Accoglienza è Arte, presentato il progetto che trasforma l’arte urbana in uno strumento di mediazione culturale

Accoglienza è Arte, presentato il progetto che trasforma l’arte urbana in uno strumento di mediazione culturale

CAPANNORI – Accoglienza è Arte, ovvero come un intervento artistico possa diventare fautore di un progetto di mediazione culturale, dove arte, bellezza, dialogo e integrazione sono diventate facce della stessa medaglia. È successo esattamente questo alla Comunità per minori “Carlo Del Prete”, grazie al progetto curato da Keras società cooperativa e sviluppato dalla cooperativa “L’Impronta”, grazie alla collaborazione con l’Asp “Carlo Del Prete” e al contributo della Fondazione Banca del Monte di Lucca e al coinvolgimento di partner privati come Baldini Vernici e Toscolano 1381.

 

Protagonisti sono stati i ragazzi minori che vivono nella Comunità Carlo Del Prete, l’edificio stesso, che è diventato il laboratorio creativo del percorso, due esponenti dell’arte urbana italiana, Tellas e Ciredz e gli operatori-educatori della struttura. E il risultato è sotto gli occhi di tutti: gli ambienti comuni dell’immobile che sorge addossato al centro storico accolgono oggi un grande murale astratto, dove disegni e colori hanno ridato vita a quegli spazi. Dapprima la zona scale, poi su al primo piano dove si apre il grande corridoio centrale fino alla cucina e al salone mensa.
Un lavoro durato due settimane, che sfocerà adesso nell’asta benefica, in programma giovedì 20 dicembre, alle 18 nei locali di Memo’s Boutique Events, in via di Mezzo, 15 a Lucca.

 

IL PROGETTO. Accoglienza è Arte è un progetto di mediazione culturale, curato da Keras Società Cooperativa, che ha preso il via, in questa sua prima tappa, grazie alla proficua collaborazione fra la Cooperativa L’impronta di Lucca e l’ASP Carlo del Prete. Il progetto ha visto la Comunità per minori come luogo di scambio culturale e sociale, attraverso un intervento artistico a cura di Tellas e Ciredz, esponenti della scena dell’arte urbana italiana. Gli ospiti della Comunità insieme agli artisti hanno realizzato un intervento artistico sulle pareti interne della struttura, un vero e proprio laboratorio di wall painting che è andato a trasformare gli ambienti nei quali i ragazzi vivono.

 

Nelle due settimane di residenza artistica anche gli studenti del Liceo artistico e musicale “Passaglia” e dell’Istituto professionale “Civitali” di Lucca hanno partecipato al progetto artistico, attraverso laboratori di fotografia e video, laboratori di artigianato e moda e grazie alla preziosa collaborazione dell’Atelier Ricci e di Villa Trentuno. La realizzazione del progetto è stata possibile grazie al contributo della Fondazione Banca del Monte di Lucca e al coinvolgimento di partner privati come Baldini Vernici e Toscolano 1381.

 

L’ASTA DI BENEFICENZA. Durante la serata di giovedì 20 dicembre verrà presentato il murales realizzato da Roberto Ciredz e Fabio Tellas e saranno proiettati foto e video di preparati da Fabrizio Bruno in collaborazione con gli studenti del liceo artistico e musicale “Passaglia”. Per l’occasione verranno mostrate al pubblico le gonne, uniche e inedite, cucite dall’atelier Ricci con i tessuti dipinti dagli artisti insieme con i ragazzi dell’istituto professionale “Civitali” e le borse di Villatrentuno, pezzi artigianali e fatti a mano, resi in questo caso ancora più speciali grazie agli inserti in pelle dipinta dai due esponenti dell’arte urbana italiana. Chiuderà l’evento il workshop sulla carta fatta a mano organizzato da Toscolano 1381.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com