le regole non sono e non vanno vissute come una imposizione: dalla più piccola alla più grande, tutte insieme esse rappresentano il risultato del patto sociale che garantisce libertà e dignità al singolo individuo.

 

Il progetto Fermata d’autobus prevede che le informazioni acquisite durante la fase di aula sono verificate attraverso un’esperienza sul campo: una simulazione di viaggio in bus con l’applicazione delle modalità di comportamento identificate in gruppo e la compilazione di alcune schede di rilevazione dati per valutare alcuni aspetti della mobilità urbana: tipologia utenti servizio, criticità, modalità di comportamento, richieste utenza ecc..
Le osservazioni e le riflessioni che scaturiscono dall’esperienza del viaggio guideranno i ragazzi nella scrittura di un testo, una vera e propria sceneggiatura che sarà la base di uno spot video di promozione del trasporto pubblico. Questa fase sarà supportata dalla presenza di un attore professionista che aiuterà a costruire alcune situazioni tipo significative per sottolineare gli aspetti più significativi connessi all’utilizzo dell’autobus: socializzazione, viaggio in sicurezza, rispetto delle regole ecc. e da un tecnico video che riprenderà la fase di drammatizzazione e realizzerà il prodotto finale.

 

Oggi 22 marzo a partire dalle ore 9.00 fino alla 12.00 la classe V D dell’Istituto Giorgi di Lucca Insegnante Pisani è stata coinvolta nelle riprese video sul bus nella zona di Porta Elisa.
Alla giornata ha partecipato Massimo Diodati, ipovedente dell’Unione Ciechi di Lucca che gentilmente ha accettato di prendere parte alla realizzazione dello spot.
Hanno coordinato la giornata, gli operatori esperti della Coop. Itinera che curano il progetto: Carlo Neri, Daniela Vianelli, Virginia Chirici.

 

Simona Deghelli, Consigliere di Amministrazione di CTT Nord, dichiara: “L’Azienda è orgogliosa di continuare il percorso già intrapreso negli anni scorsi in merito al progetto Fermata d’autobus. Iniziativa che quest’anno porta un valore aggiunto nato dalla collaborazione con il mondo dell’associazionismo UICI e ANMIL, importante fondamento nella comunicazione del valore del rispetto verso gli altri”.

 

Gabriele Bove, Assessore alla Mobilità del Comune di Lucca, dichiara: “L’accessibilità rappresenta un tema importante sul quale è impegnata anche l’Amministrazione Comunale. Rendere accessibili percorsi urbani, pensiline, marciapiedi non è solo un atto dovuto di civiltà verso chi ha seri problemi di mobilità ma facilita la vita quotidiana a tutte le categorie più deboli penso agli anziani ma anche alle mamme con bambini e passeggini. La città del futuro dovrà essere completamente accessibile. Quindi ringrazio CTT Nord per l’impegno dimostrato su questo argomento.” Bove prosegue dicendo: “Fermata d’autobus è un importante progetto per sensibilizzare i ragazzi alla legalità e al rispetto degli altri; seguendo semplici regole si migliora la vivibilità della città. È inoltre un’occasione per affrontare il tema dell’utilizzo del mezzo pubblico. Valore aggiunto di questo progetto è “l’educazione alla pari”, cioè il fatto che siano gli stessi ragazzi che girano gli spot da proporre ai coetanei. Ringrazio anche i ragazzi dell’Istituto Giorgi, gli insegnanti, Itinera e le associazioni UICI e ANMIL”.

 

Massimo Diodati (Presidente UICI Lucca e FAND Lucca) e Max Mallegni (Presidente Territoriale ANMIL Lucca, Vice Presidente Nazionale ASD ANMIL SPORT Italia e Vice Presidente FAND Lucca), hanno accolto con piacere l’invito di CTT Nord a partecipare alle riprese dello spot che vede tra i protagonisti anche Massimo. Massimo Diodati e Max Mallegni dichiarano: “La speranza è quella di sensibilizzare la cittadinanza e gli operatori dei mezzi pubblici circa i comportamenti da tenere per una vita accessibile a tutti”.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com