Più di 2000 candidati per 600 posti: al Polo Fiere la prima giornata di concorsi dell’Università di Pisa

LUCCA, 4 settembre – Fuori, volti tesi in attesa: genitori, amici, fratelli, sorelle e pure qualche cagnolino con le orecchie basse. Teste che si alzano, colli che si allungano. Dentro, borse e zaini abbandonati sui banchi per non indurre nessuno in tentazione. E tante teste di tutte le età e di tutt’Italia chine sul foglio.

Il Polo Fieristico di Sorbano del Giudice è stato invaso stamattina da oltre 2000 aspiranti matricole dell’Università di Pisa, alle prese con i 13 test nazionali per l’area Professioni Sanitarie. Sul piatto, poco meno di 600 posti per una carriera universitaria che per molti è il sogno di una vita, per altri un ponte di passaggio per arrivare ad altre facoltà.

“Li ho provati tutti – commenta una ragazza – ieri ho fatto ingegneria, oggi questo, poi provo biologia, ma il mio sogno è medicina. Da qualche parte mi prenderanno!”

Quindi, un posto ogni 5 candidati, circa. La più quotata, e quella con maggiori possibilità, è la facoltà di Scienze Infermieristiche (350 posti), ma questa mattina c’era la possibilità di provare il test anche per Logopedia (10 posti), Podologia (20posti), Dietistica (12 posti), Fisioterapia (22 posti), Igiene Dentale (15 posti), Ostetricia (18 posti), Tecnica della riabilitazione psichiatrica (15 posti), Tecniche audioprotesiche (30 posti), Tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro (20 posti), Tecniche di laboratorio biomedico (20 posti), Tecniche di radiologia e radioterapia (20 posti) e Terapia della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva (15 posti).

Il test, della durata di 100 minuti, era composto da 60 domande a crocette divise tra cultura generale e logica, biologia, chimica, fisica e matematica.

All’uscita i volti erano distesi, stanchi ma sereni. “Spero sia andato bene – commentano in molti – non so se ho fatto tutto giusto, ma il test era fattibile”. Anche se, a furor di popolo, la bestia nera di questo test è stata la parte di chimica. 

I test al Polo Fieristico proseguiranno lunedì 7 settembre con le prove per Biotecnologie e Scienze Biologiche, martedì 8 con Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e Protesi Dentaria, mercoledì 9 con Medicina Veterinaria.

E per chi si domanda il perché di questo trasferimento a Lucca: Pisa non dispone delle strutture adatte ad accogliere un così grande numero di candidati. Gli anni passati i concorsi d’ammissione si tenevano nel Polo Fieristico Expo a Ospedaletto, quest’anno inagibile e comunque troppo piccolo. 

Sara Berchiolli

4 commenti

Inserisci il tuo commento

La tua e-mail non verrà pubblicata. compila tutti i campi obbligatori*

Se pubblichi stai dando il consenso alle regole di base , ai termini del servizio e alla normativa sulla privacy
Annulla

4 Commenti

  • Admin
    4 settembre 2015, 17:19

    Aboliteli questi test!

    Non ammettere futuri aspiranti medici e cos’altro perchè non sanno mettere in fila 3 premi nobel in ordine di data NON HA ALCUN SENSO.

    Chi vuole fare l’università, la faccia..senza esclusione di numero..e toglieremo dalle strade orde di disoccupati.

    RISPONDI
  • Admin
    4 settembre 2015, 17:46

    ad una media di 40 euri ad esame per ogni candidato, facciamo i conti…che stato ladro!e questo sarebbe diritto all’istruzione! contro i numeri chiusi!

    RISPONDI
  • Admin
    4 settembre 2015, 17:46

    “Li ho provati tutti – commenta una ragazza –”

    ottimo, quello di cui abbiamo bisogno è proprio di medici sicuri e ben motivati!

    RISPONDI
  • Admin
    4 settembre 2015, 20:13

    Li ho provati tutti…ahahahahahhah….no bimba resta sempre la zappa!!!

    RISPONDI

.

Newsletter


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com