Andrea Barsanti torna a Lucca

Andrea Barsanti torna a Lucca

LUCCA – Andrea Barsanti è l’ultimo colpo di mercato della Labroplastic. Dopo due anni in giro per l’Italia tra B/1 e B/2 (Bergamo, Pistoia, Bologna), il giocatore ha infatti trovato l’accordo per tornare a Lucca, nella società che nel 2002 lo ha lanciato in prima squadra, andando a completare il reparto degli esterni a disposizione di coach Piazza.

Contento, sono contentissimo – queste le prime parole di Barsanti in biancorosso – la squadra che è stata allestita mi sembra più forte di quella dello scorso anno e così rischiamo pure di giocarci i play-off”. Si conclude quindi la trattativa che ha tenuto impegnati i dirigenti lucchesi in questi ultimi giorni di mercato a causa delle molte richieste avute dal giocatore e dell’altro anno di contratto che aveva con il Gandino con il quale lo scorso anno ha realizzato 8,8 punti in 19,6 minuti.

Ora Andrea si concederà una settimana di vacanza in Versilia prima di presentarsi al raduno del Palatagliate in programma il 20 agosto. “Ho acquisito più maturità – conclude – negli ultimi due anni ho imparato a stare in campo, so gestire i falli con maggiore consapevolezza, così come ho migliorato il mio rapporto con gli arbitri”.

Classe 1986 e 186 centimetri, è un lucchese purosangue chee ha cominciato a giocare nel Minibasket San Donato sotto la guida di Patrizia Martini, poi a dodici anni è arrivato il suo passaggio a Montecatini dove ha vissuto in prima persona anche il fallimento della società. Poi il ritorno a Lucca nel 2002 con l’esordio in prima squadra. Dopo tre anni in biancorosso agli ordini di Locci, Piazza e Referendario, Barsanti viene chiamato anche in Nazionale Under 20 ed effettua tutta la preparazione per gli Europei. A quel punto decide di provare un’esperienza in B/1 a Bergamo per poi trasferirsi a metà stagione a Pistoia. Infine l’ultimo anno in B/2 al Gandino Bologna.

A Bologna mi sono trovato molto bene – continua il playmaker – poi la società ha comprato il titolo di B/1 e, dopo un primo momento in cui mi avevano detto che sarei rimasto, poi mi è stato comunicato che si erano indirizzato verso altri giocatori. A quel punto la situazione si è complicata perché abbiamo dovuto mediare per arrivare a una risoluzione consensuale del contratto. Non mi sono mancate le offerte per questa stagione ma alla fine, B/2 per B/2, ho preferito tornare a casa con un allenatore molto bravo che mi conosce bene e un gruppo affiatato con il quale potremo divertirci”.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com