“Doppio Sorriso”, sostegno per donare gioia negli ospedali pediatrici

“Doppio Sorriso”, sostegno per donare gioia negli ospedali pediatrici

LUCCA – Una domenica pomeriggio divertente dedicata ai bambini e allo loro famiglie, e a sostengo del progetto “Doppio sorriso”, che grazie all’attore lucchese Alessandro Bertolucci porta l’esperienza del doppiaggio negli ospedali pediatrici come momento educativo e di intrattenimento per i bimbi ricoverati e in cura.
Domenica 7 gennaio all’auditorium della Fondazione Banca del Monte di Lucca, in piazza San Martino a partire dalle 15,30 si terrà un evento per vivere la magia dell’Epifania in compagnia dei classici Disney, con musica dal vivo, una divertente animazione per i bambini, attività da fare insieme per i grandi e i piccini. Nel corso dell’iniziativa è prevista una merenda e tante sorprese. La Fondazione Banca del Monte di Lucca insieme alla Banca del Monte di Lucca e alla Fondazione Lucca Sviluppo offrono alla città un momento dedicato alle famiglie per festeggiare il nuovo anno, come da tradizione.
L’appuntamento è ad ingresso gratuito, ma visto il numero di posti limitati è necessario prenotarsi entro il 5 gennaio telefonando allo 0583/450261 dalle ore 10 alle ore 12.

 

Domenica 7 gennaio sarà anche l’ultima occasione per visitare, al Palazzo delle esposizioni della Fondazione Banca del Monte di Lucca, in piazza San Martino, 7, “Vis-à-vis”, la mostra fotografica del lucchese Federico Giammattei, che vede protagonisti i ragazzi di Anfass Onlus di Lucca, ritratti negli “scatti” un attimo prima di entrare in scena. La mostra ad ingresso gratuito, promossa da Fondazione Banca del Monte di Lucca, Fondazione Lucca Sviluppo e Anffas Lucca, ci porta faccia a faccia con la disabilità, in un intenso gioco di specchi tra chi guarda e chi accetta di essere guardato, per superare i pregiudizi che spesso caratterizzano la percezione dell’handicap e arrivare a riconoscersi simili e partecipi della stessa avventura.

 

Il lavoro di Giammattei, un percorso fotografico tra recitazione e divertimento, travestimento e autoconsapevolezza, è frutto di una lunga esperienza nell’ambito della disabilità. Da oltre dieci anni infatti il fotografo frequenta i centri di Anffas Lucca dove è riuscito a educare i ragazzi alla propria immagine, vincendo la vergogna, la paura e l’incredulità che un occhio esterno suscitava in loro.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter