Coronavirus, l’opposizione: “Pronti a fare la nostra parte operativa, attendiamo che il Comune ci chiami”

Coronavirus, l’opposizione: “Pronti a fare la nostra parte operativa, attendiamo che il Comune ci chiami”

LUCCA – <<In questo momento di emergenza non esistono né maggioranza né opposizione, ma solo la parola collaborazione istituzionale>>. Lo sottolineano in una nota i consiglieri comunali di lista civica e partiti di centrodestra, che tornano cosi ad affrontare l’allerta coronavirus che riguarda anche il nostro territorio.

 

 

<<Da settimane abbiamo dato la nostra disponibilità a far parte della cabina di regia dell’amministrazione per organizzare al meglio le iniziative necessarie al difficile momento che la cittadinanza sta vivendo – spiegano i consiglieri  – con un nostro rappresentante che ha una specifica professionalità in merito, il collega e dottore Alessandro Di Vito, ma anche attraverso altre figure che potrebbero essere utili. Un appello che rilanciamo con forza e che ci auguriamo venga accolto dal Comune già a partire dalle prossime ore, anche e soprattutto dopo la notizia del contagio del sindaco Tambellini e del provvedimento di quarantena per tutta la giunta municipale. Siamo dunque a disposizione, all’insegna del miglior spirito costruttivo possibile, ponendoci come primi obiettivi la pressione sugli enti preposti per la riattivazione immediata di tutta la palazzina ‘O’ del Campo di Marte (unica struttura che può essere considerata un’unità di alto isolamento’ dove il paziente può essere collocato per la sicurezza di tutti e visto che la rianimazione dell’ospedale San Luca si sta avviando verso la fase di saturazione) oltre che la cancellazione di alcune imposte locali per il 2020 quali la Cosap, Tari e Imu per gli immobili che sono concessi in affitto alle attività commerciali, utilizzando i 16 milioni incassati dal Comune per la vendita di Gesam Gas e Luce. Attendiamo solo di essere coinvolti direttamente nel servizio alla comunità, convinti che non ci sia tempo da perdere e che le divisioni politiche e i diversi punti di vista che abbiamo anche sulla gestione dell’emergenza, ora debbano essere messe da parte. Ci sarà tempo per affrontarli, ma solo quando saremo usciti (tutti insieme) dal tunnel>>.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com