Attrezzature sportive sulle mura: approvata all’unanimità la mozione di Barsanti

Attrezzature sportive sulle mura: approvata all’unanimità la mozione di Barsanti

LUCCA –  Installare attrezzature sportive per fare sport ed esercizi a corpo libero sulle Mura: è questo l’obiettivo della mozione presentata da Fabio Barsanti (CasaPound), approvata all’unanimità sale commissioni congiunte Lavori pubblici e Politiche formative, alla presenza dell’assessore allo sport Ragghianti e del dirigente Marchi, dell’Opera delle Mura.

 

“Finalmente può iniziare un iter concreto per offrire ai lucchesi la possibilità di allenarsi in modo completo sulle Mura – dichiara Barsanti in una nota – e per seguire gli interessanti precedenti di alcune città vicine e lontane. Le Mura, oltre ad essere il nostro principale monumento, costituiscono anche un parco utilizzato e sfruttato dai lucchesi per fare sport e altre attività all’aria aperta. Questi strumenti, di basso impatto sia economico sia paesaggistico, potranno consentire a cittadini e ad associazioni sportive di completare i propri allenamenti all’aria aperta, senza essere costretti a servirsi di tavolini o muretti.”

 

“La proposta ha trovato la convergenza di tutti i consiglieri di entrambe le commissioni – prosegue la nota – e ne è stata riconosciuta l’importanza anche in termini sportivi e sociali. Il testo approvato ha subito modifiche poco rilevanti e ricevibili, come quella di precisare come questo orientamento fosse presente nelle linee programmatiche dell’Amministrazione. Ebbene, onde evitare che, come al solito, esse rimangano lettera morta, questa approvazione darà concretezza ad un iter che potrebbe iniziare sin da subito. Sarebbe importante, infatti, far arrivare la mozione in Consiglio prima della pausa estiva e soprattutto prima del prossimo cda dell’Opera delle Mura.”

 

“In un momento in cui lo sport deve tornare ad assumere un ruolo fondamentale nella politica e nel futuro della nostra città – conclude Barsanti – questo è un importante segnale. Sport per tutti; impianti e strutture sportive da recuperare e società da seguire, come per esempio la Lucchese. Rimettiamo lo sport al centro; per i bambini, per il sociale, per i tifosi, per i lucchesi.”

4 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

4 Commenti

  • ZORRO
    18 luglio 2018, 23:08

    Intervento ad ok in un periodo particolare, un po’ da parac..detto questo idea eccellente, speriamo venga realizzata in tempi brevi.

    RISPONDI
  • AMMONIO
    19 luglio 2018, 02:04

    Mi sembra che installare su un monumento di architettura militare dei secoli XVI e XVII gli anelli e altri attrezzi in legno e metallo sia improprio. Tanto più se li si possono installare nel Parco Fluviale o in altri parchi della città. Anni fa, ai tempi di Fazzi, un imprenditore propose di far circolare sulle Mura un trenino per turisti e bambini. Uno di quei trenini su gomma, che si vedono quando viaggiano e finito il periodo di lavoro (primavera – estate) vengono messi in un garage. All’epoca vi fu una levata di scudi e la Soprintendenza finì per "sconsigliare" la circolazione del trenino. Alla fine non se ne face nulla. Ora, il trenino, mobile e presente solo per periodi limitati venne bocciato perché brutto e inadeguato al monumento, mentre gli anelli e le assi id equilibrio, fissati a terra per anni, sono belli e compatibili con le Mura??? MAH!

    RISPONDI
    • Piporitto@AMMONIO
      20 luglio 2018, 10:12

      Le altalene e i giochi per i bimbi quindi secondo lei non sono compatibili? In cosa differiscono, secondo lei, da qualche sbarra per trazioni o attrezzi simili?

      RISPONDI
  • elia
    19 luglio 2018, 15:47

    E’ una buona idea, così gli adulti eviteranno di usare le strutture dei parchi-gioco per bambini, rovinandole.
    Chiedo anche più manutenzione e sorveglianza per i suddetti parchi-giochi perchè ormai sono al limite dell’agibilità. Se poi un bambino si ferisse o peggio, allora magari verrebbero presi provvedimenti ma troppo tardi, come spesso succede per i beni pubblici.

    RISPONDI

.

Newsletter

Creocoworking