Tonfano, duecento metri di passeggiata sul mare: inaugura il nuovo pontile

Tonfano, duecento metri di passeggiata sul mare: inaugura il nuovo pontile

PIETRASANTA (Lucca) – Si apre un nuovo ed importante capitolo per Pietrasanta che il 14 giugno vivrà l’inaugurazione dell’avveneristico Pontile di Tonfano. La struttura che per anni ha fatto discutere Pietrasanta è pronta ad aprire i battenti coi sui 214 metri di passeggiata sul maree nel prossimo futuro sarà sede di un’acquario avveniristico. La storia e tutti i numeri dell’opera.

LEGGI ANCHE:

Pontile di Tonfano: l’intervento integrale del sindaco Mallegni

Tonfano, inaugura il Pontile: un Sant’Antonio di festa sulla Marina

Un’opera fortemente voluta dal Sindaco Massimo Mallegni e dall’Assessore ai Lavori Pubblici Alfredo Benedetti fin dal momento del loro primo insediamento, tanto che dal 2000 è stata avviato l’iter procedurale. La prima bozza di progetto fu redatta dall’architetto Tiziano Lera, poi passata al professor Pierluigi Aminti della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Firenze e al professor Enzo Pranzini della Facoltà di Scienze della Terra dell’Università di Firenze. I tecnici presentarono un progetto di fattibilità che, appunto, già dimostrava la complessità costruttiva dell’opera stessa in quanto doveva tener conto di tutti gli aspetti di una costruzione realizzata sul mare (vedi correnti marine, apertura alla spiaggia ecc..). A quel punto il progetto è passato nelle mani dell’architetto Tiziano Lera e dei nostri Uffici Tecnici e, in seguito, in particolare per la parte a mare, al professor Stefano Caramelli e del suo staff.

La storia della realizzazione del Pontile
I lavori per il primo lotto sono iniziati nel dicembre 2003 e poi proseguiti con il secondo lotto nell’autunno 2005 per la creazione di un’opera che oggi rappresenta uno dei pochissimi Pontili in Italia progettato unicamente per fini turistico-ricreativi. L’opera ha una lunghezza complessiva di 380 metri di cui 214 a mare. Si tratta infatti di una vera e propria passeggiata incorniciata nella flora tipica del litorale con piazzole di sosta dove verranno collocate sculture per ricordare la fortissima vocazione artistica di Pietrasanta. Il camminamento si presenta nella parte centrale in asfalto architettonico intervallato da inserti in marmo con fasce laterali di 1,20 metri di legno Balau e parapetti in acciaio Aisi 316 L, mentre tutta la struttura e i pali portanti sono in acciaio corten, tutti materiali resistenti ai cloruri e all’atmosfera aggressiva con garanzie di durata. Il Pontile termina a mare con un rondò decagonale di 800 metri quadrati che rappresenterà uno spazio aggiuntivo per ospitare eventi e per momenti di intrattenimento. Come si è potuto ben vedere in questi ultimi tempi il lavoro sul Pontile è piuttosto frenetico in quanto, come tutte le cose, fino all’ultimo è necessario apportare qualche modifica: come l’illuminazione con pali in acciaio di ottima fattura che già creano uno spettacolare arredo ed effetto luci. Nella parte a terra invece il Pontile ospiterà un acquario di 12 vasche con tipologie ittiche locali e una sala per rappresentazioni virtuali (i lavori di creazione della zona- acquario partiranno il prossimo autunno). L’opera si concluderà nel 2009 con la sistemazione della piazza Europa e il restyling della fontana.

Le particolarità: arte, ambiente, cultura e storia
L’idea del Pontile nasce come matrimonio tra l’ambiente circostante, arte, cultura e la possibilità di intraprendere un vero e proprio percorso didattico e non solo turistico. Infatti dal Pontile in primis è possibile avere una visione unica dell’orizzonte marino e perfino scorgere Palmaria, Gorgona, Punta Bianca… armonizzandole come per magia con le retrostanti Alpi Apuane. In questo incantevole contesto naturale si inserisce la parte dunale ricreata nella zona a terra con l’inserimento delle tipicità della riserva di San Rossore.

Ma il Pontile fa rima anche con l’arte visto che nella piazza antistante verranno esposte per l’occasione opere di ‘big’ internazionali mentre lungo il camminamento saranno gli artigiani locali a organizzare una speciale esposizione; per il futuro il Pontile sarà luogo ideale dove ciclicamente, alla stregua di un vero e proprio atelier all’aria aperta, verranno esposte opere di diversi artisti collocate nei 5 balconi laterali che diverranno delle soste ‘estetico-estatiche’.

