In San Franceschetto la mostra delle Madonne del Civitali

LUCCA – La “Madonna del Latte” torna a Lucca. La notizia era già stata data qualche tempo fa, poco dopo l’acquisto dell’opera da parte della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. Da sabato 19 dicembre, e fino al 31 gennaio 2016, la terracotta di Matteo Civitali sarà esposta nella chiesa di San Franceschetto, insieme alla “Madonna del Trono”, prestata dalla Banca del Monte di Lucca e a riproduzioni fotografiche di altre opere del pintor lucchese. L’esposizione è organizzata dal Comitato Nuovi Eventi per Lucca in collaborazione col Polo Museale della Toscana e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

La Madonna del Latte, risalente al 1480 circa, rappresenta un esempio della versatilità di Civitali. Conosciuto prevalentemente come scultore del marmo e come protagonista indiscusso dei lavori di rinnovamento della Cattedrale di San Martino, l’artista approfondì anche la produzione di opere in terracotta e smalto colorato. Come, appunto, l’opera esposta.

L’opera, un altarolo in origine destinato alla devozione domestica e proveniente da collezione privata, è stata acquistata sul mercato antiquario dalla Fondazione e sarà donata al Museo Nazionale di Villa Guinigi. Racchiusa in una cornice lignea, l’opera è realizzata con materiali poveri, legno e terracotta, e ritrae la Vergine nell’atto di allattare il Bambino. La figura femminile, drappeggiata con un manto azzurro e rosso, guarda con devozione e affetto il figlio, rivelando in un momento di estrema intimità il suo duplice ruolo, di santa e madre.

Il blasone presente sotto le due figure deriva dall’unione dei due stemmi delle famiglie lucchesi dei Ghivizzani (o Ghivizzano) e dei Bernardini: elemento che ha contribuito all’attribuzione dell’opera a Civitali.

La grande somiglianza con le altre Madonne del Civitali hanno consentito di tributargli l’opera senza ulteriori indugi. Si concretizza, quindi, il progetto di un vero e proprio itinerario dell’opera di Civitali, attraverso la sua arte disseminata su tutto il territorio lucchese: da Mugnano a Borgo a Mozzano, da San Pietro a Vico fino al cuore della città, nella Cattedrale di San Martino.

La mostra resterà aperta tutti i giorni, escluso il giorno di Natale, fino al 31 gennaio 2016, dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 19.

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com