Affidi dei minori: interrogazione di Barsanti per avere numeri, metodi e costi dal Comune

Affidi dei minori: interrogazione di Barsanti per avere numeri, metodi e costi dal Comune

LUCCA – Dati certi, numeri e costi del funzionamento degli affidi nel Comune di Lucca. È ciò che ha chiesto, attraverso un’interrogazione protocollata in Consiglio comunale, il consigliere comunale Fabio Barsanti.

 

“Nei giorni in cui divampa una forte polemica per degli adesivi che criticano il silenzio tenuto per giorni da media e politica sullo scandalo di Bibbiano – dichiara in una nota il Consigliere comunale – rendo noto come, attraverso un’interrogazione protocollata due settimane fa in Consiglio, ho intenzione di affrontare in modo concreto l’argomento degli affidi a livello comunale. Ciò che è accaduto in Emilia Romagna è spaventoso, ma non è detto sia un caso isolato; la vicenda del Forteto, fatta di abusi e violenze su minori e nascosta per anni grazie alla complicità dei partiti di sinistra in Toscana, deve essere un monito per tutti”.

 

“L’interrogazione, per la quale ho richiesto risposta scritta – prosegue la nota – ha lo scopo di ottenere informazioni maggiormente dettagliate di quelle che, saltuariamente, ci vengono fornite nelle audizioni in Commissione Sociale. Desidero sapere il numero degli affidi e la loro distribuzione precisa tra le famiglie; il costo annuale per il Comune e il contributo economico pattuito con ciascuna famiglia; il numero e il nome del personale, anche esterno, a cui è stato delegato questo compito e le procedure con le quali l’Ente garantisce, da parte delle famiglie, il rispetto delle funzioni sociali ad esse delegate dalla legge.”

 

“È doveroso precisare – conclude infine Barsanti – come con questa richiesta io non intenda mettere in dubbio il lavoro del settore sociale del Comune e l’integrità del proprio personale. Il mio scopo è rendere partecipe l’opposizione e la cittadinanza tutta del funzionamento di un servizio così delicato, e per chiarire come a Lucca si possa avere fiducia in un sistema che, altrove, si è macchiato di reati gravissimi”.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com