Il Pontile avrà poi una valenza di tipo didattico e scientifico: oltre all’acquario che sarà dotato anche di una sezione virtuale per le scolaresche, sui parapetti della struttura verranno collocate delle piccole riproduzioni in bronzo con l’indicazione delle conchiglie che si possono trovare lungo le nostre spiagge. Di valenza scientifica sarà anche la piazza terminale di forma decagonale che avrà una pavimentazione in legno e in marmo a mosaico con l’indicazione precisa della rosa dei venti con riferimenti dei punti cardinali e la riproduzione delle isole e dei monti visibili dalla piazza. A facilitare la lettura sarà un cartellone con la legenda utile ad interpretare ogni riferimento indicato nel suggestivo mosaico a colori. Sempre nel rondò finale verrà poi collocata una stazione meteo, un anemometro per rilevare la direzione dei venti oltre a binocoli panoramici.

L’impatto ambientale
Secondo l’amministrazione la struttura non presenta alcun problema di impatto ambientale dal momento che è frutto di uno studio preliminare che ha evidenziato che essa non produce alcun contributo alla modifica delle correnti marine perché posta nel punto di confluenza di una corrente proveniente da nord, interessata dalla foce del fiume Magra, e quella da sud che interessa la foce del Serchio e, di conseguenza, su di un arenile che tende per questo ad allungarsi sempre di più nel tempo. I 20 metri di campate la dicono lunga sul fatto che il Pontile garantisca la completa trasparenza della struttura rispetto alle correnti marine oltre a non rappresentare affatto una cesura con il tratto sottostante di arenile.

La parte dunale
Il progetto del Pontile ha previsto anche l’inserimento di piante e la creazione di dune per renderne ancor più suggestivo l’accesso. Proprio nel punto in cui la struttura prende avvio sono state create dune con una piccola depressione arricchite da innesti di essenze arboree. La ricostituzione di un piccolo complesso dunale è finalizzata a riportare in zona le specie caratteristiche delle spiagge della Toscana settentrionale già largamente rappresentante a Viareggio e Migliarino ma che invece sono scomparse nel tratto di spiaggia più a nord. Sono state reinserite specie rare e caratteristiche che riqualificano il paesaggio come l’ammofila, i ginepri ecc…che ben si armonizzano con la pietra arenaria di cui è rivestita la parte terminale del Pontile.

L’acquario
Sarà sicuramente una nuova attrazione turistica per la Versilia il grande acquario marino mediterraneo che verrà realizzato sotto il Pontile di Tonfano. L’acquario nelle intenzioni dell’amministrazione rappresenterà un utile strumento di svago per il turista sempre più interessato ad approfondire l’aspetto culturale della propria vacanza, ma anche per la popolazione locale ed il particolare per gli studenti durante il periodo invernale con visite guidate, seminari di biologia marina, esposizioni temporanee dedicate a vari temi inerenti il mondo marino. L’acquario marino mediterraneo di Pietrasanta avrà come principale vocazione la dettagliata riproduzione di ambienti mediterranei finalizzando le sue attività all’educazione ambientale ed al rispetto del mondo marino. Complessivamente sarà composto da 12 vasche, ognuna delle quali riprodurrà un ambiente tipico o ospiterà nelle vasche tematiche specie di particolare interesse. Il percorso della visita prevederà pannelli con testi su biologia delle specie e spiegazioni su ambienti riprodotti, video dvd per riproduzione documentari, saletta attrezzata per miniconferenze oltre a accessori didattico-educativi utili a fornire informazioni e approfondire la conoscenza dell’ambiente marino (modellini, riproduzioni in scala di animali…). Il nuovo acquario di Pietrasanta godrà di una posizione strategica dal momento che nel centro Italia tra gli acquari a Genova e a Monte Argentario è presente solo l’acquario del Centro Interuniversitario di Livorno tra l’altro in ristrutturazione e la cui apertura non è prevista in tempi brevi. Inoltre con questa nuova offerta sarà possibile contribuire al prolungamento della stagione mantenendo aperta la struttura anche in inverno e non solo per le scolaresche in visita.

I numeri del pontile
Lunghezza totale 380 metri – Lunghezza tratto su arenile 166 metri – Lunghezza tratto in mare 214 metri – Larghezza fuori tutto 6,20 metri – Larghezza utile 5,64 metri – Numero campate 14 – Luce teorica campata tipo 20 metri – Altezza sovrastruttura 96 centimetri – Spessore soletta di impalcato 10 centimetri – Numero balconi 5 – Dimensioni piazza terminale 800 mq.

1 commento

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

1 Commento

  • Admin
    16 maggio 2016, 18:35

    Non capisco come si possa giudicare positivamente un simile sconcio, per di più assolutamente inutile.
    Sulla spiaggia l’occhio dovrebbe spaziare libero verso l’orizzonte, mentre ora si devono vedere quelle zampacce di cemento che entrano nel mare.
    Ennesima prova della connivenza della mafia dei cementieri con la politica locale;in effetti l’orrendo aggeggio serve solo a loro.

    RISPONDI

.

Newsletter