Attenzione per l’ambiente e interesse per gli agricoltori: svolta “verde” sulla Piana

Attenzione per l’ambiente e interesse per gli agricoltori: svolta “verde” sulla Piana

LUCCA – Si profila una svolta verde per il Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord, grazie a Claudio Ghilardi, Andrea Celli e Mario Lorenzo Tocchini: i tre nuovi membri dell’assemblea del Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord, eletti dopo le elezioni dello scorso week-end, che hanno visto la vittoria schiacciante del presidente uscente Ismaele Ridolfi. 

 

Attenzione per l’ambiente e uno spiccato interesse per le problematiche degli agricoltori, questi i principali punti grazie ai quali i tre nuovi eletti, al fianco di Ridolfi, daranno senza dubbio un contributo importante all’Ente: dove si è registrata la maggior affluenza al voto di tutti i Consorzi della Toscana.

 

Claudio Ghilardi, attualmente presidente del Consiglio del Comune di Capannori ed eletto con 177 voti nella sezione 2, ha da sempre seguito i lavori del Consorzio interessandosi alle problematiche segnalate dalla comunità. Grande sensibilità per i temi ambientali anche per Tocchini, eletto con 41 voti nella sezione 3, che da oltre cinquant’anni si occupa di progettazione di aree verdi private, pubbliche e industriali, nonché della manutenzione e degli allestimenti a verde per l’ambiente. Andrea Celli, eletto con 131 preferenze nella sezione 2, è discendente di una famiglia di coltivatori diretti, ed è a sua volta agricoltore, tra l’altro impegnato all’interno delle organizzazioni di categoria.

 

<<Tre personalità sicuramente importanti, che contribuiranno a rendere migliore il lavoro del nostro Ente, da sempre in prima linea per la sicurezza ambientale e idraulica – ha commentato Ismaele RidolfiIl rapporto col mondo agricolo, d’altro, è da sempre fondamentale per il Consorzio: gli agricoltori sono i custodi del territorio, quelli che più di ogni altro ne conoscono criticità e potenzialità. Il Consorzio da tempo

dav

lotta contro i cambiamenti climatici ed è indispensabile la collaborazione di tutti. Siamo partiti coi progetti di adozione dei fiumi e dei rii da parte di associazioni, scuole e migranti: perché si adotta e ci si prende cura solo di ciò a cui si vuole bene. Adesso, il nuovo salto di qualità dei progetti è quello di coinvolgere le associazioni anche nella pulizia periodica dei corsi d’acqua dai rifiuti, che pochi ma dannosi incivili gettano negli alvei. Da qui nasce l’iniziativa ‘La lotta alle plastiche in mare comincia dai fiumi: salviamo le tartarughe marine, salviamo il Mediterraneo”: un modo concreto per prevenire, appunto, i cambiamenti climatici’. Un progetto che, grazie anche al contributo di Ghilardi, Tocchini e Celli, porteremo avanti con ancora più forza>>.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com