“Dillo in Sintesi” 2018: grandi novità per il festival delle brevità intelligenti

“Dillo in Sintesi” 2018: grandi novità per il festival delle brevità intelligenti

LUCCA – È stata presentata questa mattina, 31 gennaio, la terza edizione del Festival delle Brevità Intelligenti. Una tre giorni, 23-24-25 febbraio, che racchiuderanno dieci incontri per parlare di sintesi a 360 gradi. Un Festival unico nel suo genere che ogni anno cresce si rinnova e incontra sempre più consensi.

 

La manifestazione è promossa e organizzata dall’associazione “Dillo in Sintesi” con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca e la collaborazione del Comune di Lucca, Ufficio Scolastico Provinciale e Fondazione UIBI. Il programma è stato esposto stamani durante la conferenza alla presenza del Presidente dell’Associazione Alessandro Sesti, l’assessora Ilaria Vietina, il vice presidente della Fondazione Cassa di Risparmio Lucia Corrieri Puliti, il dirigente dell’Ufficio Scolastisco Provinciale Donatella Buonriposi e il compositore Girolamo Decaro, direttore artistico dell’associazione Cluster.
Nata da un’idea del vignettista e scenografo Alessandro Sesti, “Dillo in sintesi” è la prima manifestazione italiana che si occupa della valorizzazione della brevità ed è pensata come contenitore di eventi e conferenze legati alla sintesi, per facilitarne la comprensione e l’applicazione. Con un occhio di riguardo per i giovani e il mondo della scuola.

 

Le novità principali di quest’anno sono due: la prima è sicuramente quello che viene definito un fenomeno mondiale che mira a diffondere innovazione in soli 18 minuti: i TED talk.
«E’ una tecnica di comunicazione breve in cui si riesce a raccontare qualsiasi cosa in 18 minuti – spiega Alessandro Sestiè una tecnica che richiede strumenti molto importanti come per esempio il body language». Si tratta infatti di una tecnica americana che è arrivata nel nostro paese solo nel 2016 e sta già spopolando.

 

«Lucca vuole sperimentare questa tecnica perché la comunicazione è una competenza fondamentale nella vita di tutti i giorni – racconta Buonriposied è per questo che proporremo questa tecnica nelle scuole, per aiutare i ragazzi ad apprendere il dono della sintesi che potrà essere utile anche per entrare nel mondo del lavoro».

Sono stati infatti organizzati incontri nelle scuole dove poter condividere con i giovani questa tecnica così innovativa, venerdì 23 sarà la volta del liceo delle scienze applicate Fermi Giorgi e del liceo scientifico Vallisneri mentre il sabato 24 l’incontro sarà con i ragazzi del liceo sportivo Fermi e del liceo classico Machiavelli.

 

I relatori di questi incontri saranno esponenti dell’eccellenza in ogni campo che racconteranno la propria esperienza, la storia di un’idea e ne presenteranno il valore intrinseco e quello che potenzialmente ne può rivestire il futuro di tutti, e lo fanno in sintesi, in massimo 18 minuti che sono i tempi giusti per mantenere alta la concentrazione dell’ascoltatore.
«In un’era in cui le informazioni sono così tante è giusto dare ai giovani gli strumenti per identificare quelle utili al proprio futuro», conclude la Buonriposi.

 

La seconda novità riguarda il mondo della musica e il protagonista è il compositore lucchese Girolamo Decaro, entrato nella storia della musica per la composizione dell’opera lirica più breve mai scritta ed eseguita. Decaro presenterà, sul palco del Teatro del Giglio venerdì 23 febbraio, “TACI” l’opera che vedrà in scena un’orchestra di 35 persone, un direttore e un attore e che durerà solo 8 secondi.
«Ho avuto questa idea in occasione di un festival in Ungheria e sono stato premiato con solo 2 pagine di opera – racconta il compositore –. In America mi hanno insegnato le tecniche per stimolare la curiosità dello spettatore nel minor tempo possibile e io ho cercato di mettere in atto questi insegnamenti. È un lavoro coraggioso ma bisogna sempre fare dei gesti per far parlare dell’opera e soprattutto per aprire un teatro far sedere tutti e farli uscire dopo uno spettacolo di soli 8 secondi. Queste cose le fanno a New York, noi le facciamo a Lucca», conclude fiero Decaro.

 

“Dillo in Sintesi” taglia quindi il traguardo della terza edizioni con queste grandi novità.

 

«Brevità Intelligenti corrisponde a un passaggio culturale importante – spiega l’assessore Vietina perché tutti abbiamo bisogno di imparare a dare risposte brevi a domande complesse».

 

Tra le altre novità in programma lo studioso Giorgio Simonelli, esperto in cinema radio e tv, che parteciperà ad alcuni incontri con gli studenti sul giornalismo e la sintesi. Per quanto riguarda il cinema l’artista lucchese Cristina Puccinelli presenterà invece il trailer del suo corto sui Rolling Stones a Lucca.

 

«La Fondazione appoggia completamente questa iniziativa perché si tratta di un evento di conoscenza e crescita. I social network, sempre più presenti nella nostra epoca, ci obbligano ad avere gli strumenti giusti per comprendere e la sintesi è uno di questi. È giusto quindi dare la possibilità a tutti di ottenere questi strumenti», conclude la vice presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca Lucia Corrieri Puliti.

 

“Dillo in sintesi” si chiuderà domenica 25 febbraio alle 17 nella chiesa di San Francesco con ospite speciale, un personaggio della televisione, campione di sintesi, il cui nome sarà svelato dagli organizzatori tra qualche giorno, insieme ad altri piccoli dettagli del Festival.

Le conferenze nelle scuole sono riservate agli studenti. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso gratuito. Per aggiornamenti sul programma www.dilloinsintesi.it .

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter