Al Nautico di Viareggio arriva “Artiglio”: la Bavaria 49 pronta per le uscite scolastiche

Al Nautico di Viareggio arriva “Artiglio”: la Bavaria 49 pronta per le uscite scolastiche

VIAREGGIO – È approdata la barca del Nautico Artiglio. Gli studenti dell’Istituto tecnico cittadino da ora in avanti, avranno a disposizione un’imbarcazione scolastica per le uscite in mare.  «Si tratta del modello Bavaria 49 – spiega il professore Michele Bianchi, usata, ma in ottime condizioni, anche perché è stata restaurata di recente.  La barca è dotata sia di motore che di vela, è lunga 49 piedi, cioè circa 15 metri ed è la versione con ben 5 cabine: in pratica – continua l’insegnante – al suo interno ci stanno comodamente dodici persone. A breve gli studenti potranno esercitarsi, fare lezioni e partecipare alle settimane azzurre e alle varie escursioni, anche scientifiche, direttamente a bordo. Inoltre è un’imbarcazione ecologica perché nel momento in cui ci sarà vento saranno utilizzate solo le vele e, ad ogni modo, il motore consuma pochissimo. Credo che oggi sia diventato necessario sempre di più sensibilizzare i ragazzi sulla problematica dell’inquinamento e l’importanza dell’ecosostenibilità, noi lo facciamo già in classe con diversi progetti come il MARPOL, ma da oggi gli studenti potranno viverlo di persona anche con la nuova barca».

 

«L’importanza di avere un’imbarcazione della scuola – commenta il professor Umberto Bertilotti è soprattutto quella che possiamo lavorare con gli studenti direttamente sul campo: la nostra è una barca con cartografia elettronica e Radar, dunque si possono fare lezioni sia di navigazioni che dell’uso del Radar con cinematica Radar; poi, essendo sia una barca a vela che a motore, potrà consentire agli alunni di acquisire patenti nautiche a vela e a motore. È una barca confortevole – va nel dettaglio il professore -, perché oltre ad avere 12 posti letto, ha 3 bagni, la cucina, 2 frigoriferi ed è molto comoda in quanto ha un’altezza di 2,10 metri; ha una velocità di crociera di 6 nodi e una velocità massima di 9 nodi. Le vele sono nuovissime, come anche il motore che ha appena due anni. L’anno di costruzione della barca è il 2003, ma nel 2010 ha avuto un refit. Prima di acquistarla sono stati fatti tutti i controlli necessari e attualmente una ditta esperta sta controllando il timone e le manovre fisse. Insomma – conclude Bertilotti – un ultimo ritocco e tra poco meno di un mese la nostra barca sarà pronta per solcare il mare».

 

«Non posso che esprimere la mia più grande soddisfazione – dichiara il dirigente Nadia Lombardiper l’ennesimo traguardo raggiunto: non si tratta semplicemente di una barca, ma di un vero e proprio laboratorio galleggiante che potrà essere utilizzato da tutti gli studenti delle scuole che fanno parte del progetto grazie al quale abbiamo vinto il bando nazionale per i “Laboratori territoriali per  occupabilità”, finanziati all’interno del Piano Nazionale Scuola Digitale, con lo scopo di avvicinare i giovani al mondo del lavoro: 743 mila euro di finanziamento che sono stati utilizzati in gran parte per l’acquisto e il funzionamento del super tecnologico simulatore di plancia e adesso per la neo barca, ma non finirà certo così, perché ci sono già altre cose in cantiere… La barca sarà ovviamente utilizzata per la navigazione, ma non solo: servirà anche a quegli studenti che volessero studiare i fondali marini, la flora e la fauna, i cetacei o potrà essere utilizzata anche da terra per esplorarne e capirne i motori o, ancora, per studiarne il design e la moda. Insomma – conclude Nadia Lombardisi possono trovare tantissime opportunità in base ai diversi indirizzi scolastici».

 

 

«Quello dei  “Laboratori territoriali per  occupabilità” – ricorda il professore Andrea Costantinoè un progetto davvero importante che, tra l’altro, è stato vinto senza co-finanziatori, ma solo in forza delle nostre idee: infatti è stato ideato dal Galilei Artiglio capofila della rete costituita da altre scuole come il Liceo Scientifico Barsanti e Matteucci, l’Isi Piaggia, il Marconi ed altri Istituti lucchesi, ma vanta anche un partenariato d’eccellenza: Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, Stati Generali dell’innovazione, Navigo, Le Bocchette, due Parchi naturali, la Capitaneria di Porto ed altri soggetti di rilievo del sistema formativo e d’impresa del territorio».

 

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com